Shell e LRQA (ex Lloyd’s Register) hanno certificato un recipiente a pressione stampato in 3D in conformità con la Direttiva europea sulle apparecchiature a pressione (PED). Questo è il culmine di una collaborazione di 4 anni per dimostrare l’applicazione della stampa 3D nel settore energetico. Shell è la prima azienda in Europa ad aver ottenuto la certificazione CE da un’autorità di terze parti per una parte stampata internamente in 3D. LRQA, in qualità di Organismo Notificato, ha classificato la nave stampata nella categoria PED III.


“Questo rappresenta una pietra miliare significativa, non solo per l’industria della produzione additiva, ma anche per la comunità delle attrezzature a pressione. Questo è il primo recipiente a pressione con marchio CE approvato da un organismo notificato indipendente”, ha spiegato David Hardacre , Lead Specialist, LRQA. “Il viaggio intrapreso insieme da Shell e LRQA è stato tecnicamente impegnativo ma immensamente gratificante. Ora abbiamo stabilito un percorso per chiunque possa certificare attrezzature a pressione prodotte in modo additivo ai sensi della PED”.
Questo rappresenta una pietra miliare significativa, non solo per l’industria della produzione additiva, ma anche per la comunità delle attrezzature a pressione.
La nave è stata prodotta tramite Powder Bed Fusion presso l’Energy Transition Campus di Amsterdam ed è progettata per pressioni fino a 220 bar. Questa certificazione è una pietra miliare importante per il settore energetico perché, ad oggi, non esistono normative o standard globali specifici per le parti di ritenzione della pressione stampate in 3D. Questa mancanza di normative significa che l’uso di attrezzature a pressione stampate in 3D non è generalmente consentito negli impianti industriali di tutto il mondo. Shell ha stampato questo recipiente a pressione per raccogliere dati di ricerca che aiutano a rafforzare la fiducia del settore nella produzione additiva come soluzione tecnica per  procurarsi i pezzi di ricambio “just in time”  invece di immagazzinarli per anni.

Shell gestisce più progetti demo con esperti tecnici pertinenti per acquisire conoscenze in varie applicazioni della stampa 3D, che vanno dalla gestione dei pezzi di ricambio alla prototipazione rapida e al test di nuovi progetti. Il lavoro di qualificazione del recipiente a pressione fornisce preziosi punti di dati e approfondimenti a sostegno delle discussioni con gli organismi di normalizzazione che vanno avanti per aumentare l’uso della produzione additiva per le attrezzature a pressione.
Shell continuerà ad essere leader nella ricerca e sviluppo della produzione additiva.
“Shell continuerà a essere leader nella ricerca e nello sviluppo della produzione additiva”, ha affermato Angeline Goh , 3D Printing Technology Lead di Shell. “Collaboriamo con più partner a livello globale per accrescere le nostre capacità e l’ambito di applicazione della stampa 3D nel settore energetico. Ora abbiamo le conoscenze per aiutare anche i nostri partner a certificare le loro parti stampate per la commercializzazione”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi