Blackbox: la stampante 3D open source di alta qualità

Esistono molti progetti open source per stampanti 3D, ma la maggior parte di essi è per macchine desktop relativamente semplici. Non è il caso di Blackbox.

Blackbox è un progetto guidato dal designer industriale con sede a Francoforte Marc Schömann, che gestisce il sito layershift.xyz . Schömann ha già progettato stampanti 3D, portando alla Blackbox.

Esiste una chiara lacuna nelle capacità della stampante 3D nel mercato. Nella fascia bassa, vediamo sistemi desktop economici, a volte senza involucri. Sebbene questi possano spesso produrre stampe competenti, di solito non possono competere con dispositivi più costosi che impiegano non solo custodie ma sistemi meccanici più sofisticati, componenti di fascia alta e design avanzati.

Sfortunatamente, questi sistemi di solito costano molto di più delle unità desktop poco costose.

Ma potrebbe esserci un modo per entrare in quella categoria con meno spese, costruendo la tua stampante Blackbox 3D utilizzando il suo design completamente open source.

Specifiche della stampante 3D Blackbox

Blackbox offre una serie di funzionalità che potresti non trovare su una stampante 3D open source poco costosa. Queste sono alcune delle caratteristiche che ho notato:

Ampio volume di costruzione di 300 x 300 x 275 mm
Recinzione completa
Cambio utensile a cinque elementi con azionamento diretto
Portautensili raffreddati ad acqua (!)
Asse Z con trasmissione a cinghia
Livellamento e calibrazione automatizzati

Questa è l’unica opzione raffreddata ad acqua che ho visto presentata in forma open source. Il raffreddamento ad acqua dovrebbe consentire un controllo termico più preciso e quindi una qualità di stampa 3D più affidabile e coerente.

L’asse Z con trasmissione a cinghia è una caratteristica molto interessante, in quanto consente diversi movimenti non sempre disponibili nelle comuni configurazioni di motori passo-passo ad attacco diretto. Puoi spostare il letto in modo più preciso, ma anche molto più velocemente. Questa è una caratteristica eccellente che spero mi farà dimenticare tutte quelle esperienze terribilmente lente di alzare e abbassare il letto.

Costo della stampante 3D Blackbox
Per acquistare una stampante 3D commerciale utilizzando sistemi di raffreddamento ad acqua, potresti aspettarti di pagare una grande quantità di denaro. Tuttavia, se dovessi costruire una Blackbox dai piani open source con parti standard, probabilmente risparmieresti un bel po ‘di soldi.

La documentazione di Blackbox dice che puoi costruire una stampante 3D Blackbox completamente operativa per circa $ 2.900. Si tratta di un costo più elevato rispetto ai sistemi desktop economici, ma molto inferiore rispetto agli equivalenti commerciali.

D’altra parte, devi costruire la Blackbox da solo, e questo non è un compito per tutti. La documentazione di Blackbox spiega:

“Blackbox ha alcuni nuovi (per la maggior parte) elementi di design che ti spingeranno a conoscere i sistemi che potresti non aver affrontato prima. In generale, tuttavia, i consigli di altre comunità di costruttori di stampanti fai-da-te si traducono bene.

Questa probabilmente non dovrebbe essere la tua prima stampante 3D. Ci sono sempre delle eccezioni, ma l’esperienza che vivrai dipenderà probabilmente dalle capacità acquisite in precedenza dall’utilizzo e dalla manutenzione di altre macchine “.

Il progetto è interamente online e fornisce un’ampia documentazione, nonché i file sorgente per tutti i progetti di Blackbox. Non vengono forniti solo i file stampabili e compatibili con il CNC, ma è anche possibile scaricare i file di progettazione CAD nei formati .STEP o Autodesk Fusion 360. I file Fusion 360 in particolare vengono caricati con tutte le parti collegate negli assiemi.

C’è una guida all’assemblaggio dettagliata, un gruppo di supporto Facebook privato dedicato e un server Discord in tempo reale. Sembra che ci sarà molta assistenza, se hai bisogno di una risposta a una domanda.

Come molti progetti open source, il progetto Blackbox pubblica la propria roadmap pubblicamente sotto forma di cartellino Kanban. Attualmente stanno lavorando per migliorare i sistemi di fine corsa, nonché aggiornamenti in alluminio. Una “idea” che non è ancora andata avanti è l’idea di utilizzare diversi tipi di strumenti, come plotter, laser, pinze di assemblaggio, ecc. Ciò si adatterebbe bene con la capacità di cambio utensile del sistema e lo renderebbe ancora più potente stampante 3D.

Se sei interessato a costruire una stampante 3D di fascia alta, Blackbox potrebbe essere un progetto su cui indagare.

Be the first to comment on "Blackbox: la stampante 3D open source di alta qualità"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi