Bioprinting con cellule viventi su microscala: BIO INX e Nanoscribe ampliano la loro partnership con il lancio di HYDROBIO INX© N400, un nuovo bioinchiostro biocompatibile ad alta risoluzione che consente l’incapsulamento di cellule vive.
 
La biofabbricazione 3D è un campo di applicazione emergente della stampa 3D ad alta precisione basata sulla polimerizzazione a due fotoni (2PP). Nella biofabbricazione 3D, le cellule vengono utilizzate come elementi costitutivi per costruire con precisione materiali viventi, come i tessuti, per applicazioni farmaceutiche e di medicina rigenerativa. Ora, BIO INX e Nanoscribe stanno lanciando una nuova bioresina (HYDROBIO INX N400) che consente la stampa in presenza di cellule viventi.

Il nuovo kit HYDROBIO INX N400 è adatto per un totale di 10 stampe in presenza o assenza di cellule viventi.
Nelle tecnologie di bioprinting basate sull’estrusione a bassa risoluzione, ci sono una miriade di inchiostri disponibili che possono essere trasformati in bioinchiostri carichi di cellule. Tuttavia, ci sono poche fotoresine disponibili in commercio per la polimerizzazione a due fotoni che possono essere mescolate con le cellule per creare bioresine cariche di cellule. Le tecnologie ad alta risoluzione di Nanoscribe stanno già dimostrando il loro enorme potenziale applicativo, in particolare per imitare l’architettura e la complessità dei tessuti naturali. Con il lancio di Hydrobio INX N400, la prima bioresina disponibile in commercio che consente l’incapsulamento cellulare nella stampa 3D con i sistemi Photonic Professional di Nanoscribe, è possibile introdurre ulteriore complessità.

 “La capacità di incapsulamento cellulare, in combinazione con la semina cellulare, consente la generazione di tessuti multicellulari complessi che imitano la complessità architettonica dei tessuti naturali”. – Agnes Dobos, specialista in applicazioni presso BIO INX.

Stampa di cellule vive alla microscala: stampa di una microstruttura in presenza di cellule di fibroblasti su un sistema Nanoscribe Photonic Professional GT2: durante la stampa, dopo 1 giorno di coltura cellulare e dopo 7 giorni di coltura e uno scaffold stampato in presenza di cellule di fibrosarcoma (i globuli verdi sono vivi, i globuli rossi sono morti).


Con questo prodotto, il campo della biofabbricazione ad alta risoluzione viene ulteriormente aperto, poiché i sistemi Nanoscribe Photonic Professional sono utilizzati da oltre 3.000 esperti di scienza, ricerca e industria in tutto il mondo. Ora finalmente, gli utenti dei sistemi Nanoscribe possono sfruttare appieno il potenziale della polimerizzazione a due fotoni per applicazioni biomediche.

“Finora si dovevano aggiungere additivi inorganici alle nostre fotoresine per ottenere materiali funzionali. Con l’introduzione di Hydrobio INX N400, i nostri clienti ora beneficiano di un prodotto collaudato con la capacità di incapsulare le cellule come ingredienti viventi per i materiali 4D”, afferma Remmi Baker-Sediako, Life Sciences Business Development Manager di Nanoscribe.

Inoltre, l’elevata precisione e la capacità della litografia a due fotoni di stampare direttamente in chip microfluidici, rende questa bioresina ideale per applicazioni organ-on-chip. Qui, l’incapsulamento cellulare è la chiave per generare microrganismi più realistici. Con Hydrobio INX N400, gli utenti possono mescolare le loro cellule specifiche con la fotoresina per produrre bioresine personalizzate caricate con cellule. Inoltre, la resina perde la sua autofluorescenza dopo 7 giorni di coltura, con conseguente miglioramento delle capacità di imaging delle cellule vive. Pertanto, la nuova bioresina può aiutare a realizzare un cambio di paradigma nel campo dello screening dei farmaci e delle applicazioni per la scoperta di farmaci. Di conseguenza, questa nuova resina avvicina il campo alla riduzione del numero di sperimentazioni sugli animali necessarie per lo sviluppo di farmaci.
Stampa di architetture più complicate: un vaso sanguigno stampato con HYDROBIO INX N400 in presenza di cellule di fibrosarcoma dopo 1, 7 e 14 giorni (quando l’autofluorescenza del materiale è sparita) in coltura cellulare.

Stampa di architetture più complicate: un vaso sanguigno stampato con HYDROBIO INX N400 in presenza di cellule di fibrosarcoma dopo 1, 7 e 14 giorni (quando l’autofluorescenza del materiale è sparita) in coltura cellulare.


 “La combinazione dell’esperienza di BIO INX per lo sviluppo di biomateriali, con l’esperienza leader mondiale di Nanoscribe nello sviluppo di apparecchiature per litografia a due fotoni all’avanguardia può generare un cambio di paradigma nel campo della biofabbricazione, avvicinando così la tecnologia alle applicazioni della vita reale .” – Jasper Van Hoorick, CEO di BIO INX.

Un minuscolo polpo, stampato con la nuova resina in presenza di cellule di fibrosarcoma.
Per un preventivo di HYDROBIO INX N400, contattare sales@nanoscribe.com .  

Informazioni su BIO INX®

BIO INX® è una start-up focalizzata sullo sviluppo e la commercializzazione di biomateriali per applicazioni di bioprinting 3D. Il team multidisciplinare con esperienza in chimica e ingegneria biomedica ha oltre 25 anni di esperienza combinata nel campo dei polimeri, dei (bio)materiali, della stampa 3D e dell’ingegneria dei tessuti. BIO INX® offre e sviluppa un’intera gamma di (bio)inchiostri pronti all’uso per diverse tecnologie di stampa 3D, tra cui 2PP, DLP e stampa 3D basata su deposizione. Qui offrono bioinchiostri equivalenti per le diverse tecnologie di stampa. Tuttavia, le bioresine adatte per la stampa 2PP fanno parte della loro competenza principale. Offrendo un portafoglio di materiali unico con una vasta gamma di proprietà dei materiali, le applicazioni diventano quasi illimitate: i bioink possono essere applicati per vari tipi di tessuto con applicazioni nella medicina rigenerativa e nello screening di farmaci e cosmetici. Inoltre, offrendo un portafoglio di bio-inchiostri adatto a più tecnologie di stampa, le risoluzioni ottenibili vanno da centinaia di micrometri a centinaia di nanometri.

Informazioni su Nanoscribe®

L’azienda di medie dimensioni sviluppa e produce stampanti 3D e sistemi di litografia in scala di grigi, nonché materiali di stampa appositamente sviluppati e soluzioni specifiche per l’applicazione per varie applicazioni di microfabbricazione. Lo specialista per la produzione additiva di strutture e oggetti ad alta precisione su nano, micro e mesoscala è stato fondato nel 2007 come spin-off del Karlsruhe Institute of Technology (KIT) e fa parte del gruppo BICO da giugno 2021 Più di 3.000 utenti e operatori nelle migliori università e aziende industriali innovative in tutto il mondo beneficiano della tecnologia rivoluzionaria e delle soluzioni personalizzate per le applicazioni per la microfabbricazione 3D. Nanoscribe ha creato la sua forte posizione di leader di mercato grazie a un’ingegneria di alta qualità e all’agilità per sviluppare continuamente i suoi prodotti per soddisfare le elevate aspettative dei clienti.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi