Zortrax si ritira dai negoziati di investimento Rusatom – Additive Technologies dopo l’invasione russa dell’Ucraina  

 Zortrax ha deciso di ritirarsi da ulteriori trattative con Rusatom-Additive Technologies, azienda che fa parte del Gruppo Rosatom

Zortrax ha annunciato il suo ritiro dai negoziati con Rusatom – Additive Technologies , che potrebbe aver visto meno del 50% delle azioni della società di stampa 3D polacca vendute fino a $ 65 milioni.

La società afferma di aver preso la decisione di non “firmare un allegato per prolungare i negoziati” alla luce dell’invasione russa dell’Ucraina negli ultimi giorni. Ciò significa che l’accordo di investimento non entrerà in vigore e Rusatom – Additive Technologies, una società di proprietà dello stato russo, non diventerà azionista di Zortrax.

Mariusz Babula, CEO di Zortrax, ha commentato: “L’aggressione russa contro l’Ucraina ci ha lasciato tutti scioccati e indignati. Ha anche reso assolutamente chiaro che la missione di Zortrax non può e non sarà finanziata con denaro che ha reso possibile questa aggressione. Per questo motivo, ci ritiriamo da ulteriori negoziati con Rusatom – Additive Technologies, che è una società statale russa”.

Zortrax è arrivato sul mercato negli ultimi anni con un portafoglio di stampanti 3D basate sull’estrusione per i mercati professionale e industriale. Supportate dal suo software Z-SUITE e da un portafoglio di materiali in crescita, le apparecchiature di stampa 3D di Zortrax hanno attirato l’attività della NASA, Bosch, l’ Agenzia spaziale europea e altri clienti nei settori dell’architettura, della medicina, del design automobilistico e della moda.

L’organizzazione madre di Rusatom – Additive Technologies, Rosatom, è stata fondata nel dicembre 2007 dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha firmato una legge che ha visto l’abolizione dell’Agenzia federale per l’energia atomica e il trasferimento dei suoi beni alla neonata Corporazione statale per l’energia atomica Rosatom. Nel 2018, un’altra azienda Rosatom, TVEL Fuel Company, ha fondato la divisione di produzione additiva Rusatom , prima che il suo primo Centro di tecnologie additive fosse aperto lo scorso anno presso lo stabilimento Polymetal di Mosca. Qui, l’azienda aveva installato le proprie stampanti 3D con fusione laser selettiva, oltre a capacità SLS e SLA polimeriche. Sembra che anche Rusatom – Additive Technologies stesse cercando di investire nella stampa 3D di estrusione, ma alla luce dei recenti eventi, Zortrax ha deciso di ritirarsi dai negoziati.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi