Nella città olandese di Nijmegen è stato completato e inaugurato il ponte per biciclette stampato in 3D più grande e più lungo del mondo. È stato realizzato da Saint Gobain Weber Beamix e BAM dopo essere stato progettato dall’architetto Michiel van der Kley. L’8 settembre 2021 l’inaugurazione del ponte di Nijmegen, che è stata scelta come Capitale Verde Europea 2018.
 
Nella primavera del 2021, abbiamo riferito sui progressi nella costruzione del ponte stampato in 3D a Nijmegen . Ieri è stato ufficialmente inaugurato da Saint Gobain Weber Beamix il ponte in cemento stampato in 3D più lungo e più grande al mondo per biciclette. Il ponte è stato costruito a strati nell’impianto di stampa del calcestruzzo dell’azienda ed è stato realizzato da BAM, come spiega il TU Eindhoven in un comunicato stampa .

Michiel van der Kley, l’architetto, ha potuto lavorare senza restrizioni in termini di design, materiale o cassaforma in calcestruzzo. Il primo ponte in acciaio stampato in 3D al mondo è stato costruito ad Amsterdam. Con il primo ponte pedonale al mondo stampato in 3D in polimero rinforzato con fibre, c’è un altro ponte stampato in 3D nei Paesi Bassi a Rotterdam.

 
Il ponte ha campate diverse e quindi non è ovunque ugualmente pesante. Questo doveva essere preso in considerazione durante la costruzione, motivo per cui i produttori hanno deciso di dividere il ponte in parti stampabili. Per generare il progetto finale, i progettisti hanno utilizzato un modello parametrico.

I ponti realizzati con la stampa 3D vengono creati più velocemente dei normali ponti e sono più flessibili quando si tratta di progettazione. Poiché per la stampa viene utilizzato meno cemento, sono anche più sostenibili. Rijkswaterstaat ha avviato il progetto per costruire un ponte stampato in 3D con il designer Van der Kley. Il ponte dovrebbe essere donato come promemoria permanente dell’elezione del comune di Nijmegen a Capitale verde europea nel 2018.

Voci dei responsabili del progetto
Bert Velthuis, consigliere comunale di Nijmegen, ha dichiarato:

“La città di Nijmegen è molto onorata di ricevere questo innovativo ponte stampato in 3D. Siamo una città di ponti e questo ponte speciale e innovativo è un’aggiunta meravigliosa. Il ponte porta alla connessione: in fase di progettazione e costruzione ha collegato i diversi partner, e d’ora in poi il ponte collega i nostri residenti”.
Bas Huysmans, CEO di Saint Gobain Weber Beamix Benelux, ha commentato:

“Questa tecnologia di produzione 3D consente un risparmio di materiale fino al 50 percento, poiché la stampante applica il calcestruzzo solo dove è necessario per la resistenza strutturale. La tecnologia 3D sta maturando e sta diventando un’opzione seria per la costruzione più rapida, sostenibile ed economica, ad esempio, di ponti ciclabili e pedonali”.
Il designer Michiel van der Kley ha spiegato:

“Era particolarmente importante per me mostrare la nostra posizione con la tecnologia di stampa 3D. Il design si ispira a una forma che nasce in natura perché deve assorbire una certa forza nel modo più efficiente, ed è stata ora tradotta in un processo digitale. Con questa forma abbiamo reso di nuovo più interessante la stampa 3D di oggetti in cemento.”
Theo Salet, professore di strutture in calcestruzzo alla TU Eindhoven, ha dichiarato:

“La pressione del calcestruzzo ha un enorme potenziale di crescita. Usiamo meno materie prime e possiamo aumentare drasticamente la velocità di costruzione. In futuro, vogliamo rendere il cemento più sostenibile e anche riutilizzarlo. C’è molto di più da raggiungere. Sono anche orgoglioso del fatto che le conoscenze acquisite siano entrate nel settore così rapidamente”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi