Le tecnologie di stampa 3D di Stratasys sono state utilizzate per creare oltre 500 parti per il lancio della Lotus Type 62-2, come mostrato in un documentario Discovery+ chiamato Radford Returns.

Radford Returns descrive in dettaglio la rinascita dell’arte della costruzione di carrozzerie e la costruzione della supercar retro-moderna Lotus Type 62-2 e presenterà l’ex pilota campione di Formula 1 Jenson Button.

Utilizzando il software del flusso di lavoro GrabCAD Shop di Stratasys, Radford ha programmato e monitorato le proprie stampe 3D in cinque sedi globali. Sono state utilizzate fino a 20 diverse stampanti 3D Stratasys, tra cui F900, F770, Fortus 450mc, F370 e J55, con stampanti in funzione presso il Radford Studio, le strutture di Aria Group e i siti di produzione diretta di Stratasys.  

Tra le parti da produrre in modo additivo c’era un grande nucleo sandwich firewall composito solido, che è stato stampato in due metà in ULTEM 1010 sull’F900, unito insieme in un unico pezzo e quindi avvolto con fibra di carbonio senza l’uso di uno strumento di stratificazione. Nel frattempo, molti elementi esterni come gli alloggiamenti degli specchietti laterali, i condotti del radiatore e le prese d’aria del corpo sono stati stampati in nylon, fibra di carbonio e materiali ASA.

“La tecnologia di stampa 3D di Stratasys ci ha dato la libertà di progettazione e la capacità di creare facilmente pezzi e parti unici e personalizzati per questi due prototipi di veicoli. Ci ha dato la possibilità di abbracciare completamente la costruzione di carrozzerie personalizzate ma con processi aggiornati utilizzando le tecnologie del 21 °  secolo”, ha affermato Ant Anstead, conduttore del documentario Radford Returns. “Quando abbiamo rilanciato Radford, abbiamo deciso di lavorare solo con aziende di livello mondiale. Lotus è un’azienda di livello mondiale, Radford è un’azienda di livello mondiale, quindi quando abbiamo guardato alle parti stampate in 3D, ci siamo rivolti a Stratasys”.

“Integrando la tecnologia di stampa 3D nel loro negozio, Radford è stata in grado di portare la produzione automobilistica di supercar in stile anni ’60 nel 21 °  secolo con lo stile e le caratteristiche iper-personalizzati di fascia alta che i loro clienti si aspettano da un veicolo di questo calibro ”, ha affermato Pat Carey, Senior Vice President, Strategic Growth per Stratasys. “E’ un esempio estremo di qualcosa che vediamo ogni giorno nell’industria automobilistica. Tutti coloro che investono in nuovi veicoli vogliono un livello più profondo di personalizzazione e la stampa 3D sta contribuendo a renderlo possibile”.

Stratasys continuerà a supportare il progetto Radford Lotus Type 62-2 con parti stampate in 3D prodotte utilizzando le sue soluzioni FDM, SAF, stereolitografia e fotopolimerizzazione programmabile P3.

 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi