Stampa 3D: rendere il mondo un po’ migliore
 
Ci sono studenti che sanno già abbastanza bene in giovane età cosa vogliono fare professionalmente. Alexander Grossmann è una persona del genere. Il dottore in ingegneria meccanica sapeva presto che un giorno avrebbe voluto lavorare come ricercatore. “Ho sempre pensato di voler inventare cose utili, qualcosa che avrebbe aiutato la società, le persone”, dice Alexander Großmann. Il libro di Stephen Hawking The Universe in a Nutshell è stata una rivelazione per lui da ragazzo. “La ricerca di una formula che spieghi tutto mi ha affascinato e continua a farlo”, dice il 32enne. No, per lui non si tratta di diventare ricco e famoso, anche se spesso l’altruismo si unisce all’egoismo, ammette sorridendo. Großmann si concede l’egoismo
STAMPA LASER 3D CON UN POTENZIALE IMMENSO
Fino a poco tempo, Alexander Großmann era a capo di un gruppo di ricerca presso il KLuB, l’Istituto per “Costruzioni e costruzioni leggere” presso la TU Darmstadt – nel frattempo è passato al settore privato. Gli piaceva la scienza qui con la stampa 3D di componenti in metallo leggero. Sembra complicato, ma il profano lo capisce immediatamente quando attraversa l’officina del dipartimento di ingegneria meccanica con Großmann. “Guarda, convenzionalmente i componenti vengono fresati da interi blocchi di metallo. Lo facciamo al contrario. Prendiamo polvere di metallo sciolto e usiamo il laser per stampare i componenti strato dopo strato”, spiega Großmann. Questo è chiamato processo di produzione additiva.Il vantaggio è evidente: mentre ci sono molti rifiuti lasciati dalla fresatura o dalla punzonatura dei componenti, il materiale da costruzione viene utilizzato quasi uno a uno nella stampa 3D. “L’uso efficiente dei materiali e dell’energia aiuta a preservare le risorse e l’ambiente.” Il messaggio di Großmann è inequivocabile: il futuro è efficiente sotto il profilo delle risorse. È importante proteggere l’ambiente e il clima. L’uomo è completamente figlio del presente. Ed è convinto: l’industria e le imprese aumenteranno la loro efficienza delle risorse, rafforzeranno la loro competitività e allo stesso tempo proteggeranno l’ambiente. Alexander Großmann è uno a cui piace dire quello che pensa. L’industria e le imprese aumentano l’efficienza delle risorse, rafforzano la loro competitività e allo stesso tempo proteggono l’ambiente. Alexander Großmann è uno a cui piace dire quello che pensa. L’industria e le imprese aumentano l’efficienza delle risorse, rafforzano la loro competitività e allo stesso tempo proteggono l’ambiente. Alexander Großmann è uno a cui piace dire quello che pensa.
dott Alexander Grossmann
Pensare fuori dagli schemi
 
 
POTENZIALE DI MERCATO IMMENSO
“In futuro, ciò che è noto come fusione del raggio laser a base di polvere sottrarrà quote di mercato significative ai processi di produzione classici.” Alexander Großmann ne è convinto. Il principio offre grande libertà di costruzione e progettazione e quindi molte possibili applicazioni. Su richiesta, lui e il suo team hanno prodotto un’ampia gamma di componenti leggeri con la stampante 3D: dall’attacco manubrio del manubrio della bicicletta ai componenti per i viaggi nello spazio e ai prodotti medici come le articolazioni artificiali dell’anca, ha dimostrato il potenziale di questo processo di produzione. Il grande vantaggio della tecnologia è che i componenti possono essere prodotti direttamente in un unico pezzo. Il clou: i componenti di Großmann hanno una struttura a traliccio. Sono quindi particolarmente leggeri e possono essere integrati in modo ottimale nel rispettivo ambiente.
Tecnologia operativa adattata alla velocità per la stampa 3D

Alexander Grossman

dott Alexander Großmann produce componenti con la stampante 3D utilizzando una tecnologia innovativa.

Il suo workshop presso la TU Darmstadt.
PENSARE FUORI DAGLI SCHEMI
Altri hanno inventato la stampa 3D prima di Großmann. I primi processi di produzione additiva sono emersi alla fine degli anni ’80. A quel tempo, l’obiettivo era produrre prototipi economici a scopo illustrativo. Oggi l’obiettivo è quello di realizzare prodotti in serie. Alexander Großmann ha sviluppato un metodo che ottimizza il processo di produzione. È riuscito ad adattare la velocità di stampa della stampante 3D al componente e al materiale: “Fino a poco tempo, una stampante 3D poteva funzionare solo a una velocità. A seconda della situazione, ciò può anche essere controproducente”, afferma Großmann. Usando un’auto come esempio, spiega poi in cosa consiste la stampa a velocità variabile: “Immagina che il motore della tua auto possa guidare solo a una velocità, diciamo 70 km/h. Sarebbe troppo veloce nelle aree urbane e troppo lento in autostrada.” Con la stampa 3D, le cose non sono molto diverse al momento. Hai bisogno di velocità variabili e adattate alla situazione. Dopo anni di ricerca, Großmann è riuscita a inventare una tecnologia operativa così differenziata per le stampanti laser: “È stato un momento meraviglioso quando finalmente ha funzionato.” Un’innovazione attualmente in fase di brevetto. Großmann offre ora un servizio Web che fornisce strumenti per un processo di stampa ottimizzato. “Un’idea che regge il confronto con la concorrenza è giustificata anche dal mercato”. di inventare una tecnologia operativa così differenziata per le stampanti laser: “È stato un momento meraviglioso quando finalmente ha funzionato.” Un’innovazione attualmente in fase di brevetto. Großmann offre ora un servizio Web che fornisce strumenti per un processo di stampa ottimizzato. “Un’idea che regge il confronto con la concorrenza è giustificata anche dal mercato”. di inventare una tecnologia operativa così differenziata per le stampanti laser: “È stato un momento meraviglioso quando finalmente ha funzionato.” Un’innovazione attualmente in fase di brevetto. Großmann offre ora un servizio Web che fornisce strumenti per un processo di stampa ottimizzato. “Un’idea che regge il confronto con la concorrenza è giustificata anche dal mercato”.
SCOPRI TU STESSO IL MONDO
Alexander Großmann ha sviluppato un senso degli affari da adolescente. A quel tempo gestiva una piccola impresa per soluzioni di rete IT insieme a suo padre. Ha assemblato il suo primo computer all’età di 14 anni. “Non è affatto un problema per uno studente interessato alla tecnologia.” Tuttavia, l’ex ginnasta agonistica non è un secchione con la visione a tunnel.
Großmann conosce i brutti voti al liceo, quando le feste e i giochi per computer sono più importanti dei risultati accademici. “Certo, i miei genitori non erano entusiasti. Ma erano abbastanza grandi da permettermi di scoprire il mondo da solo”. Cresciuto ad Annweiler vicino a Landau nel Palatinato, figlio di un ingegnere di rete svevo e di un biologo brasiliano, Großmann ha inizialmente abbandonato il suo percorso verso la scienza dopo il diploma di scuola superiore. Si arruolò nella Bundeswehr, divenne pilota di elicotteri con l’Aviazione militare, studiò ingegneria meccanica all’Università Helmut Schmidt di Amburgo. Sarà il periodo più formativo della sua carriera professionale finora: “La mia carriera come ufficiale nella Bundeswehr mi ha insegnato a sviluppare standard personali in cose come la leadership di squadra e l’orientamento agli obiettivi”, afferma Alexander Großmann. Conosce i pregiudizi contro la Bundeswehr. “Molti pensano a categorie come comando e obbedienza. Quello era una volta. Oggi si tratta di concentrarsi sull’essenziale, su strategie di risoluzione dei problemi che vengono attuate in modo disciplinato in relazione a un obiettivo”. settore. Perché Großmann conosce anche i suoi punti deboli: “Sono un tipo emotivo”, ammette. Alla fine, però, vince sempre la diplomazia, dice sorridendo Alexander Großmann. Che si addice a chi ama ricominciare da zero ancora e ancora per rendere il mondo un po’ migliore. sulle strategie di problem solving che, combinate con un obiettivo, vengono attuate in modo disciplinato.” Competenze trasversali che gli sono state di enorme aiuto come leader di un gruppo di ricerca e che ora gli consentono di affermarsi nel settore privato. Perché Großmann conosce anche i suoi punti deboli: “Sono un tipo emotivo”, ammette. Alla fine, però, vince sempre la diplomazia, dice sorridendo Alexander Großmann. Che si addice a chi ama ricominciare da zero ancora e ancora per rendere il mondo un po’ migliore. sulle strategie di problem solving che, combinate con un obiettivo, vengono attuate in modo disciplinato.” Competenze trasversali che gli sono state di enorme aiuto come leader di un gruppo di ricerca e che ora gli consentono di affermarsi nel settore privato. Perché Großmann conosce anche i suoi punti deboli: “Sono un tipo emotivo”, ammette. Alla fine, però, vince sempre la diplomazia, dice sorridendo Alexander Großmann. Che si addice a chi ama ricominciare da zero ancora e ancora per rendere il mondo un po’ migliore. Alla fine, però, vince sempre la diplomazia, dice sorridendo Alexander Großmann. Che si addice a chi ama ricominciare da zero ancora e ancora per rendere il mondo un po’ migliore. Alla fine, però, vince sempre la diplomazia, dice sorridendo Alexander Großmann. Che si addice a chi ama ricominciare da zero ancora e ancora per rendere il mondo un po’ migliore.

 Heike Jungst da TU Darmstadt

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi