3DQUE LANCIA DUE NUOVI KIT DI AUTOMAZIONE PER LE STAMPANTI 3D CREALITY CR-10 E CR-6 SE
 

3DQue , uno sviluppatore con sede a Vancouver di tecnologia di automazione per l’industria della stampa 3D, ha annunciato il lancio di due nuovi kit di automazione Quinly per Creality CR-10 e CR-6 SE.

Quinly è un operatore di stampante 3D virtuale servito da un Raspberry Pi, un kit hardware e software in grado di eseguire autonomamente stampanti 3D desktop. La tecnologia è progettata per rendere la stampa 3D più scalabile eliminando il lavoro manuale dall’equazione. Si rivolge principalmente a laboratori di stampa, produttori on-demand, istituzioni educative e chiunque altro cerchi la produzione automatizzata di parti di massa.

Oltre ad automatizzare attività come la rimozione delle parti, la pulizia del letto e l’applicazione dell’adesivo, la piattaforma basata su browser può essere utilizzata anche per pianificare un’intera coda di costruzioni in remoto. Il kit Quinly contiene un sistema di rimozione automatizzata delle parti (il telaio), un piano di stampa VAAPR e il software di controllo della stampante Quinly. Il prodotto è già compatibile con un’ampia gamma di stampanti 3D desktop popolari, tra cui Prusa MK3 , Ender 3 e Ultimaker S5 , con altre in arrivo.

Il kit Quinly fai da te di 3DQue include un telaio inclinabile, un nuovo piano di stampa e un software di controllo della stampante. Foto tramite 3DQue.
Quinly per Creality CR-10

La CR-10 è una delle stampanti 3D di formato più grande di Creality, che offre un volume di costruzione di 300 x 300 x 400 mm. Ciò rende il sistema ideale per la produzione di parti e lotti di grandi dimensioni ma, secondo 3DQue, i sistemi di print farm tendono a essere operativi solo per circa il 35% della giornata. Il nuovo kit CR-10 Quinly è progettato per aumentare drasticamente questa cifra, riducendo i tempi dell’operatore manuale fino al 95%.

La grande piastra di costruzione VAAPR inclusa nella confezione non è realizzata in vetro o PEI e non è rivestita o strutturata. Invece, sfrutta una speciale formulazione non tossica e non infiammabile che, secondo quanto riferito, fornisce una forza adesiva 500 volte maggiore quando riscaldata. Una volta che il letto si è raffreddato, le parti si staccano semplicemente e vengono guidate nella baia di raccolta dalla testina di stampa, eliminando la necessità di raschiare o piegare. Il letto VAAPR è compatibile con ABS, PLA, HIPS, Nylon, ASA, PC e altro.

Mateo Pekic, capo delle innovazioni di 3DQue, afferma: “Quinly per CR-10 ti consente di automatizzare le stampe più grandi, consentendo la produzione 24 ore su 24, 7 giorni su 7, di parti di grandi dimensioni, oggetti di scena, pezzi di costume e altro, risparmiando molto tempo per entrambi aziende di stampa e hobbisti”.

 

D’altra parte, la CR-6 SE è stata la prima stampante 3D finanziata dal crowdfunding di Creality , raccogliendo circa 4,3 milioni di dollari su Kickstarter . Il sistema viene fornito completo di una serie di innovazioni intelligenti progettate per risolvere i problemi comuni che si trovano tipicamente nelle stampanti FDM di livello consumer. Per risolvere l’annoso problema del livellamento del letto, la macchina offre un “dispositivo senza livellamento” integrato che utilizza un sensore di pressione intelligente per livellare costantemente automaticamente il letto in modo che l’utente non debba farlo.

Il kit Quinly per CR-6 SE è in grado di attivare questo sistema di livellamento del letto, così come il sensore di esaurimento del filamento della stampante, consentendo lavori di stampa di più giorni senza alcun intervento da parte dell’utente. Il software avvisa anche gli operatori se il filamento si esaurisce o se è necessaria una manutenzione per quanto riguarda il livellamento del letto.

 

L’automazione nella stampa 3D è fondamentale se la tecnologia deve essere scalata per applicazioni industriali ad alto volume. All’inizio di questo mese, Materialise , uno dei principali sviluppatori di software di stampa 3D, ha annunciato il lancio del suo nuovo modulo dentale per Materialise Magics per automatizzare la stampa 3D dentale. Rivolto ai laboratori odontotecnici, l’add-on modulare semplifica la preparazione della stampa 3D per le applicazioni dentali comuni, coprendo tutto, dalla generazione del supporto alla costruzione del nesting.

Altrove, nello spazio di post-elaborazione, lo sviluppatore di sistemi di post-stampa automatizzati Oryx Additive ha recentemente collaborato con il produttore di stampanti 3D Arburg per offrire ai clienti di Arburg sistemi di rimozione del supporto e finitura delle parti . Progettata per l’uso con parti polimeriche stampate in 3D, la linea di prodotti SCA di Oryx Additive è in grado di rimuovere strutture di supporto a base di solventi e solubili in acqua, risultando in un flusso di lavoro di post-elaborazione a mani libere.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi