Sfida della NASA: il team coreano sviluppa una costruzione stampata in 3D per lo spazio

Il team coreano sviluppa la stampa 3D per costruzioni spaziali in situ per la sfida della NASA
Lo sviluppo della capacità per la produzione in situ utilizzando le tecnologie di stampa 3D è fondamentale per la produzione e la costruzione nello spazio, soprattutto se dobbiamo esplorare o abitare altri ambienti spaziali, come Marte o la Luna . La NASA , come parte del suo programma Centennial Challenges, ha ospitato una 3D Printed Habitat Challenge dal 2015con un premio in denaro di oltre $ 2,25 milioni, in cui il pubblico è incoraggiato a sviluppare soluzioni tecnologiche avanzate per costruire habitat di esplorazione spaziale sostenibili utilizzando la stampa 3D. Il concorso è stato suddiviso in tre fasi, con la Fase 1 incentrata sulla progettazione dell’habitat, la Fase 2 sullo sviluppo delle tecnologie dei materiali e il collaudo degli elementi strutturali e la Fase 3 finale sulla costruzione e modellazione di un habitat in loco.

In uno studio della Hanyang University, i ricercatori Jin Young Lee e Tai Sik Lee hanno sviluppato una struttura di tre metri di diametro per due metri di altezza che soddisfa i requisiti della competizione di Fase 3 per un habitat spaziale stampato in 3D su scala di un terzo. Tai Sik Lee , professore alla Hanyang University (Seoul, Corea del Sud) e presidente dell’Istituto coreano di ingegneria civile e tecnologia edile, svolge ricerche nello spazio e nelle costruzioni estreme da più di dieci anni. Ha anche guidato il gruppo Moon X Construction, il team internazionale leader nella competizione, quando hanno partecipato e vinto la Fase 2, Livello 2 – Beam Member parte della Structural Member Competition, parte della NASA 3D-Printed Habitat Challenge.

La fase 3 della sfida è stata la competizione On-site Habitat , per la quale i ricercatori dell’Università di Hanyang hanno pubblicato il lavoro dal loro ingresso nel Journal of the Korean Society of Civil Engineers, nel novembre dello scorso anno. La NASA 3D-Printed Habitat Challenge è ora completa, con i vincitori dell’ultima Fase 3 annunciati a maggio 2019. La struttura MARSHA di AI Space Factory è stata annunciata come vincitrice della Fase 3 con un design sorprendente fatto di una combinazione di un composito di fibra di basalto e una bioplastica a base vegetale.

Per i ricercatori coreani, come parte dell’obiettivo dell’International Space Exploration Research Institute (ISERI) di sviluppare tecnologie di costruzione in-situ Resource Utilization (ISRU) per consentire e contribuire all’esplorazione umana della Luna e di Marte, è stato sviluppato un simulante di materiale lunare coreano , KOHLS-1. Questo studio si concentra sull’identificazione di un materiale legante appropriato per KOHLS-1 e sulla costruzione di un prototipo dell’habitat spaziale come richiesto dalla competizione. Il materiale di stampa 3D, una combinazione di simulante lunare KOHLS-1 e leganti a base di polimeri di cui una combinazione di polietilenglicole (PETG) si adatta meglio, è stato prodotto sotto forma di pellet. Ciò non solo fornirebbe un metodo efficace per utilizzare la luna o altre risorse planetarie per la costruzione, ma può anche essere utilizzato sulla Terra, per soluzioni di costruzione più sostenibili e riciclabili.

Be the first to comment on "Sfida della NASA: il team coreano sviluppa una costruzione stampata in 3D per lo spazio"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi