Revo Foods prodotti ittici a base vegetale dalla stampante 3D

Revo Foods vuole offrire prodotti ittici a base vegetale dalla stampante 3D

La giovane start-up Revo Foods di Vienna ha assunto la produzione di prodotti ittici stampati in 3D. Invece del pesce vero, deve essere sviluppato un sostituto del pesce alternativo a base vegetale. Revo Foods lo produce da proteine ​​di piselli, fibre di agrumi, oli vegetali ed estratti di alghe, tra le altre cose. A breve si svolgerà una degustazione di prodotti a Vienna.

Quando si tratta di godersi il cibo stampato in 3D, molti sono ancora indecisi. Un sondaggio Bitkom ha mostrato che solo un tedesco su otto vorrebbe provare la carne della stampante 3D . In Israele, Redefine Meat è riuscita a convincere i mangiatori di prova delle loro bistecche senza carne dalla stampante 3D in una degustazione alla cieca in collaborazione con Best Meister, e ci è riuscita . La società Legendary Vish vuole persino far avanzare la stampa 3D del pesce con un nuovo concetto e solo di recente si è avventurata nella stampa 3D alimentare, nota come stampa alimentare .

La start-up Revo Foods , azienda nata dall’idea imprenditoriale di Legendary Vish, vuole utilizzare proteine ​​di piselli, fibre di agrumi, oli vegetali ed estratti di alghe per sviluppare fette di salmone affumicato a fette e un tipo di tarama. Attirano l’attenzione anche su se stessi con i filetti di salmone 3D per il sashimi. La loro prima degustazione a marzo in un caffè viennese dovrebbe convincere i consumatori della loro idea.

Offrono prodotti ittici a base di piante. Usano undici diversi ingredienti come estratti di alghe, fibre di agrumi, oli vegetali e proteine. Ognuno ha il proprio compito. Gli oli assicurano che anche un boccone di un rotolo di salmone abbia il sapore del salmone. Le alghe ricordano il sapore salato del mare. Lo Smokey One è un salmone affumicato sviluppato dalla start-up e venduto sotto forma di creme spalmabili.

Passaggio successivo: linea di produzione automatizzata
Una linea di produzione automatizzata aiuterà Revo Foods a stampare in 3D grandi quantità di salmone in varie forme. Per la stampa viene utilizzato un processo di estrusione, in cui viene depositata una miscela di piante e altri componenti dell’impianto. Revo Foods lavorerà anche alla produzione del tonno.

La stampa 3D del cibo combatte l’impatto ambientale delle condizioni di lavorazione utilizzate. Consumiamo 20,3 kg di pesce e prodotti dell’acquacoltura pro capite all’anno. I fondatori di Revo Foods, Robin Simsa, Theresa Rothenbücher e Hakan Gürbüz vogliono affrontare i problemi che derivano dall’ambiente.

Le parti interessate avranno l’opportunità di testare i prodotti Revo Foods il 6 marzo a Vienna. Ulteriori informazioni possono essere trovate sul sito web della giovane azienda . Il link sul sito web porta al negozio di bagel Budapest Bägel a Vienna . Continueremo a riferire sull’ulteriore sviluppo di Revo Foods e sulla stampa 3D di alimenti in generale nella rivista 3D-limitless ( iscriviti alla newsletter ).

Be the first to comment on "Revo Foods prodotti ittici a base vegetale dalla stampante 3D"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi