Teu2tec sta sviluppando una stampante 3D in grado di funzionare sott’acqua.

L’azienda opera come fornitore di servizi su progetti creativi insoliti per i propri clienti, inclusi “idee, prodotti e processi”. Spiegano la loro filosofia:

 
“Teu2tec è stato lanciato nel 2018 per dare impulso alle innovazioni. In qualità di fornitore di servizi, la giovane azienda di Gütersloh, in Germania, supporta attivamente i propri clienti nello sviluppo e nell’implementazione di nuove idee, prodotti e processi. Teu2tec si considera un “arcipelago agile” per i suoi partner, fornendo loro latitudine e libertà in tutti i modi. Le idee hanno bisogno di spazio”.
I loro progetti sembrano piuttosto vari e coinvolgono una varietà di tecnologie, ma la loro impresa più recente è rilevante per la stampa 3D.

Hanno creato la stampante 3D “Goliath” che utilizza un processo che chiamano “PEM” o “processo di modellazione dell’estrusione di pasta”.

Sembra che PEM utilizzi una combinazione di un particolato di base combinato con un legante poliuretanico in due parti. Il particolato può essere “qualsiasi tipo di granulo” fino a 2 mm di dimensione, secondo Teu2tec.


Evidentemente il legante bicomponente viene miscelato all’ultimo momento prima dell’estrusione, e poi unito alle particelle. Il risultato è una testina di stampa in grado di estrudere linee spesse di materiale a una velocità relativamente veloce di 300 mm/s. L’altezza dello strato può variare da 3 a 12 mm, quindi PEM è più adatto per la stampa di oggetti di grandi dimensioni come i mobili.
Il volume di costruzione è 2200 x 2200 x 2000 mm, ma poiché il sistema è robotico sembrerebbe che questo sia semplicemente alla portata del robot. Utilizzando diversi sistemi robotici, o forse utilizzando più robot, il volume di costruzione potrebbe molto probabilmente cambiare a qualsiasi dimensione richiesta.

Un problema a cui ho pensato subito è stato il tempo di indurimento del legante. Normalmente i raccoglitori in due parti hanno un tempo limitato prima che si solidifichino e Teu2tec ha affermato che il loro raccoglitore ha circa dieci secondi prima che ciò avvenga. La domanda è: come si interrompe temporaneamente la stampa 3D e quindi si riavvia? Questa sarebbe una manovra comunemente richiesta durante la stampa di un oggetto con segmenti discontinui su uno strato. Il mio timore sarebbe che il legante si solidifichi all’interno della testina di stampa e lo incollisca.

Sembra, tuttavia, che Teu2tec abbia lavorato su questo tema. Spiegano:

“In una prima serie di test, il team di Teu2tec è già riuscito a posizionare e riposizionare la testina di stampa durante il processo di stampa attivo. Con la tecnologia di processo utilizzata, si realizza un’interruzione dell’estrusione durante il processo additivo ed è possibile il riposizionamento senza che altra pasta di stampa fuoriesca dall’estrusore.
Forse l’aspetto più interessante del Golia è che Teu2tec ha sperimentato la stampa 3D subacquea, che può funzionare perché l’azione chimica del legante può farlo quando è immerso.

Hanno eseguito alcuni “test iniziali” di questa capacità e ci sono riusciti. Tuttavia, potrebbero avere ancora molto lavoro da fare per perfezionare la stampa 3D subacquea per uso commerciale. Tuttavia, ora stanno cercando clienti interessati a lavorare su progetti di stampa 3D subacquei.

Questa è un’area della stampa 3D che ovviamente non ha ancora avuto alcuna attenzione. Potrebbero esserci davvero alcune applicazioni per questa tecnologia subacquea che pochi realizzano in questi primi giorni. L’ambiente sottomarino è piuttosto restrittivo e la capacità di costruire oggetti arbitrari potrebbe essere desiderabile. D’altra parte, il materiale legante potrebbe non essere appropriato per alcune applicazioni.

 Teu2tec sta sviluppando una stampante 3D in grado di funzionare sott’acqua.

L’azienda opera come fornitore di servizi su progetti creativi insoliti per i propri clienti, inclusi “idee, prodotti e processi”. Spiegano la loro filosofia:

 
“Teu2tec è stato lanciato nel 2018 per dare impulso alle innovazioni. In qualità di fornitore di servizi, la giovane azienda di Gütersloh, in Germania, supporta attivamente i propri clienti nello sviluppo e nell’implementazione di nuove idee, prodotti e processi. Teu2tec si considera un “arcipelago agile” per i suoi partner, fornendo loro latitudine e libertà in tutti i modi. Le idee hanno bisogno di spazio”.
I loro progetti sembrano piuttosto vari e coinvolgono una varietà di tecnologie, ma la loro impresa più recente è rilevante per la stampa 3D.

Hanno creato la stampante 3D “Goliath” che utilizza un processo che chiamano “PEM” o “processo di modellazione dell’estrusione di pasta”.

Sembra che PEM utilizzi una combinazione di un particolato di base combinato con un legante poliuretanico in due parti. Il particolato può essere “qualsiasi tipo di granulo” fino a 2 mm di dimensione, secondo Teu2tec.

 
Evidentemente il legante bicomponente viene miscelato all’ultimo momento prima dell’estrusione, e poi unito alle particelle. Il risultato è una testina di stampa in grado di estrudere linee spesse di materiale a una velocità relativamente veloce di 300 mm/s. L’altezza dello strato può variare da 3 a 12 mm, quindi PEM è più adatto per la stampa di oggetti di grandi dimensioni come i mobili.

 
Il volume di costruzione è 2200 x 2200 x 2000 mm, ma poiché il sistema è robotico sembrerebbe che questo sia semplicemente alla portata del robot. Utilizzando diversi sistemi robotici, o forse utilizzando più robot, il volume di costruzione potrebbe molto probabilmente cambiare a qualsiasi dimensione richiesta.
Un problema a cui ho pensato subito è stato il tempo di indurimento del legante. Normalmente i raccoglitori in due parti hanno un tempo limitato prima che si solidifichino e Teu2tec ha affermato che il loro raccoglitore ha circa dieci secondi prima che ciò avvenga. La domanda è: come si interrompe temporaneamente la stampa 3D e quindi si riavvia? Questa sarebbe una manovra comunemente richiesta durante la stampa di un oggetto con segmenti discontinui su uno strato. Il mio timore sarebbe che il legante si solidifichi all’interno della testina di stampa e lo incollisca.

Sembra, tuttavia, che Teu2tec abbia lavorato su questo tema. Spiegano:

“In una prima serie di test, il team di Teu2tec è già riuscito a posizionare e riposizionare la testina di stampa durante il processo di stampa attivo. Con la tecnologia di processo utilizzata, si realizza un’interruzione dell’estrusione durante il processo additivo ed è possibile il riposizionamento senza che altra pasta di stampa fuoriesca dall’estrusore.
Forse l’aspetto più interessante del Golia è che Teu2tec ha sperimentato la stampa 3D subacquea, che può funzionare perché l’azione chimica del legante può farlo quando è immerso.

Hanno eseguito alcuni “test iniziali” di questa capacità e ci sono riusciti. Tuttavia, potrebbero avere ancora molto lavoro da fare per perfezionare la stampa 3D subacquea per uso commerciale. Tuttavia, ora stanno cercando clienti interessati a lavorare su progetti di stampa 3D subacquei.

Questa è un’area della stampa 3D che ovviamente non ha ancora avuto alcuna attenzione. Potrebbero esserci davvero alcune applicazioni per questa tecnologia subacquea che pochi realizzano in questi primi giorni. L’ambiente sottomarino è piuttosto restrittivo e la capacità di costruire oggetti arbitrari potrebbe essere desiderabile. D’altra parte, il materiale legante potrebbe non essere appropriato per alcune applicazioni.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi