Artillery Sidewinder X2 – Artillery presenta il successore dell’X1

Se stai cercando una stampante economica che abbia sia un ampio spazio di installazione che un estrusore a trasmissione diretta, ti imbatterai inevitabilmente nella serie Sidewinder del produttore cinese Artillery. Con la versione X2, Artillery sta ora introducendo un successore del Sidewinder X1, che in realtà è già la quinta versione del dispositivo, poiché Artillery ha continuamente migliorato l’X1 con piccoli aggiornamenti dal 2018. Prima di iniziare a testare il Sidewinder X2, diamo una rapida occhiata ai vantaggi e agli svantaggi del suo ultimo predecessore, l’X1 di quarta generazione. Come punti positivi, abbiamo certificato che il dispositivo aveva un ampio spazio di installazione e risultati di stampa affidabili grazie al suo estrusore a trasmissione diretta. Ci è piaciuto anche il riscaldamento rapido del letto riscaldante AC, le sue proprietà di stampa silenziose e la sua modificabilità per i produttori. D’altra parte, avevamo criticato la struttura un po’ scadente e fragile, che si vedeva, ad esempio, negli ingranaggi in plastica e nei fragili cavi piatti. Il letto di stampa non si riscaldava in modo uniforme e la ventola dell’hotend ci sembrava un po’ sottodimensionata. A causa del prezzo molto basso, siamo giunti alla conclusione che il dispositivo era ancora un buon rapporto qualità-prezzo per i principianti. Nel frattempo, però, è passato un po’ di tempo, e la maggior parte di loro A causa del prezzo molto basso, siamo giunti alla conclusione che il dispositivo era ancora un buon rapporto qualità-prezzo per i principianti. Nel frattempo, però, è passato un po’ di tempo, e la maggior parte di loro A causa del prezzo molto basso, siamo giunti alla conclusione che il dispositivo era ancora un buon rapporto qualità-prezzo per i principianti. Nel frattempo però è passato un po’ di tempo, e la maggior parte di loroI produttori del settore low cost si sono aggiornati. L’artiglieria promette quindi anche una versione migliorata con un nuovo nome con il Sidewinder X2. Diamo prima un’occhiata ai dettagli tecnici aggiunti dal produttore.

La nuova stampante è disponibile sul sito Web del produttore , Aliexpress , Amazon e altri rivenditori.

 


Dettagli tecnici          Artillery Sidewinder X2
Tecnologia di stampa      Modellazione a deposizione fusa ( FDM )
Spazio di installazione [LxWxH]    30 x 30 x 40 cm
Materiale del telaio  Alluminio e plastica
Precisione posizionale  0,05 mm (XY), 0,1 mm (Z)
Velocità di stampa  fino a 150 mm/s
Spessore dello strato. 0,05 mm
Estrusore a trasmissione diretta singolo per filamento da 1,75 mm, massimo 240 gradi, 0,4 mm
Scheda principale Sviluppo interno dell’Artillery a 32 bit
adattatore di alimentazione integrato, 110 V-220 V commutabile
Interfacce USB , chiavetta USB, scheda Micro SD
Schermo Touch a colori – Display
Pannello di costruzione  Piattaforma di stampa in vetro rivestito, riscaldabile fino a un massimo di 130 gradi

varie :
Sensore di filamento, ripresa della funzione di stampa, doppio asse Z, illuminazione a LED, funzione di livellamento automatico
Compatibilità. Windows, Linux, Mac OS
Software di affettatura consigliato. Cura, Simplify3D, Slic3r
Dimensioni del dispositivo. 550 x 405 x 640 mm
il peso 12.9 kg
Connessioni per chiavetta USB e scheda micro SD

Miglioramenti
I dati tecnici e la struttura generale del dispositivo sono quindi sostanzialmente identici alla versione X1. Le differenze possono essere trovate in un aspetto leggermente modificato (che riguarda sostanzialmente solo il coperchio dell’estrusore e la traversa superiore), una nuova scheda madre a 32 bit autosviluppata, che è già installata in altri dispositivi Artillery più recenti, un livellamento automatico integrato Funzionalità, un cablaggio un po’ più robusto per il piano di stampa riscaldato, un attacco per l’asse Z migliorato, un interruttore sull’alimentatore che ora supporta sia 110 V che 220 V e il fatto che la stampante venga consegnata già impostata un po’ più pienamente. Diamo un’occhiata più da vicino a questi cambiamenti come parte del nostro test.

 
Prima impressione e struttura
Come la X1 , l’X2 viene consegnato ben confezionata in una scatola di cartone. Dopo aver tolto le due parti essenziali dalla schiuma, puoi iniziare a costruire il dispositivo. Come per il modello precedente, questo non è particolarmente difficile e le istruzioni fornite ti aiuteranno. Il termine assemblaggio in sé è in realtà quasi esagerato, perché in fondo non resta che assemblare la stampante, che è stata smontata in due parti per motivi di imballaggio, e fissarla con poche viti. Infatti il ​​setup è ancora più veloce rispetto al predecessore e siamo già finiti dopo circa 10 minuti, di cui il portafilamento ha causato il maggior dispendio di tempo. La nostra prima impressione evoca sentimenti contrastanti perché la traversa è ora in plastica. Questo è di un bel blu, sembra essere stabile e sembra un po’ più moderno, ma ci sembra un po’ meno prezioso a causa della scelta dei materiali. Anche le coperture intorno all’estrusore ora sono state realizzate con la stessa plastica, con una copertura aggiuntiva che ora protegge anche le connessioni a spina sul lato sinistro e rappresenta quindi il primo piccolo miglioramento. Anche il portafilo è stato migliorato in quanto ora ha rulli continui che ora sono di diverse larghezze Una copertura aggiuntiva ora protegge anche i collegamenti a spina sul lato sinistro e rappresenta quindi il primo piccolo miglioramento. Anche il portafilo è stato migliorato in quanto ora ha rulli continui che ora sono di diverse larghezze Una copertura aggiuntiva ora protegge anche i collegamenti a spina sul lato sinistro e rappresenta quindi il primo piccolo miglioramento. Anche il portafilo è stato migliorato in quanto ora ha rulli continui che ora sono di diverse larghezzeTieni i rotoli di filamento senza usare una chiave. Pensiamo che sia positivo anche questo. Un altro miglioramento è l’alimentazione del cavo più stabile sul letto di stampa riscaldato. Poi c’è un piccolo interruttore sull’alimentatore che può essere utilizzato per commutare l’alimentatore tra 110 V e 220 V. In linea di principio, anche questo è un miglioramento, anche se probabilmente il produttore ne trarrà vantaggio principalmente, perché riteniamo improbabile che l’utente tipico utilizzi il dispositivo in regioni diverse. A un esame più attento, è anche possibile vedere un piccolo stilo accanto all’estrusore, che abilita la funzione di autolivellamento. Per il resto è uguale al modello precedente.

Supporto del filamento migliorato del Sidewinder X2 su un controverso binario di plastica
L’alimentazione del cavo più stabile per il piano di stampa è attesa da tempo
Poco appariscente ma essenziale: la funzione di autolivellamento


Installazione
Dopo che la prima impressione generale è stata positiva, abbiamo faticato un po’ durante la messa in servizio. Abbiamo seguito le istruzioni stampate esattamente come farebbe un normale cliente e abbiamo installato la stampante a Cura. A causa della novità del dispositivo, però, non esiste un profilo separato in Cura, motivo per cui si consiglia nel manuale di adottare le impostazioni dell’X1 e semplicemente rinominare il dispositivo. Le restanti informazioni sull’impostazione nel manuale si sono rivelate ridondanti perché corrispondevano già alle impostazioni dell’X1. Successivamente abbiamo avviato l’autolivellamento della piattaforma di stampa con il risultato che la testina di stampa ha subito graffiato il piano di stampa. È stato solo durante la risoluzione dei problemi che abbiamo scoperto una versione digitale più recente del manuale sul sito Web di Artiglieria, che, contrariamente al manuale stampato e fornito, conteneva le informazioni sulla voce di codice G di avvio mancante “M420 S1 Z10”, necessaria per la funzione di autolivellamento. Anche così, era ancora necessario uno z-offset manuale prima che il dispositivo potesse stampare correttamente. Il risparmio di tempo sperato attraverso la funzione di autolivellamento ha causato per la prima volta il contrario nel nostro caso. A difesa di Artillery, vogliamo essere onesti ricordare che abbiamo ricevuto il nostro dispositivo per il test prima dell’effettivo lancio sul mercato e che Artillery ha già corretto l’errore nella nuova versione del manuale. La nostra esperienza quindi (si spera) non sarà rappresentativa dei clienti dei dispositivi di prima serie. Per sicurezza, consigliamo ai primi acquirenti

 
Prove di pressione e prime esperienze
Dopo aver risolto il problema di cui sopra, la stampante si è mostrata di nuovo prevalentemente dai suoi lati positivi. Nei nostri test, l’X2 ha stampato in modo affidabile e di buona qualità per questa fascia di prezzo. Anche il problema della ventola dell’hotend sottodimensionata sembra essere stato risolto e i vantaggi dell’ampio spazio di installazione, dell’estrusore diretto, della funzione di autoresume e del sensore di filamento sono stati mantenuti come con il predecessore. Tuttavia, non abbiamo notato vantaggi o svantaggi reali rispetto alla Makerbase MKS GEN L a 8 bit del predecessore della scheda madre a 32 bit sviluppata internamente, dalla quale finora sono disponibili solo poche informazioni. Tuttavia, il dispositivo continua a funzionare in modo estremamente silenzioso. È possibile che la nuova scheda madre possa dimostrare i suoi punti di forza solo con i dispositivi successivi. Il binario in plastica, che abbiamo visto in modo critico, non sembra avere né un vantaggio né uno svantaggio e, come il suo predecessore, il dispositivo mostra leggere vibrazioni all’aumentare della pressione, ma queste sono accettabili. Anche se il cavo CA più stabile è probabilmente il miglioramento più importante, anche se atteso da tempo, la funzione di livellamento automatico verrà rilevata dalla maggior parte dei clienti come l’effettivo miglioramento dell’X2, perché dovrebbe risparmiare tempo e produrre risultati di stampa migliori in il futuro. A parte questo, la maggior parte di loro non noterà alcun cambiamento degno di nota rispetto alla versione precedente, e sfortunatamente rimangono alcuni punti deboli del predecessore, come il piano di stampa permanentemente incollato con una potenza di riscaldamento irregolare o i fragili ingranaggi in plastica per l’alimentazione del filamento.

Argomento principale 1: il grande spazio di installazione
Argomento principale 2: l’estrusore a trasmissione diretta
Le ruote in plastica per l’alimentazione del materiale sono un po’ fragili
Buona qualità di stampa anche con oggetti alti
Conclusione
Il mercato entry-level a basso costo molto conteso rende impossibile per tutti i produttori soddisfare tutte le esigenze dei clienti in un unico dispositivo. Ogni produttore si affida quindi ad altre nuove funzioni come un display più grande o un letto di stampa rimovibile per i suoi ultimi aggiornamenti. Con il Sidewinder X2, Artillery ha optato per una funzione di autolivellamento come nuovo argomento di vendita essenziale rispetto al suo predecessore, per poter mantenere il suo buon rapporto prezzo/prestazioni. Inoltre, sono stati apportati alcuni miglioramenti minori e necessari al Sidewinder X2, con cui Artillery dimostra di avere orecchio per la sua comunità.
Tuttavia, quali nuove funzioni sono preferite in una nuova stampante, come i cambiamenti nell’aspetto o nella scelta dei materiali, dipende dal gusto individuale e dalle preferenze personali. Anche se la nuova funzione di autolivellamento è sicuramente pratica, l’estrusore diretto, più adatto a materiali flessibili, e l’ampio spazio di installazione rimangono gli argomenti più importanti per Sidewinder X2.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi