WoeLab in Togo ha prodotto oltre 20 stampanti 3D realizzate con rifiuti elettronici

Sette anni dopo Afate Gnikou, un inventore che lavorava in uno spazio produttore tongolese creato la prima stampante 3D dell’Africa dai rifiuti elettronici , l’interesse accresciuto per questa costruzione innovativa ha portato allo sviluppo di oltre 20 altre stampanti 3D realizzate con elettronica indesiderata scaricata in Occidente Nazione africana del Togo, secondo un rapporto di WeeTracker. La rivoluzione tecnologica sta avvenendo a WoeLab (originariamente scritto WɔɛLab) noto a molti come FabLab a livello stradale. L’innovativo hub è stato creato dall’architetto Sénamé Koffi Agbodjinou come un porto sicuro per la democrazia tecnologica ed è il primo laboratorio gratuito di innovazione sociale e tecnologica del Togo a deviare l’uso di materiale elettronico scartato creando tecnologie sostenibili.

La stampante 3D firmata WoeLab, chiamata W.Afate, prende il nome dalla prima invenzione di Gnikou mentre W sta per WoeLab. Il W.Afate si ispira alla Prusa Mendel dopo che uno dei modelli è stato assemblato al WoeLab grazie a un kit portato dalla Francia. Gnikou trovò rapidamente un modo per fabbricare una macchina che era facilmente riproducibile e si basava interamente sul riutilizzo di materiali di scarto, principalmente unità di elaborazione centrale (CPU), stampanti, scanner, schede Arduino e cavi.

Situato fisicamente nella città togolese di Lomé, WoeLab ha accesso a incredibili forniture di materiale elettronico indesiderato . Sfortunatamente, la città, come molte altre in Africa, ha grandi siti informali di scarico e trattamento dei rifiuti elettronici. Il Togo importa circa 500.000 tonnellate di rifiuti elettronici all’anno e , con uno dei più grandi porti dell’Africa occidentale, ha un grande potenziale per diventare il paese leader dei rifiuti elettronici del continente. Questo è il motivo per cui trasformare l’elettronica usata in stampanti 3D a basso costo potrebbe offrire una potenziale soluzione a questa tendenza rischiosa, malsana e illegale che costituisce una minaccia per l’ambiente e i suoi abitanti. L’elettronica contiene sostanze tossiche come piombo, mercurio, cadmio, arsenico e ritardanti di fiamma; per esempio, uno schermo di un vecchio tubo a raggi catodici (CRT) può contenere fino a tre chilogrammi di piombo.

Menti innovative come Gnikou e Agbodjinou potrebbero fornire soluzioni a una dura realtà africana, fornendo il know-how per co-creare stampanti 3D e avvicinando la popolazione alla tecnologia.

Utilizzando il crowdfunding di Ulule , un’incubatrice sostenuta dalla comunità di progetti a impatto positivo in tutto il mondo, WoeLab ha raccolto oltre 4.600 dollari per sviluppare Woebots1 W.Afate, la prima stampante 3D artigianale, openSource e all’esterno dell’albero genealogico RepRap. Il denaro è stato utilizzato per costituire la prima serie di kit pratici basati sulla conversione razionale dei rifiuti in stampanti 3D per i fab lab di tutto il mondo e per finanziare seminari di ampliamento in Togo.

Fornire soluzioni adattate alle condizioni e alle realtà africane è un’iniziativa a sé stante. Il giovane architetto e antropologo comprende cosa serve per fornire un ampio contesto, sia etico che produttivo, per avvicinare i vari strati sociali della città alla tecnologia, offrendo la possibilità di creare le proprie macchine grazie a una documentazione molto dettagliata e semplificata che spiega come produrre W.Afate in 10 passaggi. La società afferma di pensare ambiziosamente alle città africane intorno a questi luoghi di innovazione. Nell’ambito del programma SiliconVilla, WoeLab ha contribuito a creare e incubare 11 start-up collaborative che si occupano della gestione dei rifiuti e delle risorse.
Più di un anno fa, nel fine settimana successivo all’apertura del progetto di ricerca e mostra Digital Imaginaries: Africas in Production , Agbodjinou ha descritto WoeLab come “un’utopia in cui tutti possono lanciare progetti per avere un impatto sul quartiere e indirizzare i modi per raccogliere i rifiuti “.

Inoltre, il fondatore di WoeLab ha rivelato che dal 2013 avevano lanciato un secondo laboratorio chiamato WoeLab Prime, un incubatore per startup e un modo per identificare il grande potenziale dei bambini piccoli incorporando hackathon, classi di codifica e altro ancora. Entrambi i siti WoeLab hanno anche 600 metri quadrati di spazio ciascuno, che vengono utilizzati come alloggi per le persone da visitare.

Essendo il più grande hub tecnologico dell’Africa occidentale, non sono solo interessati a continuare a produrre il loro pionieristico W.Afate, che è diventato molto noto in tutto il mondo, ma hanno anche sviluppato una nuova stampante 3D che si aspettano di commercializzare, il Woebots Tavio. Agbodjinou aveva descritto che, sebbene W.Afate sia un concetto incredibile che comprende sostenibilità, creatività e conoscenza, è molto difficile costruire industrialmente perché si basa su rifiuti elettronici, e ha detto che non è facile trovare lo stesso rifiuto elettronico per ogni macchina.

Alimentato da L’Africained’Architecture – una struttura attivista istituita anche da Agbodjinou per promuovere un approccio originale alla pianificazione e alla progettazione in Africa – il WoeLab è diventato un sito molto popolare per i giovani di Lomé con un curioso desiderio di imparare. La creazione di stampanti 3D con materiale che altrimenti finirebbe in discariche, o incenerite, aiuta queste comunità a valutare la necessità di sostenibilità nei loro progetti e, come le idee più brillanti, lo spazio di innovazione di WoeLab ha incoraggiato lo sviluppo di ritmi di altri produttori, fab lab e centri di creatività che producono tecnologie dirompenti, come gli studenti del Buni Hub in Tanzania, che hanno anche costruito una stampante 3D per rifiuti elettronici solo tre anni dopo la creazione di WoeLab .

Mentre incoraggia gli studenti a produrre stampanti 3D, WoeLab offre anche alla comunità di Lomé l’opportunità di generare uno strumento in grado di migliorare la propria vita, consentendo a tutti di diventare una forza crescente per il cambiamento. Ogni anno generiamo 50 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici in tutto il mondo e l’85% di questi prodotti viene smaltito in discariche o inceneritori. Questo dovrebbe essere un grande incentivo a seguire le orme di Agbodjinou, che all’inizio ha visto ciò che gli altri non hanno fatto, potenziale per creare una stampante 3D dalla spazzatura.

Be the first to comment on "WoeLab in Togo ha prodotto oltre 20 stampanti 3D realizzate con rifiuti elettronici"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi