Essendo uno dei più grandi gruppi industriali francesi, Safran implementa costantemente nuove innovazioni per soddisfare le esigenze dei propri clienti globali. Come molti marchi internazionali, come BMW e Volkswagen , Safran ha un centro dedicato esclusivamente alla stampa 3D chiamato Safran Additive Manufacturing Campus (SAMC). Non è un caso che l’azienda francese specializzata in abbia deciso di aprire un centro del genere, da diversi anni uno dei principali utilizzatori della manifattura additiva nel settore aeronautico. Tra le eliche e gli alloggiamenti del carrello di atterraggio, Safran ha stampato in 3D un gran numero di parti. E per aumentare la sua produzione, il gruppo francese ha integrato la stampante 3D industriale MetalFAB1 di Additive Industries nel suo centro.

Installato lo scorso giugno per una fase di test, il MetalFAB1 è stato ufficialmente adottato da Safran. Ian C. Howe, CEO di Additive Industries, è soddisfatto: “ Siamo onorati che Safran abbia scelto la tecnologia MetalFAB1 e la nostra azienda e siamo lieti di avviare una partnership a lungo termine per sviluppare la tecnologia e le applicazioni. con il gruppo Safran. ” Prima di aggiungere: “ Siamo convinti che le nostre tecnologie siano perfettamente adatte al mercato altamente tecnico in cui opera Safran e ci impegniamo a contribuire agli sforzi di Safran per sviluppare nuove applicazioni con la produzione additiva, in particolare produttività e qualità. alti livelli, uniti alla massima sicurezza per la forza lavoro.”

 
Fondata nel 2012 vicino a Eindhoven nei Paesi Bassi, Additive Industries è l’origine di MetalFAB1. La stampante 3D industriale, modulare e scalabile, secondo il produttore offre la massima flessibilità e consente configurazioni fino a 11 moduli. Basata sul processo di fusione laser a letto di polvere, la macchina ha un volume di stampa di 420 x 420 x 400 mm. Inoltre, per ridurre gli errori umani e migliorare la riproducibilità, il processo è completamente automatizzato. In questo modo gli utilizzatori della macchina sono in grado di produrre velocemente un gran numero di pezzi contenendo i costi.

Se Safran ha optato per questa macchina, è principalmente per realizzare particolari complessi destinati ai settori dell’aeronautica e della difesa, settori in cui i componenti realizzati devono soddisfare determinati requisiti, in particolare in termini di resistenza alla temperatura. Con questa nuova macchina, Safran desidera aumentare le proprie capacità produttive limitando i costi di produzione. FX Foubert, CEO di Safran, conclude: “Con l’integrazione di una stampante AM MetalFAB1 presso Safran, miriamo a raccogliere la sfida delle prestazioni al giusto livello di qualità delle materie prime e produttività per l'”alluminio”.

Christian Fleury / CAPA Pictures / Safran

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi