Una stampante 3D può essere hackerata?

Le stampanti 3D vengono utilizzate sempre di più. Nell’industria, nelle piccole e medie imprese, nelle istituzioni educative come le università, ma anche negli studi di ingegneria, con gli architetti e, sempre più, con gli utenti finali privati. Ma quanto sono sicure le stampanti 3D? Le stampanti 3D possono essere violate? E quali opzioni ci sono per proteggere la tua stampante 3D dagli attacchi degli hacker e renderla più sicura?

La stampa 3D , un processo di produzione in cui una stampante 3D applica il materiale strato per strato e quindi viene creato un oggetto finito, sta diventando sempre più popolare. L’uso delle stampanti corrispondenti non è in aumento solo nell’industria, i dispositivi sono diventati accessibili anche nel settore privato e stanno trovando la loro strada nei salotti e nei laboratori di hobby.

Ma come ogni tecnologia relativamente nuova che si è affermata sul mercato, non solo presenta vantaggi ma anche rischi. I produttori devono proteggere la proprietà intellettuale e proteggere le stampanti dagli hacker. Quanto è grande il rischio di attacchi hacker e come proteggersi ( ad esempio con un servizio VPN ) è spiegato di seguito.

Rischi per la sicurezza della stampante 3D
Sicurezza della stampante 3D
Quanto sono sicure le stampanti 3D? Per coloro che desiderano proteggere la propria stampante 3D, ci sono numerose possibilità per rendere sicura la propria stampante 3D
In una rete, privata o aziendale, le stampanti 3D funzionano in modo simile alle fotocopiatrici: accettano automaticamente le connessioni in entrata, il che rappresenta una minaccia per la sicurezza informatica. In questo modo, qualsiasi hacker che rompe le difese iniziali della rete può accedere e controllare il dispositivo.

Il problema è che nelle aziende più piccole o nel settore privato la protezione della rete spesso non va al di là di un firewall. Nel caso dei privati, la tentazione per gli hacker di accedere a una stampante 3D potrebbe essere minore; tuttavia, rappresenta una grave minaccia per la proprietà intellettuale e la sicurezza nelle aziende.

Gli hacker possono persino manipolare un prodotto in modo che arrivi sul mercato con un malfunzionamento. I criminali informatici potrebbero anche usarlo per ricattare le aziende o addirittura prendere di mira gli incidenti; un esempio potrebbe essere l’industria automobilistica, dove tale manipolazione avrebbe conseguenze devastanti.

In alternativa, gli hacker vendono i dati rubati dalla stampante 3D alla concorrenza. Forse un’azienda li ha addirittura assunti apposta – parola chiave spionaggio aziendale.

La migliore protezione della stampante 3D
La stampa 3D consente di risparmiare sui costi, aumenta il volume di produzione e offre risultati migliori. Tuttavia, se decidi di farlo, dovresti anche seguire alcuni passaggi importanti:

Aumenta la sicurezza della rete
In ogni caso, le stampanti 3D devono essere integrate in una rete sicura. La base dovrebbe essere un firewall già integrato nei comuni sistemi operativi. Al giorno d’oggi, molti router vengono forniti dalla fabbrica anche con un firewall. È importante notare che il miglior firewall è di scarsa utilità se non è attivato. Le aziende dovrebbero anche considerare l’utilizzo di una soluzione firewall più potente e acquisire competenze professionali per proteggere la propria rete. Perché i rischi si annidano ovunque per le aziende di tutte le dimensioni.

Crittografia dei file
Le stampanti 3D funzionano con i cosiddetti dati CAD (progettazione assistita da computer). Questi dovrebbero essere crittografati, perché senza una crittografia sufficiente, gli hacker hanno un accesso più facile ai file e possono analizzarli o modificarli. Esistono strumenti di crittografia speciali creati per la produzione additiva che una stampante utilizza.
A
Una VPN (Virtual Private Network) è una soluzione per aziende e privati. In tempi in cui le persone lavorano da casa più spesso, aumenta il rischio che i dipendenti possano inavvertitamente diventare un rischio per la sicurezza di un’azienda. Perché accedono alla rete aziendale dall’esterno, in alcuni casi con PC privati, che a loro volta non possono essere adeguatamente protetti. Le aziende si affidano a una connessione VPN soprattutto per le aziende. Non importa dove si trovino, i dipendenti possono accedere alla rete aziendale tramite una connessione VPN protetta. Ciò rende molto meno probabile l’accesso non autorizzato alle stampanti 3D.

I privati ​​che hanno integrato una stampante 3D nella loro rete domestica possono anche estendere la protezione di base di un firewall con una VPN. Molte soluzioni VPN sono disponibili su tutti i dispositivi oppure è possibile installare una VPN su un router.

Metodi di rilevamento dei difetti di stampa
Nel frattempo sono sempre di più sul mercato metodi in grado di riconoscere con le ultime tecnologie se l’oggetto stampato corrisponde al file CAD associato. In questo modo, le aziende possono determinare se si è verificato un tentativo di sabotaggio prima della produzione di massa e del rilascio sul mercato.

Questa procedura è quindi intesa più come un cancello di sicurezza finale se tutte le misure sopra menzionate falliscono. Per le produzioni in cui la sicurezza del prodotto finale ha una priorità ancora maggiore rispetto ad altri settori (la suddetta produzione automobilistica ne sarebbe un esempio), questo processo diventerà lo standard.

Gli esperti di sicurezza in questo settore stanno diventando sempre più importanti
L’area della stampa 3D sta ancora crescendo con un grande potenziale e la sicurezza continuerà a crescere in importanza in quest’area. Pertanto, le aziende in particolare – utenti privati ​​un po ‘meno – si affideranno sempre più a fornitori di terze parti che si occupano della sicurezza della stampante 3D.

Conclusione
Il potenziale delle stampanti 3D non deve essere sottovalutato. Come ogni altro dispositivo integrato in una rete, questi sono esposti agli stessi pericoli per quanto riguarda la criminalità informatica, ma comportano un rischio incomparabilmente maggiore che gli hacker possano sottrarre dati estremamente sensibili; diverso, ad esempio, dalle fotocopiatrici in un ambiente di rete.

Con le giuste precauzioni di sicurezza come un servizio VPN, strumenti di crittografia e, se necessario, l’aiuto di fornitori di terze parti, chiunque può prevenire efficacemente un hack sulla propria stampante 3D

Be the first to comment on "Una stampante 3D può essere hackerata?"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi