Presso l’Istituto israeliano di tecnologia Technion e lo Sheba Medical Center, i ricercatori hanno utilizzato l’ingegneria dei tessuti per creare una base per una struttura dell’orecchio utilizzando la stampa 3D. Questo dovrebbe essere utilizzabile per i bambini con le orecchie deformate. Dato il successo del processo di stampa 3D, i ricercatori ritengono che sarà possibile adattare la tecnologia ad altre applicazioni mediche, come la ricostruzione nasale e la produzione di vari impianti ortopedici.
 
I ricercatori dell’Istituto israeliano di tecnologia Technion e dello Sheba Medical Center sono, secondo un comunicato stampa di Tecnionè riuscito a stampare in 3D una struttura organica come base per un orecchio sostitutivo. Dallo 0,1% allo 0,3% dei neonati nasce con una deformità congenita delle orecchie. Questo può portare a gravi problemi psicologici e persino alla perdita prematura dell’udito. I chirurghi israeliani hanno quindi ricostruito un vero orecchio con cartilagine del torace del paziente. Tuttavia, spesso questo può essere fatto solo all’età di 10 anni. La struttura israeliana dovrebbe consentire la formazione di un padiglione auricolare estetico e stabile. Usano la TAC dell’orecchio del paziente per la produzione. Questo è possibile dall’età di sei anni.

Hanno pubblicato il loro lavoro intitolato ” Ricostruzione auricolare ingegnerizzata dall’uomo (hEAR) mediante stampaggio 3D con condrociti auricolari e costali di derivazione umana e cellule staminali mesenchimali adipose ” nella rivista “Biofabrication”.

Dettagli sulla stampa 3D della struttura del padiglione auricolare
 
L’impalcatura è biodegradabile e forma condrociti – queste sono cellule responsabili della formazione della cartilagine – e cellule staminali mesenchimali. L’attaccamento cellulare avviene con pori di diverse dimensioni, che crea una cartilagine stabile.

I ricercatori del Technion hanno monitorato la formazione della cartilagine all’interno della struttura del padiglione auricolare in laboratorio tra i primi 10 giorni fino a sei settimane. Quindi sono stati in grado di impiantarlo nel soggetto del test. Finora, hanno testato il metodo su topi di laboratorio. Nella rivista Biofabrication, hanno riferito che la protesi auricolare impiantata ha mostrato una buona funzione biomeccanica .

Il progetto è stato avviato dal Prof. Shulamit Levenberg della Facoltà di Ingegneria Biomedica del Technion e dal Dr. Shay Izhak Duvdevani, medico senior del dipartimento di orecchio, naso e gola e capo del laboratorio di ingegneria dei tessuti presso lo Sheba Medical Center. I protocolli sono stati scritti nel laboratorio di Levenberg sotto la guida del Dr. Shira Landau si è sviluppata.

Il Prof. Levenberg spiega la ricerca:

“Una delle sfide nello studio era trovare un processo di stampa 3D adatto, poiché la produzione di un orecchio richiede l’uso di materiali biodegradabili che si decompongono senza danni nel corpo, ma hanno una struttura esterna estremamente precisa e piccoli pori. Prevediamo che sarà possibile adattare la nostra tecnologia ad altre applicazioni come la ricostruzione nasale e la produzione di vari impianti ortopedici”.
 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi