Atum3D DLP Station 5-365 EXZ

ATUM3D PRESENTA LA NUOVA STAMPANTE DLP STATION 5-365 EXZ E IL POST-TRATTAMENTO SOTTOVUOTO

Atum3D, specialista della stampa 3D a piattaforma aperta Digital Light Processing (DLP), ha lanciato la sua nuova stampante di punta a 365 nm, la DLP Station 5-365 EXZ, a Formnext Connect . La stampante si basa sulla piattaforma di resina aperta di atum3D , che accetta l’uso di qualsiasi materiale funzionale di terze parti e presenta un’altezza di costruzione quasi doppia rispetto alla stampante DLP Station 5-365 dell’azienda.

Al Formnext Connect è stata anche annunciata la nuova stazione di polimerizzazione di atum3D, una tecnologia di post-polimerizzazione sottovuoto che combina luce a 360 gradi e calore irradiato in una camera senza ossigeno per produrre parti post-polimerizzazione più resistenti.

“Diversi partner e clienti chiedono da tempo la possibilità di stampare parti più lunghe”, ha affermato Juan Vertelman, direttore commerciale di Atum3D. “In Atum3D, siamo ansiosi di ascoltare e agire in base alle richieste dei clienti. Sono orgoglioso di mantenere la nostra promessa con l’introduzione di questa ultima aggiunta alla nostra gamma di stampanti DLP Station a Formnext Connect. “

Con un’altezza di costruzione doppia rispetto a quella del fratello più vicino e una delle più alte attualmente disponibili in una stampante DLP, la stazione DLP 5-365 EXZ (asse Z esteso) combina velocità, precisione e resine biocompatibili di alta qualità per le stampa in sito di plantari personalizzati e ortopedia personalizzati. L’asse Z esteso consente la stampa di oggetti più grandi e lunghi fino a 45 cm, come plantari per arto completo o solette per scarpe di grandi dimensioni. Atum3D ha co-sviluppato materiali con i suoi partner chimici che mostrano flessibilità, tenacità e biocompatibilità, al fine di soddisfare i requisiti di queste applicazioni specifiche.

La stazione DLP 5-365 EXZ si basa sulla piattaforma in resina aperta di atum3D ed è progettata per la produzione locale rapida di pezzi singoli e serie di parti personalizzate. I lavori di stampa vengono preparati utilizzando l’intuitivo software Operator Station dell’azienda , in cui algoritmi proprietari tengono conto delle proprietà specifiche della resina e della calibrazione individuale della stampante durante il taglio.

La stampante è dotata di una potente sorgente di luce Ultra HD appositamente progettata, mentre la piattaforma di costruzione può accelerare quattro volte più velocemente e muoversi verticalmente due volte più velocemente. Secondo atum3D, sono possibili velocità di costruzione fino a 150 mm all’ora.

“Riteniamo che questa stampante raggiunga un punto debole in termini di versatilità, velocità, precisione, proprietà dei materiali e convenienza economica”, ha continuato Vertelman. “Ad esempio, la creazione di scarpe di prova ortopediche personalizzate tradizionalmente è un processo di termoformatura che richiede tempo, che include prove ed errori. La nostra soluzione decima i tempi di consegna e riduce il lavoro manuale, consentendo efficacemente a un calzolaio ortopedico di trascorrere più tempo con il cliente e ridurre significativamente gli sprechi “.

L’ultima stampante 3D DLP Station è collocata a un prezzo di fascia media con l’obiettivo di consentire l’integrazione economica della produzione additiva nei flussi di lavoro tradizionali esistenti.

La seconda presentazione a Formnext Connect è la Curing Station dell’azienda, un sistema di post-polimerizzazione con preimpostazioni completamente personalizzabili che offre la possibilità di post-polimerizzazione in condizioni di vuoto anziché a pressione atmosferica, consentendo all’utente di creare condizioni ottimali di post-polimerizzazione per uno specifico materiale o applicazione. Questo, insieme a una potente luce UV e calore irradiato, può consentire ai materiali di raggiungere il loro stato finale fino a 10 volte più velocemente rispetto ad altre soluzioni di post-polimerizzazione.

Gli utenti sono in grado di controllare da vicino il vuoto, la pressione, la dose di luce UV, il tempo di degassificazione e il tempo di raffreddamento per diverse aree del processo e possono salvare queste preferenze in una preimpostazione di polimerizzazione.

“Riteniamo che Curing Station sia un passo unico, innovativo e prezioso verso il processo di produzione integrale ottimale”, ha aggiunto Vertelman. “In combinazione con la nostra stazione di pulizia per pulire a fondo le parti stampate, i tempi di produzione e i processi manuali sono ridotti al minimo.”

atum3D sta combinando i suoi prodotti appena rilasciati in pacchetti di applicazioni già pronti e personalizzabili, offrendo varie combinazioni delle offerte di stazione DLP, stazione di pulizia e stazione di polimerizzazione.

“Siamo in prima linea nello sviluppo di resine, collaborando con le principali aziende chimiche e coinvolgiamo attivamente partner esperti per includere, ad esempio, soluzioni di modellazione e scansione 3D se il caso applicativo del cliente richiede tale soluzione”, ha concluso Vertelman.

L’evento Formnext Connect di quest’anno è la prima edizione solo digitale. Coloro che desiderano saperne di più sulla DLP Station e sulla Curing Station di atum3D possono farlo sulla piattaforma online dell’evento .

Be the first to comment on "Atum3D DLP Station 5-365 EXZ"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi