Triditive raccoglie cinque milioni dopo aver chiuso un accordo con Foxconn per aumentare la stampa 3D
L’azienda asturiana, dedita all’automazione della produzione additiva, sostiene che questa tecnologia offre una risposta alla crisi della catena di approvvigionamento

 
Mariel Díaz, CEO e fondatore di Triditive accanto a una stampante 3D dell’azienda.
 
Triditive, l’azienda spagnola dedicata alla stampa 3D su scala industriale, nata come spin-off della Scuola di Ingegneria dell’Università delle Asturie, ha chiuso un round di finanziamento da cinque milioni di euro. L’operazione è stata guidata da un “importante” gruppo industriale spagnolo, “di cui preferiamo non rivelare il nome in questo momento”, ha detto a CincoDías Mariel Díaz, CEO e fondatore dell’azienda.


Creata nel 2016 nelle Asturie, Triditive ha brevettato le stampanti 3D Amcell, in grado di produrre in serie parti stampate in 3D con metalli e polimeri. Ad oggi l’azienda ha raccolto 8 milioni di euro e ha tra i suoi investitori il colosso Stanley Black & Decker (tramite Stanley Ventures), Techstars e Hunosa Empresas. Secondo Díaz, questo terzo round li rende l’azienda spagnola di produzione additiva che ha raccolto più capitali e la colloca tra le prime 10 startup europee di stampa 3D in termini di investimenti privati.

L’azienda prevede di utilizzare i fondi raccolti per espandere il proprio team (attualmente ci sono 20 persone e dovrebbero essere 30 entro fine luglio) e la sua espansione internazionale. Triditive è sbarcata negli Stati Uniti nel 2019 con una propria sede, e quest’anno si è affermata nel Regno Unito, dove sta iniziando a creare il suo team di vendita. Non escludono di entrare in Germania più tardi, anche se non hanno ancora preso la decisione. Naturalmente, il prossimo novembre l’azienda spagnola sarà presente a Formnex, la più importante fiera di produzione additiva al mondo, che si tiene a Francoforte.

 
La startup asturiana ha importanti clienti in diversi settori, perché, come assicura Díaz, “la stampa 3D è una tecnologia che attraversa tutti i settori”. Tra questi ci sono Nestlé , che aiutano a garantire che le loro linee di produzione non si fermino “potendo produrre pezzi di ricambio per dette linee”; l’ esercito spagnolo , che utilizza le sue stampanti 3D per produrre diversi componenti, e la stessa Stanley Black & Decker, una società Fortune 500.

La startup ha recentemente aperto il suo stabilimento di produzione di 2.000 m2 nelle Asturie, dove sviluppa la sua tecnologia e produce stampanti 3D. L’obiettivo di Triditive in questa nuova fase è continuare a promuovere l’automazione della produzione additiva per scalare la produzione e promuoverne l’implementazione industriale per diventare così la tecnologia chiave che fornisce una risposta rapida alla crisi nella catena di approvvigionamento e migliora la produzione locale.

Secondo la Banca di Spagna, la crisi dell’offerta causerà perdite fino a 16.000 milioni di euro nell’economia spagnola. Díaz sostiene che l’eccessiva dipendenza da fornitori lontani dai centri di produzione , sommata ai problemi di trasporto globale, stia forzando un cambiamento nei modelli di consumo.

Triditive ha recentemente concluso un accordo con Foxconn, il più grande produttore mondiale di dispositivi di elettronica di consumo, per sviluppare una tecnologia di produzione additiva per parti da polvere di metallo “per realizzare più parti, più complesse, ma mantenere la produzione a livello locale”. L’obiettivo è avere il primo prototipo funzionante quest’anno. Per il suo sviluppo si avvale dell’aiuto di Tecnalia, il centro di ricerca e sviluppo tecnologico dei Paesi Baschi, che li aiuta nello sviluppo dei leganti, e con il centro tecnologico tedesco Fraunhofer, per la selezione delle polveri metalliche.

Díaz assicura che vogliono trasformare il modo in cui le cose sono fabbricate . “La tecnologia che svilupperemo sarà di nostra proprietà e Foxconn diventerà un nostro cliente. C’è questo impegno”, afferma. 

La fondatrice di Triditive afferma che la sua battaglia è che la Spagna diventi uno sviluppatore di tecnologia e non un semplice importatore di essa. “Stiamo creando le fabbriche del futuro. E l’unico modo che abbiamo per reindustrializzare la Spagna è attraverso la tecnologia”, osserva.

A suo avviso, la stampa 3D consente la produzione di quasi un numero qualsiasi di prodotti (personalizzati, per piccole tirature e per lunghe tirature) senza la necessità di stampi o strumenti richiesti in altre tecnologie di produzione. “Inoltre, non richiede un grande investimento iniziale e offre, almeno la nostra tecnologia, il vantaggio della flessibilità in termini di materiali , poiché consente di produrre contemporaneamente sia polimeri che metalli sulla stessa macchina, e questo nasce per avvicinare la produzione al cliente. 

Secondo Díaz, il mercato a cui si rivolgono è enorme. La sola produzione additiva si sposta di circa 12-15 miliardi di dollari all’anno e si prevede che si sposterà di 30 miliardi di dollari entro il 2024. “Ma se osserviamo il mercato manifatturiero tradizionale, che è il settore più grande, muove 12 trilioni di dollari. Se la produzione additiva inizia a fornire soluzioni in produzione tradizionale, le opportunità sono enormi”, sottolinea. 

Il CEO di Triditive è convinto che la stampa 3D apra nuovi mercati per la produzione industriale, dove vengono realizzate numerose parti identiche, e aggiunga valore anche alla produzione artigianale, ” aiutandoti a ridurre la quantità di lavoro che devi investire in un prodotto, ampliando il benefici. 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi