Le Stampanti 3D Sono Troppo Scure?

L’illuminazione è sempre stata un problema costante con le stampanti 3D e non sembra migliorare.

Le prime stampanti 3D desktop, e molte ancora oggi, erano dispositivi di formato aperto. Sembrerebbe essere un gantry su cui è stato montato un sistema di movimento. Man mano che la stampa procedeva, si poteva facilmente vedere le operazioni avvenire da quasi ogni angolo di visione.

Ma poi abbiamo iniziato a ottenere stampanti 3D chiuse e per una buona ragione: le custodie consentono la cattura del calore disperso dalla piastra di costruzione, che aumenta la temperatura dell’aria ambiente all’interno della macchina. Ciò riduce il gradiente termico – o gap – tra la temperatura di estrusione e la temperatura del modello stesso. Una pendenza ridotta significa meno deformazioni.

L’approccio incluso consente l’uso pratico di molti materiali di stampa 3D più avanzati. L’ABS, ad esempio, era – ed è – notoriamente difficile da stampare in 3D su qualsiasi stampante 3D in formato aperto. Lo stesso si può dire per altri materiali stravaganti, come il nylon. Tuttavia, è molto più semplice quando si utilizza una stampante 3D inclusa, in particolare se si lascia che la camera si riscaldi molto prima di iniziare la stampa.

Tuttavia, c’è un problema: molti di questi dispositivi chiusi hanno angoli di visualizzazione molto limitati, poiché di solito c’è solo una finestra sul davanti per osservare le operazioni. Alcune macchine chiuse hanno pareti di plastica trasparente, il che è leggermente migliore.

Tuttavia, quasi tutti soffrono di scarsa illuminazione. Anche se c’è una linea retta dal bulbo oculare alla superficie di estrusione, non fa differenza se è troppo scuro per vedere. Questo problema è aggravato dagli alloggiamenti a volte enormi che racchiudono le estremità calde. Questi occupano così tanto spazio che c’è solo un angolo molto piccolo attraverso il quale è possibile osservare l’inizio del lavoro di stampa.

Quella parte iniziale è di fondamentale importanza. Posso dirti che non lascio mai un lavoro di stampa fino a quando il primo strato non è stato posato con successo. Perché? Perché questo è lo strato che determina se è probabile che le aderenze reggano. Se riesci a superare il primo strato, c’è una buona possibilità che il resto del lavoro proceda normalmente, a meno che non ci siano gravi deformazioni o altri problemi successivi.

Mi troverai seduto davanti alla stampante 3D a guardare attentamente l’estrusione del primo strato. A volte è molto difficile a causa degli angoli scarsi e dell’illuminazione spesso assente. Per questo motivo ho quasi sempre una lampada mobile luminosa posizionata accanto alla macchina che posso usare per osservare meglio l’attività.

Se solo i produttori di stampanti 3D mettessero le luci nelle loro macchine, questo potrebbe essere molto meglio. Tuttavia, alcuni mettono effettivamente delle luci nelle loro macchine, ma quasi universalmente sono troppo deboli e non illuminano la parte “attiva” del piano di stampa quando l’estremità calda è sopra.

Alcune stampanti 3D, come la mia Kodak Portrait , hanno un sistema di illuminazione che, come la maggior parte delle altre, è insufficiente. Tuttavia, cambia colore per indicare se il lavoro è in fase di riscaldamento, in corso o completato.

Ecco una vista dell’hot end Kodak durante la stampa 3D e sì, l’illuminazione diffusa è accesa.

Ed ecco un’altra vista con aggiunta di una luce esterna. Ora puoi vedere facilmente l’effettiva estrusione, che altrimenti è al buio.

Le stampanti 3D sono troppo scure?
Stampa 3D primo strato con sorgente di luce esterna [Fonte: Fabbaloo]
Non sono sicuro di quale sia la soluzione qui, a parte forse il collegamento di una sorgente di luce direttamente sull’estremità calda in movimento: ciò renderebbe sicuramente le cose sufficientemente luminose e probabilmente non costerebbe molto: la sorgente di luce sarebbe vicina all’area attiva e quindi sarebbe sufficiente una luce di potenza relativamente bassa.

Si spera che alcuni progettisti di stampanti 3D leggano questa storia e considerino il miglioramento dell’illuminazione delle loro apparecchiature.

Be the first to comment on "Le Stampanti 3D Sono Troppo Scure?"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi