Che cos’è un file R_E_R_F?
 Sai a cosa serve un file R_E_R_F nella stampa 3D?

Se non hai utilizzato una stampante 3D in resina Anycubic, molto probabilmente non hai mai sentito parlare di questo tipo di file.

 
Viene utilizzato per aiutare a calibrare il tempo di esposizione per una data resina su una stampante 3D, che è un passaggio fondamentale per ottenere stampe 3D corrette.

Normalmente la calibrazione viene eseguita stampando ripetutamente in 3D un oggetto di riferimento con tempi di esposizione leggermente diversi. Questi vengono quindi confrontati e viene identificato il tempo di esposizione ideale.

Tipico chip per test di calibrazione della resina (The Validation Matrix) [Fonte: Fabbaloo]


Se il tempo di esposizione è troppo lungo, le strutture diventano troppo grandi. Ciò è particolarmente evidente su dettagli fini come le lettere. D’altra parte, se il tempo di esposizione è troppo breve, quei dettagli potrebbero non apparire affatto! C’è anche il rischio di stampare una struttura debole che non regge alla gravità durante la stampa e si guasta.

Devi davvero capire il tempo di esposizione corretto prima di iniziare la stampa desiderata e notare che il tempo di esposizione può essere diverso per ciascuna resina utilizzata in una stampante 3D.

 
La linea di fondo qui è che gli operatori di stampanti 3D in resina dovrebbero dedicare uno sforzo considerevole all’esecuzione di test di esposizione prima di eseguire le stampe di produzione.

Il problema è che questi test iterativi richiedono molto tempo. Anche gli oggetti benchmark più piccoli richiedono circa dieci minuti per essere completati. Potrebbe non sembrare molto tempo, ma devi aggiungere lo sforzo per rimuovere la stampa dalla lastra, lavarla e asciugarla. Questo richiede più tempo della stampa stessa e trovo che posso fare solo circa un’iterazione all’ora. Se utilizzo un oggetto di prova più grande, ci vorranno ore per iterazione.

Quindi considera che devi fare molte iterazioni. A volte ne ho fatti una dozzina, cercando di comporre il tempo di esposizione al decimo di secondo.

Non è affatto divertente.

Ti fa anche consumare molti più materiali di consumo, inclusi guanti in nitrile usa e getta, solventi, asciugamani di carta, ecc.
La calibrazione della resina è probabilmente l’aspetto peggiore della stampa 3D in resina.

Se solo ci fosse un modo per stampare con più livelli di esposizione all’interno di un unico lavoro di stampa. Quindi potresti provare un sacco di possibili impostazioni e vedere i risultati tutti in una volta.

Purtroppo, le stampanti 3D in resina non funzionano in questo modo. Puoi scegliere un tempo di esposizione, ma ogni livello nella sua totalità otterrà quell’esposizione.

 Anycubic ha implementato una caratteristica molto insolita in alcune delle sue stampanti 3D in resina che possono effettivamente eseguire più livelli di esposizione su ogni strato. “R_E_R_F” sta per “Resin Exposure Range Finder”.


Con il software fornito con le loro stampanti 3D in resina, includono un file GCODE molto speciale, “R_E_F_R”. Il suffisso varia in base al modello, ma il firmware della macchina cerca questo nome file specifico.

Se trovata, la macchina esegue una routine speciale per eseguire diversi livelli di esposizione su otto copie identiche di un oggetto di prova. Spiegano:

“Ci sono otto modelli nel dossier. Il tempo di esposizione per il modello 1 è uguale al “tempo di esposizione normale” del file e il tempo di esposizione per gli altri modelli verrà aumentato di un incremento di 0,25 s.”

Quindi, ad esempio, se avessi impostato il tempo di esposizione normale su 2,0 secondi, le altre sette stampe userebbero rispettivamente 2,25, 2,50, 2,75, 3,00, 3,25, 3,50, 3,75, 4,00 secondi.Questo è l’ideale, perché puoi quindi guardare rapidamente ciascuna delle stampe e determinare dove sarebbe il livello di esposizione ottimale per quella resina su quella stampante. Questo è un enorme risparmio di tempo.

Potresti voler regolare ulteriormente l’esposizione, ma il test R_E_R_F ti porterà almeno molto vicino al livello ottimale, dal quale puoi eseguire meno test standard per perfezionare il livello di esposizione.

Un problema con il file R_E_R_F è che i singoli modelli non sono identificabili in modo univoco a parte la loro posizione sulla piastra. Quindi, se li rimuovi, devi tenerne traccia con attenzione. Idealmente, devi pulirli singolarmente uno alla volta in modo da poterli contrassegnare con il tempo di esposizione o numerarli.Anycubic fornisce questo file e non puoi cambiarlo. Fortunatamente, viene utilizzato un modello di test ragionevole e con esso è possibile determinare i tempi di esposizione corretti.

Se si desidera modificare il modello 3D per testare una geometria di riferimento alternativa, ciò è effettivamente possibile, sebbene non sia supportato da Anycubic. Questo video spiega come creare il tuo file R_E_R_F:


Credo che questo sia un passaggio molto importante nella stampa 3D in resina. Finora non c’è stata davvero alcuna calibrazione dell’esposizione intrinseca per la maggior parte dei dispositivi e gli operatori sono lasciati a se stessi. I dispositivi più costosi si basano su tempi di esposizione precotti utilizzando materiali standard, ma ciò non è possibile per altre macchine e soprattutto con resine di terze parti.

L’approccio di Anycubic qui è molto gradito e spero che ispiri altri produttori di stampanti 3D in resina a riconoscere questo problema e sviluppare modi simili, o anche migliori, per calibrare la resina.

Da Kerry Stevenson  da fabbaloo.com

 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi