Sviluppata dall’OEM ceco TRILAB , la DeltiQ 2 è una stampante 3D FDM basata sulla configurazione delta degli assi. Il sistema è inteso come successore del vecchio DeltiQ L dell’azienda e offre un volume di costruzione di grande formato, un’unica configurazione di estrusione e ampie capacità di materiali per l’uso di livello professionale.

Fondata nel 2016, TRILAB si è costantemente costruita un nome come leader nella stampa 3D FDM nell’Europa orientale. Come evidenziato dal suo portafoglio specializzato di sistemi, l’azienda è nata con la missione di sviluppare stampanti 3D delta per il mercato B2B ceco e ora serve clienti in tutte le regioni del mondo.

Uno dei suoi ultimi lanci, DeltiQ 2, è rivolto a prosumer, società di ingegneria e design, istituti di ricerca e chiunque altro sia alla ricerca di una stampante 3D affidabile e robusta per applicazioni di prototipazione e utensili funzionali.

La stampante è disponibile in due configurazioni: DeltiQ 2 ($ 3.598,80) e la più grande DeltiQ 2 Plus ($ 4.078,80). Ai fini di questa recensione, lavoreremo con il modello base DeltiQ 2.

 A differenza della maggior parte delle stampanti che esaminiamo in 3D Printing Industry, la DeltiQ 2 si basa sul sistema di coordinate delta, per cui la testina di stampa si muove su tutti e tre gli assi (XYZ) mentre il piano di stampa rimane completamente fermo. Oltre ad avere un aspetto dannatamente bello, le stampanti delta sono in realtà note per le loro velocità di viaggio più elevate, poiché viene spostato meno peso complessivo. Poiché il peso della singola testina di stampa è suddiviso tra tre motori, possiamo aspettarci velocità di stampa più elevate preservando la precisione.

TRILAB ha basato la sua intera attività sulla stampa 3D delta e mostra: la DeltiQ 2 è dotata di un telaio in alluminio semplice ma robusto con una sensazione innegabilmente premium. Direttamente dalla confezione, la stampante viene fornita anche con tutto il necessario per configurare e iniziare la prototipazione. Ciò include una bobina da 0,75 kg di materiale PLA, un telefono Redmi 9A (che viene utilizzato come touchscreen della stampante) e un set di strumenti di manutenzione per mantenere il sistema in perfetta forma.

La macchina offre un ampio volume di costruzione di Ø250 x 300 mm, fornendo agli utenti un ampio spazio di lavoro con cui giocare. La piastra di costruzione in alluminio da 5 mm può essere riscaldata a 105 ° C per evitare la deformazione delle parti e il sistema viene fornito anche con un foglio PrintPad magnetico intercambiabile sormontato da una superficie liscia in PEI, che abbiamo trovato eccellente per l’adesione delle parti.

Altre caratteristiche includono una fotocamera integrata per il monitoraggio remoto della costruzione, un sensore di esaurimento del filamento e un grande pulsante rosso di arresto di emergenza (che semplicemente non vediamo abbastanza). Le opzioni di connettività includono tre porte USB, Ethernet e Wi-Fi.

 

La tua scelta di filamenti

DeltiQ 2 di TRILAB è un sistema di estrusione singolo, che offre un estrusore E3D Titan Bowden con un E3D V6 All-Metal HotEnd predefinito da 0,4 mm , sebbene l’ugello sia facilmente sostituibile. Con una temperatura massima dell’ugello di 300°C, la macchina ha davvero una serie impressionante di compatibilità dei filamenti per quelle applicazioni ad alte prestazioni. Ciò include PETG, PC, PP e persino compositi rinforzati con fibre come PETG-CF, PA-CF e PA-GF.

Il sistema dispone esplicitamente di una singola testina di stampa grazie all’attenzione di TRILAB alla qualità e alla precisione, ma coloro che cercano parti di supporto multimateriale, multicolore o solubili possono anche utilizzare l’add-on QuadPrint dell’azienda. Con questa estensione, DeltiQ 2 è dotato della nota linea Mosaic Palette 2S/2SP di dispositivi multifilamento, che trasforma quella singola testina di stampa in uno strumento multifunzionale. Tutto quello che devi fare è inserire fino a quattro filamenti desiderati e la Palette 2 passerà automaticamente da uno all’altro in base al gcode della build.

Se desideri stampare con filamenti flessibili come il TPU, tuttavia, dovrai optare per il componente aggiuntivo FlexPrint 2, un estrusore a trasmissione diretta remoto opzionale che può essere installato per ulteriori $ 310,80.

Ma aspetta, come può un estrusore essere sia diretto che remoto? Questa è la prima volta che vediamo un sistema come questo su una stampante 3D, in cui il motore FlexPrint 2 è effettivamente alloggiato all’esterno della macchina con un lungo albero cardanico che guida gli ingranaggi situati nella testina di stampa. Dobbiamo fornire puntelli TRILAB per questo, in quanto consente al sistema di combinare le capacità di materiale flessibile degli estrusori a trasmissione diretta con i vantaggi di leggerezza e velocità degli estrusori Bowden. Genio.

 

Il software è importante quanto l’hardware

Un’area in cui il DeltiQ 2 brilla davvero è nella sua pletora di opzioni di controllo. Il display DeltaControl (noto anche come telefono Redmi 9A ) incluso nella confezione può essere applicato sulla parte anteriore della stampante e utilizzato come interfaccia touchscreen, con l’app DeltaControl precaricata. Gli utenti possono anche semplicemente scaricare l’app DeltaControl sui propri dispositivi Android. Infine, per coloro che preferiscono un’interfaccia web, è possibile accedere alla piattaforma WebControl dell’azienda su PC, Mac o in modo reattivo su qualsiasi dispositivo mobile, quindi scegli tu.

Guardando l’app DeltaControl, in particolare, l’interfaccia utente è pulita e intuitiva. La piattaforma consente agli utenti di calibrare il letto, caricare e scaricare i filamenti e iniziare i lavori di stampa, il tutto in un pacchetto molto ben progettato. Poiché l’app è gestita dall’hardware dello smartphone, è anche notevolmente più fluida rispetto ai sistemi di controllo della maggior parte delle altre stampanti. Possiamo dire quanto sforzo è stato fatto per perfezionare quest’area del sistema.

Quando si tratta di livellare il letto, DeltiQ 2 utilizza un sistema di livellamento assistito a cento punti abilitato da un sensore induttivo. Dal momento che non ci sono manopole o viti fisiche da girare qui, è piuttosto difficile sbagliare, rendendolo un gioco da ragazzi da usare sia per i principianti che per i veterani della stampa 3D. La stampante sonda anche il piano prima di iniziare ogni lavoro di stampa e non abbiamo mai dovuto regolare manualmente l’offset Z nel tempo trascorso a testarlo. Funziona e funziona bene.

È interessante notare che TRILAB non fornisce il proprio software di slicing da utilizzare con DeltiQ 2, ma fornisce diversi profili di slicing che possono essere scaricati . Pertanto, gli utenti sono liberi di scegliere la propria affettatrice da una selezione di offerte di terze parti prontamente disponibili, tra cui Slic3r ,KISSlicer , Simplify3D e PrusaSlicer preferito dall’azienda . Per questa recensione, abbiamo usato Slic3r.

 

Benchmarking di TRILAB DeltiQ 2: 67/100

È il momento della parte di benchmarking della recensione, in cui valutiamo le prestazioni di stampa di DeltiQ 2. Iniziamo con il modello di benchmarking del settore della stampa 3D, che consolida molti dei nostri test di stampa più piccoli in un’unica parte completa. Di solito stampiamo questo test in PLA per confrontare i risultati tra le stampanti, ma spesso proviamo anche una variante PETG o ABS per vedere come la macchina gestisce i filamenti a temperature più elevate.

Stampato in PETG, questo modello ha davvero spinto i limiti della stampante, ma la DeltiQ ha consegnato con grazia. Assegniamo a ciascuna delle singole sezioni un punteggio ponderato in base a fattori quali precisione dimensionale, qualità della superficie e integrità strutturale. La DeltiQ 2 ha ottenuto un punteggio complessivo del settore della stampa 3D di 67/100 (una buona stampante 3D di livello professionale è 60+).

 La parte a sbalzo del test, progettata per determinare gli angoli ai quali un sistema può stampare senza supporti, è stata fabbricata con successo fino a 60° senza intoppi. Considerando che la media si trova a circa 55° per materiali più facili come il PLA, 60° su una stampa PETG è un risultato eccellente.

Allo stesso modo, la parte di collegamento del test ha lo scopo di determinare le capacità di stampa orizzontale di un sistema. Con PETG, il DeltiQ 2 è riuscito a raggiungere con successo la lunghezza del ponte di 30 mm. Non si tratta affatto di un risultato perfetto, ma di tutto rispetto, soprattutto considerando la natura di forma aperta della macchina.

Infine, esaminiamo il test di retrazione, che ci dà un’idea delle capacità dell’estrusore della stampante 3D. Con materiali ad alta temperatura come il PETG, non è raro che anche le migliori stampanti abbiano difficoltà con questo test, ma i componenti E3D del DeltiQ brillano davvero qui. Sebbene ci siano alcune stringhe significative tra le punte, le strutture stesse sono state stampate con successo senza artefatti.

Come da tradizione con la nostra procedura di test, abbiamo anche fatto stampare a DeltiQ un modello artistico per vedere come il sistema avrebbe gestito geometrie complesse e dettagli fini delle caratteristiche. Questa volta abbiamo optato per la Statua della Libertà in PLA.

 
La nostra Lady Liberty in scala ridotta ha sicuramente impressionato. Il modello non presentava alcun difetto, con curve morbide, un’elevata qualità della superficie e linee di strato praticamente invisibili. Tutte le scanalature e i bordi sono a flusso libero e la stampa nel suo insieme è eccellente.

Successivamente, abbiamo deciso di mettere alla prova le capacità del filamento composito di DeltiQ, testando anche la capacità della stampante di produrre modelli meccanici funzionali. Abbiamo optato per un sistema di ingranaggi planetari in PA-CF, poliammide rinforzato con fibra di carbonio. Stampe dinamiche come questa ci danno un’indicazione di quanto siano strette le tolleranze della stampante 3D, poiché la facilità di assemblaggio e la fluidità complessiva del sistema possono essere giudicate molto facilmente.

 

Ancora una volta, il DeltiQ 2 ha superato questo test senza intoppi. Il nostro sistema di ingranaggi planetari è uscito magnificamente, sfoggiando superfici pulite e una struttura solida. Ciascuno degli ingranaggi si inserisce nel gruppo come dovrebbe e il tutto funziona perfettamente. Abbiamo qui una grande stampa meccanica che potrebbe certamente essere utilizzata come prototipo funzionale: un grande segno di spunta verde per i compositi.

Infine, abbiamo anche dovuto vedere come si sarebbe comportato l’estrusore FlexPrint 2 con alcune stampe a filamento flessibile. Il vaso arancione e la custodia del telefono sono realizzati in TPU 95A mentre le manopole del manubrio BMX bianche sono realizzate in TPU 85A.

  

Non c’è molto da dire qui oltre al fatto che l’add-on FlexPrint 2 vale tanto oro quanto pesa. I filamenti flessibili tendono ad essere estremamente difficili da stampare, ma DeltiQ 2 ha fabbricato perfettamente tutte e tre le build. Il nostro vaso torna alla sua forma originale dopo una significativa deformazione, la custodia del telefono si adatta allo smartphone OnePlus 6 come un guanto e il manubrio della BMX sembra appartenere alle Olimpiadi. Se sei nel mercato delle parti polimeriche flessibili, non puoi sbagliare con l’estrusore FlexPrint di DeltiQ 2.

Il verdetto

In definitiva, TRILAB è uno dei produttori di sistemi delta più apprezzati nel settore della stampa 3D e non è difficile capire perché. La DeltiQ 2 è una fantastica stampante 3D, che offre tutto ciò che desideri da un motore di prototipazione di livello professionale. Il volume di costruzione di grande formato unito alla superba qualità di stampa rende una macchina degna del cartellino del prezzo.

Uno dei maggiori punti di forza di DeltiQ è sicuramente la sua ampia compatibilità con i filamenti. Che tu stia cercando compositi in fibra di carbonio ad alta resistenza, TPU flessibile o persino parti in polipropilene a contatto con sostanze chimiche, DeltiQ 2 ti copre. Se stai cercando la stampa 3D multi-materiale, non lasciarti scoraggiare nemmeno dalla configurazione della singola testina di stampa, poiché l’opzione QuadPrint è sempre lì per facilitare questo.

C’è anche qualcosa da dire sull’app DeltaControl, che rende il controllo remoto della build un gioco da ragazzi. Vorremmo che più produttori seguissero questa strada per le app per smartphone, quindi speriamo che TRILAB dia l’esempio.

Ci siamo divertiti un mondo a mettere la DeltiQ 2 nello strizzatore e speriamo di vedere le future stampanti 3D dell’azienda mantenere questo livello di qualità.

Specifiche tecniche

Crea volume
Ø250 x 300mm
Testina di stampa
E3D Titan, hotend interamente in metallo E3D V6
Dimensioni
410 x 500 x 810 mm
Il peso
10 kg
Connettività
3x USB, Wi-Fi, ethernet
Fotocamera con illuminazione di stampa

Temperatura massima del letto
105°C
Temperatura massima dell’hotend
300°C
Risoluzione XY
0,25 – 1,2 mm (dipende dall’ugello)
Risoluzione Z
Fino a 50 micron
Diametro del filamento
1,75 mm

Da 3dprintingindustry.com

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi