CAES e Swissto12 partner per parti satellitari stampate in 3D

Come ha recentemente sottolineato l’ editore esecutivo Joris Peels , le antenne sono mature per ulteriori interruzioni. La capacità di produrre geometrie complesse in uno spazio ristretto rende possibile sia migliorare i progetti di antenne esistenti sia sperimentarne di completamente nuovi. Tuttavia, per la maggior parte, la stampa 3D delle antenne è stata limitata agli sforzi di ricerca e ai singoli progetti una tantum , almeno da ciò che è stato reso pubblico. Ora, CAES sta collaborando con Swissto12 per guidare l’adozione di parti stampate in 3D per comunicazioni in radiofrequenza (RF), inclusi componenti di antenna e satellite, attraverso una nuova partnership.

Con sede ad Arlington, Virginia, CAES si chiamava in precedenza Cobham Advanced Electronic Solutions quando era ancora l’unità elettronica della difesa britannica e l’appaltatore aerospaziale Cobham. Quando la società di private equity Advent International ha acquisito Cobham per 5 miliardi di dollari nel 2020, CAES è diventata un’azienda statunitense a sé stante. Ora che CAES è da solo, si rivolge al Dipartimento della Difesa e alla sua catena di approvvigionamento per fornire i suoi componenti elettronici. L’ex vicepresidente per lo sviluppo di programmi avanzati presso la divisione spaziale di Lockheed Martin, David Young, è diventato chief technology officer di CAES proprio questo gennaio.

“Siamo orgogliosi di offrire questa tecnologia innovativa ai principali primati aerospaziali e della difesa degli Stati Uniti”, ha affermato Young. “Questa alleanza consente soluzioni RF di nuova generazione completamente affidabili per i nostri clienti che richiedono il massimo livello di sicurezza, inclusi il Dipartimento della Difesa e le applicazioni classificate. Attraverso il trasferimento della migliore tecnologia del settore a un leader del mercato statunitense, i leader del settore aerospaziale e della difesa saranno ora in grado di implementare questa tecnologia su programmi chiave che richiedono innovazione RF, microonde e onde millimetriche. I nostri rapporti pluridecennali con i nostri principali clienti e la nostra esperienza nel fornire con successo i nostri programmi, combinati con SWISSto12La proprietà intellettuale della produzione additiva leader di mercato e il patrimonio di volo nello spazio, nella guerra elettronica e in altre applicazioni garantiranno che il governo degli Stati Uniti possa sfruttare appieno questa tecnologia emergente “.

Swissto12 è stato creato dall’Istituto Federale Svizzero di Tecnologia di Losanna, Svizzera, (EPFL), per stampare in 3D parti di satelliti complessi . In particolare, l’azienda svizzera ha sviluppato “soluzioni di stampa 3D end-to-end” in grado di affrontare le imprecisioni causate dalla natura stratificata dei componenti satellitari 3D che fanno rimbalzare i segnali RF. Per questo Swissto12 ha visto alcune centinaia dei suoi prodotti già integrati nei satelliti in orbita. Ciò include il satellite Eutelsat Konnect di Thales Alenia Space, nonché i satelliti di Inmarsat del Regno Unito e NSLComm di Israele.

” SWISSto12 è entusiasta di collaborare con CAES”, ha affermato Emile de Rijk, CEO di SWISSto12 . “La nostra esperienza pionieristica, il nostro portafoglio di prodotti e brevetti che utilizzano tecniche di produzione additiva per applicazioni RF combinate con la leadership di mercato di CAES negli Stati Uniti, l’ingegneria di progettazione RF, la produzione su larga scala e la nostra esperienza nei test consentiranno all’industria aerospaziale e della difesa statunitense di adottare con successo tecnologie innovative. . Inoltre, l’alleanza offre l’opportunità di sviluppare sottosistemi che combinano il meglio delle tecnologie di entrambe le società “.

Swissto12 ha ampliato la sua presenza negli Stati Uniti nel 2019, avviando il suo lavoro con CAES. Insieme, CAES e Swissto12 saranno in grado di portare la stampa 3D nella produzione di parti RF in modo simile a come aziende come Rocket Lab, Relativity Space e Launcher hanno utilizzato la stampa 3D per realizzare motori a razzo. A sua volta, questo guiderà completamente l’uso della stampa 3D nelle applicazioni spaziali .

Secondo Space News , de Rijk e Young hanno affermato che i componenti RF rappresentano una terza fase nell’evoluzione della stampa 3D per i satelliti. Questo è iniziato con le strutture di base, è stato seguito da serbatoi di carburante che sono pressurizzati e soddisfano specifiche tolleranze di carico.

“Un carro armato è molto concentrato, dirò, sul mondo meccanico”, ha detto Young a Space News. “Le cose di cui parliamo sono molto concentrate sul prendere il mondo elettromagnetico e trasferirlo attraverso il mondo meccanico ai dispositivi digitali.”

Altri aspetti che il team dovrà essere in grado di affrontare mentre lavora sulla stampa 3D sempre più parti satellitari includono la gestione termica e i sistemi di raffreddamento. E, mentre aziende come Made In Space stanno lavorando per un futuro di satelliti per la stampa 3D nello spazio , de Rijk ha affermato che mancano ancora decenni.

“È una zona interessante, ma … c’è ancora molto da fare con la produzione sul campo”, ha detto de Rijk. “Oggi abbiamo davvero solo scalfito la superficie. Voglio dire, abbiamo fatto l’uno per cento di quello che potevamo fare in termini di hardware per lo spazio di stampa 3D “.

Be the first to comment on "CAES e Swissto12 partner per parti satellitari stampate in 3D"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi