Il produttore Brinter presenta la bio-stampante 3D entry-level “Brinter Core”
 
La società finlandese di biostampa 3D Brinter sta lanciando “Brinter Core”, una nuova stampante 3D bio. Il modello entry-level costa solo la metà del suo predecessore e consente alle istituzioni con un budget ridotto di acquisire esperienza con i vantaggi del bioprinting.
 
La start-up di bioprinting Binter di Turku, Finlandia, ha annunciato ieri il lancio sul mercato del suo nuovo modello di bioprinter entry-level Binter Core in un comunicato stampa alla rivista 3D-limitless . La soluzione di bioprinting 3D multi-materiale portatile costa la metà rispetto al suo predecessore, il che la rende conveniente per aziende farmaceutiche, università, ospedali e centri di ricerca con un budget limitato. La prima stampante Binter Bio 3D è stata creata nell’ambito di un progetto finanziato dall’UE volto a rendere possibile la stampa 3D della cellulosa.

Caratteristiche e dettagli tecnici del Binter Core
La stampante 3D “Brinter Core” (nella foto) è un nuovo modello entry-level per la stampa bio-3D (foto © Brinter).
La bio-stampante Binter Core 3D è modulare e portatile e può stampare in 3D strutture tissutali multimateriali e altamente complesse. Fornisce tutte le funzioni importanti per la bioprinting. Binter Core può stampare su materiali sia rigidi che morbidi inclusi, ma non limitati a, liquidi e idrogel con cellule viventi, biopaste, metallo con materiale legante e plastica. Può essere imballato in pochi minuti e installato in un’altra camera bianca. Binter Core è economico, ma anche molto potente e salvaspazio.

Briinter Core offre le stesse funzioni del suo predecessore e utilizza le stesse testine di stampa. Possono essere facilmente scambiati tra i prodotti Binter senza attrezzi. La stampante bio Binter Core funziona con processi di stampa 3D bioprinting come l’ estrusione pneumatica senza valvole (Pneuma Tool), l’estrusione meccanica a vite , ovvero la pompa a pistone senza fine (Visco Tool), l’erogazione a comando magnetico (MicroDroplet Tool) e l’ estrusione di granulato termoplastico (Granu Attrezzo).

Il CEO di Binter, Tomi Kalpio, ha annunciato:

“Vogliamo davvero entrare nel mercato della biostampa 3D in un modo mai visto prima. Ricercatori e aziende devono fornire prodotti per la biostampa 3D, ma molti non hanno ancora stampanti 3D con bioinchiostri e altri materiali illimitati a causa del costo significativo e della difficoltà di spostarli tra i laboratori. Con Binter Core stiamo rendendo la bioprinting 3D una realtà e iniziando per coloro che sono stati precedentemente espulsi dal mercato. “
Clienti Binter
I clienti di Briinter includono aziende bio e farmaceutiche come Nanoform, organizzazioni di ricerca come VTT, il gruppo BEST presso l’Università di Glasgow, la Johannes Gutenberg University Mainz, l’Università di Oulu, l’Università di Turku, l’bo Akademi, l’Università di Tampere e l’Università di Helsinki . La società ha finora ricevuto finanziamenti per 1,2 milioni di euro ed è attiva in più di 10 paesi. Puoi trovare maggiori informazioni sull’argomento nella nostra pagina tematica ” Bioprinting ” con oltre 220 altri esempi, progetti e sviluppi dal 2013.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi