Burloak Technologies apre il secondo sito di produzione additiva e collabora con Carpenter Technology 

Burloak Technologies ha annunciato l’apertura di un secondo impianto di produzione additiva per completare il suo Centro di eccellenza per la produzione additiva di 6.000 metri quadrati in Ontario.

Il nuovo stabilimento si trova a Camarillo, in California, e si estende su una superficie di 2.300 metri quadrati. È stato acquisito da Carpenter Technology Corporation , con le due società che hanno anche accettato di collaborare su future opportunità di progettazione e sviluppo del prodotto.

Grazie a questa collaborazione, Carpenter Technology diventa il fornitore preferito di polveri metalliche per “alcuni progetti di Design for Additive Manufacturing” guidati da Burloak. Carpenter Technology è un rinomato fornitore di materiali a base di leghe speciali ad alte prestazioni per componenti critici nei settori aerospaziale, dei trasporti, della difesa e dell’energia. Prima di annunciare questa partnership con Carpenter, Burloak ha anche recentemente annunciato il lavoro in corso con The Boeing Company, MDA Ltd., SmithsHP e il National Research Council of Canada.

Mentre la fornitura di polveri metalliche da Carpenter migliorerà la capacità di Burloak di servire tali clienti, l’azienda  lavora dal 2005 per standardizzare la produzione additiva come opzione scalabile per artisti del calibro di Boeing , culminando con l’ approvazione da parte del gigante aerospaziale Burloak come stampa 3D in metallo. fornitore all’inizio di quest’anno. Ora, nelle sue due sedi, Burloak ritiene di offrire il “set più completo di capacità di produzione additiva del settore”, con la fusione del letto di polvere laser, il letto di polvere a fascio di elettroni, il getto di legante metallico e le tecnologie DED a polvere e filo. L’azienda vanta anche tecnologie di estrusione polimerica SLS e ad alta velocità per fornire parti in PEEK, ULTEM, fibra di carbonio e materiali a base di nylon, nonché capacità di progettazione, ingegneria, lavorazione CNC, trattamento termico e finitura.

“L’esperienza DfAM, combinata con la capacità di produzione scalabile, è spesso l’anello mancante per i clienti che cercano di abbracciare l’additivo”, ha commentato Colin Osborne, Presidente e CEO di Samuel, l’organizzazione madre di Burloak . “L’istituzione della nostra capacità multi-sito, insieme alla nostra relazione ampliata con Carpenter Technology, dimostra ulteriormente il nostro impegno a colmare questo divario. Sfruttando l’esperienza che Samuel ha nella produzione su larga scala, insieme alla profonda esperienza additiva di Burloak, offriamo ai clienti il ​​percorso più semplice e diretto per sviluppare e ridimensionare anche i loro progetti di produzione additiva più complessi”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi