Anisoprint AURA 2.1

ANISOPRINT LANCIA AURA 2.1 CON NUOVE FUNZIONALITÀ DI STAMPA 3D A FIBRA CONTINUA PREMIUM

Anisoprint , produttore di sistemi di stampa 3D in fibra continua, ha lanciato un aggiornamento per il suo software di slicing proprietario.

La nuova e migliorata Aura 2.1 Premium è la forza trainante della stampante Composer 3D di punta dell’azienda e consente agli utenti di personalizzare e integrare i rinforzi in fibra nei componenti compositi a base di polimeri.

Ricco di profili di stampa verificati per un’ampia varietà di filamenti polimerici, il software è progettato per eliminare l’approccio per tentativi ed errori altrimenti costoso e arduo alla stampa 3D composita.

L’ultimo aggiornamento introduce ciò che Anisoprint chiama “maschere”, modelli speciali che possono essere aggiunti al file 3D di una parte nell’area di lavoro virtuale del filtro dei dati. L’obiettivo finale qui è fornire agli utenti un maggiore controllo sulle complessità dei loro rinforzi in fibra in un modo facile da visualizzare. Intersezionandosi con il file STL originale di un componente, le maschere possono stabilire esattamente quando e dove i rinforzi in fibra vengono coestrusi, consentendo agli utenti di modificare le proprietà meccaniche e le caratteristiche di resistenza delle loro costruzioni.

Oltre a evidenziare le posizioni dell’armatura, le maschere possono essere utilizzate anche per regolare le posizioni di supporto di una parte. Dopo aver posizionato una maschera, l’utente può contrassegnare l’area mascherata come zona di supporto forzato o come blocco del supporto. Il primo garantisce la generazione di supporti nella posizione specificata, mentre il secondo viene utilizzato per eliminare la generazione di supporti nella maschera, aprendo nuove strade ai progettisti per risparmiare sull’uso di materiale non necessario ottimizzando l’integrità strutturale delle loro parti.

“Le maschere sono uno strumento potente che consente agli utenti di creare schemi di stratificazione della fibra complessi che corrispondono alle condizioni di carico effettive della parte”, spiega Fedor Antonov, CEO di Anisoprint. “Utilizzando le maschere, i nostri clienti possono selezionare determinate aree per un rinforzo migliorato o lasciarle non rinforzate per ridurre i tempi di stampa e l’utilizzo del materiale. Consentono l’uso selettivo di diversi riempimenti, modelli in fibra / plastica, supporti e altre impostazioni di taglio all’interno di uno strato geometrico con facilità. Questa è una caratteristica assolutamente unica che conferisce al taglio per fibre continue un nuovo livello di flessibilità. “

Guardando l’esempio sotto, abbiamo una parte semplice con un foro nel mezzo. Le maschere possono essere utilizzate per migliorare la funzionalità aumentando la rigidità del componente nel piano orizzontale. Il flusso di lavoro qui è stato progettato per essere estremamente intuitivo e snello, poiché agli utenti è richiesto solo di posizionare le due maschere nell’area di lavoro prima di spostarle nel componente per formare le intersezioni. A questo punto, le strutture delle aree mascherate possono essere messe a punto e la stampante 3D Composer farà il resto.

La tecnologia di stampa 3D di coestrusione a fibra continua (CFC) di Anisoprint si presta intrinsecamente alla produzione di parti ad alta resistenza. Tuttavia, la nuova funzionalità della maschera di Aura può essere utilizzata per ottimizzare ulteriormente queste parti tenendo presente l’applicazione per l’uso finale. Regolando gli schemi di rinforzo di una parte strato per strato, gli utenti possono personalizzare le proprie costruzioni in base al carico che dovrebbero sopportare.

Per un’applicazione più precisa della maschera, Anisoprint consiglia di utilizzare un programma di ottimizzazione della topologia di terze parti. Determinando innanzitutto le aree esatte che saranno soggette al carico maggiore, gli utenti possono esportare la “zona di carico” evidenziata e utilizzarla come geometria della maschera personalizzata. In questo modo, l’errore umano viene eliminato del tutto e i rinforzi vengono coestrusi solo nelle sezioni pertinenti, come determinato da sofisticati algoritmi di analisi agli elementi finiti.

Secondo il produttore, l’uso dell’ottimizzazione della topologia può portare a risparmi di peso e costi rispettivamente fino al 15% e al 25%, il tutto aumentando la resistenza e la rigidità alla deformazione delle parti stampate in 3D. Nell’esempio seguente, che evidenzia l’area di carico in blu, la deformazione è stata ridotta del 15%, la tensione massima della griglia del 20% e la tensione massima nelle sezioni rinforzate del 31%.

Per gli utenti che non desiderano stampare parti composite in 3D, Aura è compatibile anche con altri sistemi FFF convenzionali, il che significa che può essere utilizzato come un normale affettatore desktop. L’ultima versione di Aura può essere scaricata qui.

Be the first to comment on "Anisoprint AURA 2.1"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi