Zortrax fusione inversa con Corelens

Il produttore polacco di stampanti 3D Zortrax ha firmato un accordo di fusione inversa con la società di ottica medica Corelens che la vedrà diventare una società quotata in borsa.

L’accordo significa che tutte le attività di Zortrax saranno trasferite a Corelens, che in cambio emetterà il 97% delle sue azioni agli azionisti di Zortrax. Oltre a consentire a Zortrax di espandere le applicazioni mediche dei suoi sistemi, la fusione la vedrà diventare quotata alla borsa NewConnect, per un valore di 150 milioni di zł o 39,6 milioni di dollari.

“La nostra chiara strategia di sviluppo e il contesto di mercato favorevole ci consentono di guardare al futuro con ottimismo e ipotizzare una crescita dinamica delle vendite di soluzioni per vari settori”, ha affermato Mariusz Babula, VP del consiglio di amministrazione di Zortrax. “Abbiamo commissionato una valutazione di Zortrax, che ha determinato il valore della nostra azienda a 150 milioni di zł.”

“QUESTO È UN ALTRO PASSAGGIO RICHIESTO DALLA LEGGE PER AVVICINARE ZORTRAX ALL’OTTENIMENTO DELLO STATUS DI SOCIETÀ PER AZIONI”.

Con sede a Olsztyn, in Polonia, Zortrax è specializzata nella produzione di stampanti 3D desktop, ma offre anche una varietà di post-elaborazione, materiali e soluzioni software ai suoi clienti. L’azienda commercializza i propri prodotti attraverso una rete di oltre 130 partner operanti in 90 paesi, in settori che vanno dall’automotive e architettura al settore tessile.

Ad esempio, nel luglio 2019, la Zortrax ha prototipato numerose parti per Falectra , il primo marchio di motociclette elettriche della Polonia. In un’applicazione completamente diversa della tecnologia di stampa 3D dell’azienda, la società tedesca Lightning Cosplay , utilizza i sistemi Zortrax M200 per fabbricare costumi ispirati ai videogiochi .

Altrove, l’azienda ha sviluppato una gamma di resine biocompatibili per la sua gamma di sistemi Inkspire , nel tentativo di sfruttare la crescente popolarità della stampa 3D desktop medica. Anche altre aziende di additivi hanno identificato questa tendenza e uno dei suoi concorrenti, Formlabs , ha recentemente annunciato l’imminente lancio di una nuova macchina 3BL desktop a base di bio-resina .

Per trarre vantaggio da questa crescita della domanda e migliorare la compatibilità medica delle sue stampanti, Zortrax ha ora scelto di fondersi con la società clinica Corelens. Come ulteriore vantaggio dell’accordo, la società potrebbe raccogliere una quantità significativa di finanziamenti facendo fluttuare le proprie azioni in borsa, a seconda dei propri dati finanziari e della fiducia degli investitori.

La stessa fusione inversa vedrà Corelens emettere agli investitori di Zortrax almeno 111.937.500 azioni, o l’equivalente del 97 percento della sua attività, a un prezzo fisso di 1,34 zł. In cambio di ciascuna azione Zortrax, verranno emesse 15 nuove azioni Corelens agli azionisti della società, assicurando che mantengano la stessa percentuale della società che avevano prima.

Fondamentalmente, scegliendo di mettere in atto l’accordo come una fusione inversa, Zortrax verrà effettivamente quotata come società pubblica su NewConnect, una borsa polacca. Nell’ambito dei preparativi per la quotazione in borsa, Zortrax ha commissionato una valutazione delle sue attività, che ha stimato il suo valore a circa 150 milioni di zł o 39,6 milioni di dollari.

Secondo Zortrax, l’accordo le consente di aumentare le sue vendite all’interno del mercato della stampa 3D medica “ampiamente compreso” e di lavorare a più stretto contatto con il team clinicamente esperto di Corelens. Tuttavia, nonostante le opportunità presentate dalla fusione, la mossa arriva in un momento inopportuno anche per Zortrax, che ha registrato un calo delle entrate del 16% nei suoi dati finanziari più recenti.

Un momento opportuno per rendere pubblico?

Sebbene la società non sia ancora quotata in borsa e non sia obbligata a pubblicare i suoi dati per intero, ha registrato un fatturato di 20,4 milioni di zł per i primi sette mesi del 2020. Questa cifra rappresenta un calo di 3,9 milioni di zł sui 24,3 milioni di zł. zł di entrate generate nello stesso periodo nel 2019.

I risultati finanziari di Zortrax sono stati anche influenzati negativamente da una serie di cancellazioni una tantum rese necessarie da una fusione con Corelens, che è stata in fase di pianificazione per diversi mesi. Ad esempio, l’accordo ha richiesto lo scioglimento formale delle attività fiscali di Zortrax, che è costato all’azienda circa 2,9 milioni di zł in bilancio ma non ha influito sul flusso di cassa disponibile.

Complessivamente, nell’anno finanziario fino al 31 luglio 2020, Zortrax ha registrato una perdita netta di 6,1 milioni di zł, 2,8 milioni di zł in meno rispetto ai -3,3 milioni di zł pubblicati nello stesso periodo del 2019. Nonostante ciò, la società aveva una liquidità leggermente superiore disponibile rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con 3,4 milioni di zł contro 2,8 milioni di zł.

Secondo Babula, la pandemia COVID-19 ha avuto un impatto sproporzionatamente alto sui suoi appaltatori con sede in Cina, che sono stati costretti a chiudere all’inizio di quest’anno. “Uno dei principali fornitori dell’azienda sono gli appaltatori dalla Cina, che sono stati temporaneamente obbligati a sospendere la produzione di componenti dedicati alle stampanti 3D”.

“Questo, a sua volta, ha comportato l’impossibilità di soddisfare tutti gli ordini di Zortrax e la diminuzione delle vendite”, ha aggiunto Babula. “Attualmente, la situazione epidemica non influisce sulle attività di Zortrax e la cooperazione con i partner asiatici procede senza intoppi”.

Be the first to comment on "Zortrax fusione inversa con Corelens"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi