Virgin Orbit diventerà pubblica tramite SPAC con una valutazione di $ 3,2 miliardi
 
Richard Branson ha annunciato l’intenzione di rendere pubblica la società spin-off Virgin Galactic Virgin Orbit attraverso un accordo di fusione con la società di assegni in bianco NextGen Acquisition Corp. II (NASDAQ: NGCA). Annunciato il 23 agosto 2021, l’accordo valuta Virgin Orbit a circa 3,2 miliardi di dollari e include 483 milioni di dollari di capitale per ridimensionare la produzione di razzi e finanziare la crescita nel suo business di soluzioni spaziali e le iniziative di sviluppo del prodotto in corso, tra cui parti di razzi per la stampa 3D .

Una volta completata la transazione, le azioni ordinarie della società combinata verranno scambiate sul Nasdaq con il simbolo ticker “VORB”. Secondo Virgin Orbit, il consiglio di amministrazione ha approvato all’unanimità la proposta, che dovrebbe chiudersi nell’ultimo trimestre del 2021.

Il razzo per la missione Launch Demo 2 di Virgin Orbit si riunisce per il compagno di fase finale nell’agosto 2020. Immagine per gentile concessione di Virgin Orbit/Greg Robinson.
L’accordo della società di acquisizione di scopo speciale (SPAC) con NextGen potrebbe rafforzare la produzione di tecnologia spaziale che, nelle parole di Richard Branson, “cambierà positivamente il mondo”. Il magnate britannico, che recentemente è diventato un astronauta commerciale durante il primo volo suborbitale di Virgin Galactic , ha affermato che il team di Virgin Orbit ha dimostrato la sua capacità di “creare nuove idee, nuovi approcci e nuove capacità”.

Inoltre, si prevede che il team di Branson e la transizione dell’azienda verso operazioni di lancio commerciale di successo si intensificheranno entro il 2022 poiché sono in ordine i piani per aumentare l’attività di lancio e operare da diversi aeroporti negli Stati Uniti e in Gran Bretagna.

Cosmic Girl rilascia LauncherOne a mezz’aria per la prima volta durante un test di caduta di luglio 2019. Immagine per gentile concessione di Virgin Orbit/Greg Robinson.
Dalla sua fondazione nel 2017, Virgin Orbit ha sviluppato il primo sistema di lancio a propellente liquido al mondo. Il LauncherOne può decollare sotto l’ala di un aereo da trasporto Boeing 747, noto anche come Cosmic Girl , da qualsiasi parte del mondo. La tecnologia di lancio aereo altamente differenziata di Virgin Orbit si è rapidamente trasformata in operazioni commerciali di successo con tre lanci in soli tredici mesi, fornendo satelliti per clienti come il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DOD) e la NASA. Ha anche quello che la società descrive come “un tasso di successo del 100% nelle missioni che generano entrate”. In effetti, l’azienda ha già impegnato circa 300 milioni di dollari in contratti attivi, oltre a una solida pipeline di clienti commerciali e governativi in ​​tutto il mondo.

Durante una telefonata con gli investitori, il CEO di Virgin Orbit Dan Hart ha affermato che la società ha preso “una decisione consapevole” di non replicare lo stesso approccio di lancio a terra che molti concorrenti stanno utilizzando oggi. Il sistema missilistico a due stadi è “semplicemente semplice”, ha proseguito Hart, considerando che ogni stadio ha un singolo motore. Per dare una prospettiva sull’entità di questo vantaggio, il concorrente più vicino di Virgin Orbit, Rocket Lab , ha nove motori.

Il fondatore di Virgin Group Richard Branson e il CEO di Virgin Orbit Dan Hart durante la missione Tubular Bells: Part One di Virgin Orbit il 30 giugno 2021. Immagine per gentile concessione di Virgin Orbit.
La propulsione è il più grande fattore di costo e il più grande ostacolo all’affidabilità per i sistemi di lancio. Inoltre, Hart ha spiegato che: “Più motori hai, più costoso è il sistema e, in generale, maggiore è il numero di parti, minore è l’affidabilità”. In tale nota, il CEO ha continuato a descrivere come Virgin Orbit abbia sfruttato la produzione additiva avanzata attraverso una partnership con lo sviluppatore di macchine utensili DMG Mori.ridurre di dieci volte i tempi del ciclo di produzione del motore rispetto alla produzione tradizionale. Le tecnologie di stampa 3D utilizzate dagli ingegneri di Virgin Orbit sono integrate in un impianto di produzione e collaudo di razzi all’avanguardia con apparecchiature automatizzate. Ciò consente all’azienda, ad esempio, di costruire serbatoi in giorni anziché in mesi, che di solito è il tempo necessario con la produzione di razzi convenzionale.

Attraverso un investimento totale di oltre 1 miliardo di dollari, la società si è assicurata una fabbrica di 150 mila piedi quadrati pienamente operativa che sta attualmente sviluppando cinque razzi. L’avanzato impianto di produzione ha assicurato che oltre il 90% della produzione di razzi viene svolto internamente, portando a una riduzione dei costi del 60% per i suoi primi tre razzi. Hart prevede di continuare a ridurre i costi.

Una camera di spinta NewtonThree è costruita nella macchina di produzione sottrattiva additiva ibrida di Virgin Orbit. Immagine per gentile concessione di Virgin Orbit/Greg Robinson
Per l’accordo con Virgin Orbit SPAC, NextGen ha raccolto $ 383 milioni in contanti e un investimento privato completamente impegnato da $ 100 milioni in public equity (PIPE) guidato da investitori strategici tra cui Boeing e AE Industrial Partners, investitori Virgin Orbit esistenti e NextGen. NextGen è una società di assegni in bianco rivolta ai settori industriale, tecnologico e sanitario, guidata dai co-fondatori George Mattson, membro del consiglio di amministrazione di Virgin Galactic, Delta Air Lines e Air France-KLM e Greg Summe, Managing Partner di Glen Capital. La società ha originariamente presentato nel marzo 2021 la richiesta di raccogliere 400 milioni di dollari nella sua IPO e in precedenza aveva annunciato una fusione aziendale con un produttore leader di camion commerciali medi e pesanti completamente elettrici, Xos .

Virgin Orbit segue il percorso della consociata e pioniera del turismo spaziale Virgin Galactic, che ha utilizzato un accordo di fusione SPAC nel 2019 per diventare pubblica ed è diventata un trendsetter per questo tipo di rischiosa impresa privata. Fino al 2019, c’erano una media di 21 accordi SPAC all’anno, ma dopo la mossa altamente pubblicizzata di Virgin Galactic, le fusioni di assegni in bianco sono salite alle stelle, portando a 248 transazioni nel 2020 e 389 nel 2021. Anche i concorrenti di Virgin Orbit Rocket Lab e Astra Space hanno annunciato le proprie affari di fusione assegno in bianco .

Di recente, tuttavia, la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha proposto di modificare alcune regole contabili per i warrant su azioni che potrebbero rendere più difficile per le società diventare pubbliche attraverso fusioni SPAC . Ma proprio quando sembrava che le operazioni SPAC stessero perdendo slancio, la notizia dell’accordo di Virgin Orbit continua ad alimentare questa strategia alternativa a un’IPO. In effetti, la transazione di alto profilo di Branson darà alla piccola società di lancio di satelliti l’infusione di denaro e speranze necessarie per espandere la propria attività.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi