Dopo anni di stealth , la società di ricerca biotecnologica Satellite Bio è uscita dalla modalità invisibile la scorsa settimana con oltre 110 milioni di dollari di finanziamenti per aprire la strada a una categoria completamente nuova di medicina rigenerativa chiamata terapia tissutale e ha annunciato l’ex dirigente di Novartis Dave Lennon come CEO.Satellite Bio lancia un nuovo approccio ai tessuti di bioingegneria
Sostenuto da 110 milioni di dollari in finanziamenti di venture capital, Satellite è guidato da Dave Lennon, ex capo di Novartis Gene Therapies.
 
 
Autorizzazione concessa da Satellite Bio
Impiantato in topi con fegati feriti, il fascio di cellule umane è cresciuto e si è espanso. Nei tre mesi successivi, le cellule hanno svolto attività epatiche di routine, producendo proteine ​​​​e raggruppandosi in strutture simili a quelle che si trovano nell’organo.

L’esperimento di laboratorio, descritto in un articolo pubblicato nel 2017, ha suggerito un nuovo modo per ripristinare o riparare i tessuti danneggiati.

Per Sangeeta Bhatia e Christopher Chen, due degli autori dell’articolo, i risultati hanno rappresentato un passo importante nell’avanzamento della ricerca a cui avevano dedicato la maggior parte dei due decenni.

 
“Stavamo lavorando su due lati di un problema clinico davvero importante, che era come fornire gruppi di cellule funzionali nel corpo per supportare i tessuti”, ha affermato Bhatia, direttore del Center for Nanomedicine presso il Massachusetts Institute of Technology

I loro progressi li hanno portati due anni fa a fondare una società di biotecnologie che mercoledì è stata ufficialmente lanciata come Satellite Bio, sostenuta con $ 110 milioni di finanziamenti e guidata dall’ex capo dell’attività di terapia genica di Novartis, Dave Lennon.

L’azienda mira a tradurre il lavoro di Bhatia, Chen e del loro cofondatore Arnav Chhabra in “terapie tissutali” – medicinali rigenerativi costruiti da strutture tissutali bioingegnerizzate, o “satelliti”, che possono essere impiantati nei pazienti.

La loro ambizione è ampia. Satellite prevede lo sviluppo di terapie per malattie rare e condizioni più diffuse. Inizialmente, si concentrerà sulle malattie del fegato, ha detto Lennon, ma alla fine potrebbe prendere di mira malattie metaboliche, grave obesità o persino neurodegenerazione.

Sebbene Satellite rimanga a una certa distanza dai test clinici, Bhatia e Lennon hanno affermato che l’azienda si sta lanciando al momento giusto, basandosi sui progressi nei campi adiacenti della terapia cellulare e genica e sull’aumento degli investimenti nella medicina rigenerativa.

 
 
“Il mercato è finalmente pronto per ricevere queste terapie: le autorità di regolamentazione, le [aziende] farmaceutiche, persino i pagatori”, ha affermato Bhatia. “L’intero ecosistema è ora stabilito. Non era così quando abbiamo iniziato”.

Oltre a un elenco crescente di terapie cellulari e geniche approvate, l’anno scorso la Food and Drug Administration ha approvato due prodotti di tessuti derivati ​​da donatori per un raro disturbo immunitario e per ustioni termiche , ad esempio.

L’approccio di Satellite inizia con un “seme” di cellule, che sono costruite in gruppi più grandi incorporati all’interno di un idrogel degradabile progettato per promuovere l’attecchimento dei tessuti.

Secondo Bhatia, la sua ricerca e quella di Chen hanno mostrato che il numero e il tipo di cellule vicine con cui sono raggruppate sono caratteristiche importanti. “Ciò ha portato a questa tecnologia di piattaforma in cui ci siamo resi conto di avere tutti gli strumenti per rendere funzionali le celle assemblandole in collettivi”, ha aggiunto.

Una volta impiantato, la prossima sfida è incoraggiare i vasi sanguigni a crescere nell’impianto, un’area di ricerca guidata da Chen, che è il direttore del Biological Design Center della Boston University. 

“Non stiamo cercando di sostituire gli organi nel modo in cui si vede nei trapianti di organi”, ha detto Bhatia. “Si tratta di piccoli impianti di carte di credito e, poiché sono pieni di cellule funzionali sane, possono fornire una funzione di richiamo e supportare il ripristino di organi sani”.

Satellite afferma che il suo approccio può funzionare con “praticamente qualsiasi tipo di cellula”, comprese le cellule staminali pluripotenti indotte e le cellule adulte mature.

La produzione sarà uno dei principali ostacoli di Satellite e uno dei primi obiettivi man mano che l’azienda si muove verso i test clinici. Secondo Lennon, circa il 40% dei circa 40 dipendenti attualmente in Satellite lavora in operazioni tecniche.

 
 
“Abbiamo davvero mirato a un aumento che ci permettesse di entrare in clinica con il nostro programma, che include il ridimensionamento dell’azienda a una produzione di livello clinico e … dimostrando [ ing ] la prova di principio su più tipi di cellule diverse”, ha affermato Lennon.

Nel team esecutivo di Satellite si uniscono a Lennon Laura Lande-Diner, un’imprenditrice seriale e in passato cofondatrice di diverse società biotecnologiche, e Tom Lowery, in precedenza direttore scientifico di T2 Biosystems. Lande-Diner è stato nominato Chief Business Officer presso Satellite e Chief Technical Officer di Lowery.

Il round di serie A di Satellite è stato guidato dalla società di venture capital israeliana aMoon Growth. Ad AMoon si sono uniti i precedenti investitori seed Lightspeed Venture Partners, aMoon Velocity, Polaris Partners e Polaris Innovation Fund, nonché i nuovi investitori Section 32, Catalio Capital e Waterman Ventures.

Fondata proprio all’inizio della pandemia di COVID-19, la raccolta fondi di Satellite è avvenuta quando il mercato delle aziende biotecnologiche ha raggiunto il picco e poi è crollato. La flessione sostenuta nell’ultimo anno ha costretto alcune nuove startup a ridisegnare i loro piani di finanziamento e a pensare di rimanere private più a lungo.

Lennon ha riconosciuto quel cambiamento nel sentimento degli investitori. “Stiamo pianificando un futuro in cui la raccolta fondi potrebbe essere più difficile”, ha aggiunto, “e penso che tutti debbano adattarsi a questo”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi