Boeing ha firmato un accordo per collaborare con l’innovatore di produzione additiva con sede a Melbourne, Titomic, per studiare l’applicazione del titanio “verde” sostenibile per la produzione di componenti spaziali.
Titomic ha recentemente ricevuto una sovvenzione del governo australiano per la Modern Manufacturing Initiative di $2,325 milioni per esplorare e commercializzare la produzione di veicoli spaziali e parti di satelliti utilizzando la risorsa minerale locale di titanio. 

“In base all’accordo, Boeing fornirà i progetti e le competenze ingegneristiche per consentire a Titomic di dimostrare la sua tecnologia di produzione additiva a fusione cinetica all’avanguardia sulla produzione di parti spaziali, inizialmente per JP9102”, Paul Watson, direttore di Boeing Defense Australia Aerospace Engineering and Production , disse.

“Dimostrare che la tecnologia di produzione additiva, o la stampa 3D su larga scala, utilizzando il titanio verde produce componenti leggeri e altamente resilienti avrà un’ampia applicazione in tutto il settore spaziale”.

Titomic è un operatore affermato e un fornitore di ricerca registrato nel settore della difesa e aerospaziale che, con il CSIRO, ha co-sviluppato Titomic Kinetic Infusion, la tecnologia di produzione additiva in metallo 3D più grande e veloce al mondo.

Boeing afferma che l’uso del titanio verde per la produzione additiva è un “potenziale punto di svolta”. È prontamente disponibile in Australia, considerato più sostenibile dal punto di vista ambientale rispetto ad altre alternative e consente ‘significative efficienze di tempo e costi’ eliminando la necessità di un’estesa lavorazione di minerali grezzi.

“La collaborazione con Boeing ha il potenziale per posizionare Titomic come fornitore all’avanguardia nel settore della produzione spaziale”, ha affermato Herbert Koeck, CEO di Titomic.

“Insieme possiamo ridefinire il processo di produzione di veicoli spaziali e componenti per accelerare la posizione dell’Australia nel dominio spaziale globale”.

Boeing ha anche recentemente annunciato accordi di collaborazione con RMIT, Sabre Astronautics, Leidos, ViaSat, Indigenous Defense and Infrastructure Consortium (IDIC) e Clearbox come parte del suo investimento in capacità spaziali sovrane. 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi