Tour del nuovo centro di eccellenza GE Additive Arcam EBM con il Ceo Jason Oliver

ALL’INTERNO DEL CENTRO DI ECCELLENZA ARCAM EBM DI GE ADDITIVE, GÖTEBORG CON IL CEO JASON OLIVER

GE ADDITIVE ha invitato la stampa per un tour del centro di eccellenza Arcam Electron Beam Melting (EBM) , un nuovo impianto di produzione additiva di 15.000 metri quadrati a Göteborg in Svezia, aperto ad agosto 2019.

Situata nel Mölnlycke Business Park, la nuova struttura triplica la superficie del precedente sito di Arcam a Mölndal. Ha una capacità fino a 500 dipendenti ed è completamente attrezzato con produzione, ricerca e sviluppo, strutture di formazione e funzioni di supporto. Con un costo di 18 milioni di euro, la struttura è stata aperta da GE Additive con particolare attenzione a mettere la produzione snella al centro delle sue operazioni, per aumentare la capacità produttiva.

Quando GE Additive ha aperto le porte di Arcam EBM CoE per un tour del sito, ho avuto la possibilità di parlare con Jason Oliver, CEO di GE Additive in merito alla nuova struttura, all’acquisizione dell’azienda di Arcam e al futuro della produzione additiva industria.

La struttura sottolinea l’impegno di GE nello sviluppo della tecnologia EBM di Arcam. Spiegando l’importanza del nuovo spazio, Oliver afferma che Arcam EBM CoE può aiutare a creare un ambiente di crescita per i dipendenti e un’impressione positiva sui clienti:

“I TEAM BRILLANTI DEVONO AVERE UN AMBIENTE IN MODO CHE POSSANO IMPEGNARSI, SVILUPPARE, PENSARE, ESSERE CREATIVI; IMPORTA MOLTO. “

“È importante anche per i clienti che vogliono entrare, vogliono vedere che sei impegnato, vogliono avere un ambiente in cui possano anche collaborare. Se osservi la struttura e l’apertura di questo luogo, ha aree dedicate per la collaborazione e la formazione dei clienti. Sai che tutti questi sono importanti e le persone devono sentirsi a proprio agio a lavorare qui, sia che si tratti dei nostri dipendenti, che siano i nostri clienti o anche i nostri fornitori. “

Fondata nel 1997, la tecnologia di produzione additiva EBM di Arcam è stata sviluppata in collaborazione con la Chalmers University of Technology di Göteborg. La sua prima macchina, la EBM S12, è stata lanciata nel 2002. Da allora, l’azienda ha subito diverse altre varianti di sistema, tra cui la recente introduzione di Arcam EBM Spectra L a Formnext 2019.

GE ha completato l’ acquisizione di Arcam nel gennaio 2018 e ha iniziato il trasferimento dalla precedente struttura di Arcam a Mölndal nel nuovo sito di Göteborg nell’aprile di quell’anno. Acquisizione della struttura da parte di una società di stampa 2D – il precedente inquilino – GE Additive ha eseguito una ricostruzione completa. I primi membri del team con sede in ufficio si sono trasferiti a giugno 2019 e la produzione e la logistica sono seguite all’inizio di dicembre 2019.

L’apertura della nuova struttura ha permesso a GE Additive di concentrarsi sui principi di produzione snella, che include la riduzione dei rifiuti dalle sue operazioni. “Abbracciare principi snelli significa che hai un ambiente in cui le cose sono dove dovrebbero essere, consentendo un flusso di produzione. Quindi questa è una grande opportunità per entrare in un’area e applicare lean su tutta la linea ”, commenta Oliver. L’ampliamento dell’impronta produttiva della struttura supporterà inoltre GE Additive nel soddisfare la domanda dei clienti per la tecnologia EBM di Arcam, che la società attribuisce a un aumento degli utenti che passano dalla prototipazione alla produzione additiva per la produzione in serie .

Inoltre, Oliver sottolinea anche l’importanza della struttura come una dichiarazione di impegno di GE nei confronti della produzione additiva: “Penso che il motivo per cui oggi puoi sederti in una struttura come questa sia la prova che GE è davvero dannatamente impegnato nella nostra attività. Se vai a sederti nella nostra struttura di Lichtenfels, GE ha già investito € 150 milioni da solo negli ultimi due anni. Quindi, gli investimenti sono numerosi, nella maggior parte dei casi stiamo parlando di grandi soldi; GE è pienamente coinvolto. “

Discutendo dell’acquisizione di Arcam da parte di GE, Oliver spiega che GE Additive ha acquisito preziose informazioni sulla tecnologia EBM e adottato alcune delle migliori pratiche di Arcam in tutta l’azienda: “Penso che ci sia stato il vantaggio per l’additivo GE di avere Arcam e il suo approccio unico, il suo approccio localizzato , la sua posizione qui in Svezia. GE ha appreso della tecnologia e applicato le migliori pratiche in altre parti dell’additivo GE. ”

Significativamente, l’acquisizione è stata anche un processo reciprocamente vantaggioso, secondo Oliver: “Penso che Arcam abbia sicuramente beneficiato dell’attenzione di GE sul processo di qualità, qualità dei fornitori e la capacità di diffondere la parola sul mercato dal punto di vista della comunicazione , dal punto di vista delle vendite; possiamo ridimensionare le imprese e siamo abituati a farlo. “

Consolidamento nel mercato AM metal

Al di fuori del settore della stampa 3D, GE può essere considerata un importante esente da banner per il potenziale della produzione di additivi metallici. L’acquisizione di Concept Laser da parte di Arcam e del produttore tedesco di stampa 3D in metallo di GE ha segnato la transizione dell’azienda da un utente di tecnologia di produzione additiva a un fornitore. Tale consolidamento nel mercato manifatturiero degli additivi per metalli è stato una tendenza negli ultimi tempi ed è stato messo in evidenza come uno sviluppo chiave a cui prestare attenzione nel prossimo decennio . Simili artisti del calibro di DMG MORI , EOS , Siemens e Xerox hanno ampliato la propria presenza sul mercato con l’acquisto di aziende di stampa 3D in metallo.

Oliver afferma che il consolidamento è naturale solo per il mercato degli additivi in ​​quanto continua a crescere: “c’è un’evoluzione generale per la nuova tecnologia e le nuove industrie e quindi l’additivo attraverserà tipi simili di crescita e quindi consolidamento, e quindi ulteriore crescita ed espansione “. Ciò è particolarmente vero per i fornitori di hardware, spiega Oliver, poiché le aziende più piccole non sono in grado di competere sul mercato senza il giusto investimento.

“PENSO CHE CI SARÀ SICURAMENTE UN TREMITO IN ARRIVO. GE, INSIEME AD UN PAIO DI ALTRI, STA DIMOSTRANDO CHE SE NON PUOI RIDIMENSIONARE E SE NON HAI GLI INVESTIMENTI DISPONIBILI PER CRESCERE E COSTRUIRE STRUTTURE DI LIVELLO MONDIALE E QUINDI FORNIRE PRODOTTI DI QUALITÀ AI CLIENTI, AVRAI DIFFICOLTÀ . QUINDI QUELLE AZIENDE PIÙ PICCOLE NON POSSONO FARE IL PROSSIMO PASSO. “

Qual è il futuro di GE Additive e dell’industria della stampa 3D?

Di recente, GE Additive ha stipulato un accordo di ricerca e sviluppo quinquennale (CRADA) con Oak Ridge National Laboratory (ORNL). Per guidare l’ industrializzazione della produzione additiva, i partner stanno concentrando le loro ricerche sulle metodologie di simulazione dei processi e sul monitoraggio in loco e sul controllo di qualità. Oliver ritiene che il software, l’automazione e l’intelligenza artificiale avranno un grande impatto nel prossimo decennio di produzione additiva: “Uno dei motivi per cui gli utenti hanno impiegato così tanto tempo per adottare davvero la produzione additiva e farla funzionare è che c’è un molte prove ed errori, al fine di ottimizzare tutti i diversi input e processi. Il software e l’apprendimento automatico possono risolvere molto di questo, possiamo fare un sacco di lavoro di simulazione tra il design reale e la stampa stessa. Quindi, modellando e utilizzando l’apprendimento automatico, saremo in grado di aiutare i clienti a ottenere una parte di qualità molto più velocemente. ”

Una delle industrie chiave evidenziate da Oliver in cui la produzione di additivi ha davvero guadagnato un punto d’appoggio significativo è l’aerospaziale. Il motore GE9X di GE Aviation , il più potente motore a reazione per aerei commerciali al mondo, presenta oltre 300 parti stampate in 3D. Il predominio della stampa 3D nel settore aerospaziale significa che gli ingegneri non stanno più pensando a ciò che può essere stampato in 3D; fa già parte del processo: “L’additivo è fondamentale per GE Aviation e sono sicuramente i più lontani di chiunque altro in qualsiasi settore in termini di comprensione delle capacità dell’additivo. Non si tratterà davvero di “progettare un motore con una produzione più additiva”. Ora gli ingegneri pensano in modo additivo, si tratta più di “Oh, sai cosa, l’additivo non è la risposta giusta”, dove ovunque l’additivo è la risposta. “

Con l’aerospaziale e, in misura minore, la medicina, essendo all’avanguardia nella produzione di additivi, Oliver prevede che il prossimo settore a cui prestare attenzione è quello automobilistico. Sebbene già importante nelle applicazioni ad alte prestazioni , è necessario un maggiore lavoro per il mercato automobilistico generale per adottare la produzione additiva,

“LA GRANDE ENCHILADA DI CUI TUTTI SONO ENTUSIASTI È QUELLA AUTOMOBILISTICA. L’ADDITIVO STA GIOCANDO NELLA FASCIA ALTA IN QUESTO MOMENTO USANDO SISTEMI LASER O PERSINO MACCHINE ARCAM PER I MIGLIORAMENTI DELLA FORMULA 1, DOVE SONO DISPOSTI A PAGARE QUALSIASI COSA PER OTTENERE UNA FRAZIONE DI EFFICIENZA IN PIÙ DAL MOTORE. MA PER UN SETTORE AUTOMOBILISTICO PIÙ AMPIO NON C’È ANCORA UN’OTTIMA RISPOSTA. “

Una parte significativa dei piani imminenti di GE Additive risiede nel colmare tale divario. La società sta preparando una nuova soluzione a getto di legante, che pensa soddisferà le esigenze di produzione dell’industria automobilistica nel suo insieme: “Hanno bisogno di velocità, hanno bisogno di un volume elevato, ed è qui che pensiamo che la nostra nuova soluzione a getto di legante giocherà molto nel settore automobilistico . Abbiamo già un paio di buoni partner da quella parte che stanno lavorando sulla tecnologia con noi, quindi siamo piuttosto entusiasti di questo ”.

Be the first to comment on "Tour del nuovo centro di eccellenza GE Additive Arcam EBM con il Ceo Jason Oliver"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi