Velo3D Sapphire XC

Velo3D lancia la nuova stampante 3D in metallo Sapphire XC a 8 laser
Velo3D ha annunciato oggi di aver lanciato il nuovo sistema di stampa 3D in metallo Sapphire XC . L’azienda afferma di avere già 13 ordini anticipati per la macchina, promuovendo una riduzione del 75% del costo per parte e un aumento del 500% della produttività rispetto alla precedente Sapphire. Per raggiungere queste velocità, Sapphire XC dispone di un volume di costruzione di 600 mm x 550 mm e otto laser da 1.000 W. Le consegne di macchine generali di nuovi sistemi inizieranno nel primo trimestre del 2022, poiché la società sarà impegnata nella produzione e nella fornitura di sistemi già ordinati fino ad allora.

Del nuovo prodotto, Benny Buller, fondatore e CEO di Velo3D, ha dichiarato:

“La stampa di parti più grandi senza i vincoli di produzione additiva delle strutture di supporto è molto interessante per molti utenti finali industriali. Per la prima volta, i clienti potranno stampare in 3D geometrie senza compromessi, con la massima fiducia nella qualità dei pezzi, in un sistema di grande formato. La garanzia della qualità con componenti su larga scala è fondamentale perché l’impatto economico delle build fallite è molto significativo. Abbiamo dimostrato che la nostra soluzione integrata è in grado di produrre una maggiore resa di parti di alta qualità e che la tecnologia di base verrà trasferita alla nostra nuova Sapphire XC “.

Se desideri ottenere informazioni approfondite sulla nuova macchina e sull’azienda, puoi registrarti per una chat accanto al caminetto con il CEO di Velo3D Benny Buler e Scott Dunham, Vice President of Research di SmarTech .

Come notato nella copertura precedente , Velo3D ha sviluppato una forma di laser powder bed fusion (PBF) per la stampa 3D di parti metalliche con una necessità significativamente ridotta di strutture di supporto. Ciò si ottiene attraverso una combinazione di software di preparazione della stampa basato sulla simulazione, atmosfera della camera di stampa altamente controllata e controllo a circuito chiuso.

Il nuovo sistema Sapphire XC, che qui chiameremo casualmente Octolaser, avrà un impatto considerevole sul nostro settore. Velo3D ha rapidamente guadagnato ritmo implementando rapidamente i suoi sistemi in tutto il mondo. L’elevata produttività unita a un minor numero di strutture di supporto ha fatto sì che, per alcune famiglie di componenti, la tecnologia di Velo3D sia davvero molto interessante. La società ha finora avuto un deciso focus sullo spazio e sull’aviazione, con ulteriori implementazioni nelle industrie del petrolio e del gas. Una mossa intelligente è stata quella di rendere Stratasys Direct uno dei suoi primi clienti . Ciò ha permesso alle persone di bagnarsi i piedi con la tecnologia consentendo loro di ordinare nuove parti per testare le capacità di Sapphire e Velo3D.

La premessa di Velo3D era che, attraverso l’analisi e il monitoraggio, l’azienda avrebbe potuto avere un pool di fusione e un controllo del processo di gran lunga superiori rispetto ad altri sistemi. In qualità di startup della Silicon Valley, Velo3D pensava che il percorso migliore per migliorare la produzione fosse attraverso software e ottimizzazione migliori. I loro miglioramenti hanno fatto sì che il loro processo PBF sia meno una scatola nera rispetto ad altri.

Questo era certamente il genere di cose che le aziende manifatturiere volevano sentire. A giudicare dagli ordini anticipati per la nuova macchina, è anche qualcosa per cui le aziende metteranno i soldi. Ovviamente, le dichiarazioni di produzione dell’azienda dovranno essere verificate in modo indipendente. Ma, allo stato attuale, i progressi dell’azienda finora sono notevoli e si prevede che diventerà un attore importante in PBF. Di solito sono molto scettico nei confronti delle startup nel nostro spazio, ma l’approccio relativamente misurato di Velo3D e il buon sentimento dei clienti mi hanno reso abbastanza positivo su di loro e sulle loro prospettive.

Materiali disponibili al momento del lancio sono: F357 Alluminio, Titanio 6AI-4V , Inconel 718 e Hastelloy X . Ti64 ELI è, ovviamente, il nostro pane quotidiano, mentre Inconel 718 è un materiale aerospaziale particolarmente amato per l’uso nei componenti delle turbine a gas. Hastelloy X , nel frattempo, è, come Inconel 718, una superlega a base di nichel, ma del tipo utilizzato nelle applicazioni di lavorazione per petrolio e gas.

Nelle sue schede, divulga Velo3D che i risultati della prova sono materiali a base di polveri Praxair: Praxair TruForm 718-35 g e Praxair TruForm HXLC . Velo3D ha una lista di materiali di polvere approvata “Velo3D” che qualifica, ma, in sostanza, puoi usare la tua polvere. Da un approccio di produzione, questo è un modo molto migliore per fare le cose che mantenere bloccate le impostazioni o limitare i fornitori disponibili. Per le applicazioni critiche, avrai sempre bisogno di ridondanza e Velo3D è in anticipo su questo. che penso ti farà sentire bene se sei un’azienda di produzione.

Sappiamo tutti che Ti64 ELI è il materiale di riferimento e gli altri due sostengono l’energia e il focus aerospaziale di Velo3D, ma quello che mi entusiasma è l’alluminio. A prima vista, l’alluminio F357 sembra una scelta un po ‘sconcertante. Il materiale è stato sviluppato per la stampa 3D lavorando con PWR , una società di dissipatori di calore, radiatori e intercooler i cui prodotti sono ampiamente utilizzati in molte classi di gara. EOS ha anche F357 , così come l’unità AP&C di GE . Anche SLM Solutions ha realizzato un progetto con Honeywell su F357. Sintavia offre parti nel materiale.

Il fatto che possa essere saldato, anodizzato e rivestito significa che, con ogni probabilità, funziona bene con altre parti e potrebbe forse essere rivestito termicamente per applicazioni spaziali e ulteriori miglioramenti. Il materiale sarebbe anche una scelta interessante per le ruote delle auto e i componenti del telaio. Ma, sia nell’aviazione commerciale che in quella militare, nonché in articoli come i missili, l’F357 sarebbe la scelta ideale per realizzare componenti strutturali.

Insieme a una nuova macchina, Velo3D ha annunciato che i suoi vecchi sistemi possono essere aggiornati. Il precedente Sapphire sarà aggiornabile a un sistema Sapphire Gen 2 tramite aggiornamenti hardware e software nel secondo trimestre del 2021. L’azienda afferma che gli utenti vedranno un guadagno del “10-50% in termini di produttività e costo parziale rispetto all’attuale sistema Sapphire . “

L’aggiornamento dei sistemi dello scorso anno mostra un reale impegno nei confronti dei clienti e potrebbe rendere gli investimenti nelle macchine Sapphire più interessanti per il futuro. Molte aziende di stampa 3D hanno parlato di aggiornare vecchie macchine e poche prestano molta attenzione ad esso. Soprattutto per i clienti dell’assistenza, la possibilità di aggiornare ed estendere l’usabilità della macchina è un grande vantaggio. Allo stesso tempo, la società ha anche affermato che il nuovo XC ha “lo stesso design del treno ottico, tecnologia di ricopertura, tecnologia del flusso di gas e metrologia dell’attuale Sapphire. Gli utenti possono anche aspettarsi proprietà dei materiali simili a Sapphire. ” Ciò a sua volta renderà più facile qualificare parti e materiali sui nuovi sistemi Velo3D.

Tutto sommato, Velo3D ha fatto ancora una volta passi significativi nel campo prescelto e spingerà le altre società di fusione a letto in polvere a fare lo stesso.

Be the first to comment on "Velo3D Sapphire XC"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi