Alla fine del 2021 CDM ha iniziato a lavorare alla mostra itinerante sugli squali per l’Australian Museum.

 Lo scopo: 11 modelli di squali a grandezza naturale e vari modelli toccabili come sezioni e denti di pelle di squalo sovradimensionati.

 Modelli di grandi dimensioni come lo squalo bianco da 5 metri e lo squalo balena da 8 metri richiedevano una certificazione ingegneristica

Essere in grado di appendere in uno spazio pubblico.

Mostra itinerante sugli squali del Museo australiano
 
Le nostre sculture digitali di squali approvate sono state utilizzate per guidare stampanti 3D di grande formato e macchine CNC che producono parti che sono state poi rifinite con tecniche di modellismo tradizionali.

 Un requisito aggiuntivo del brief era che tutti gli squali potessero essere riposti in stalle da tour in metallo, che abbiamo progettato per essere imballate in modo piatto per risparmiare spazio.

CDM: Studio è uno studio di modellazione con sede a Perth, nell’Australia occidentale, commissionato principalmente da musei, costruttori, architetti e designer. La competenza, l’esperienza e la capacità del team dello studio di riportare in vita animali storici li ha qualificati per progettare la nuova mostra Sharks all’Australian Museum di Sydney.

Lo studio utilizza BigRep ONE per consentire una rapida prototipazione e stampa, riducendo i tempi di produzione. Offre anche servizi su macchine SLA e su una macchina CNC a cinque assi e ha una vasta conoscenza della costruzione di stampi e modelli. Lo studio lavora su progetti creativi e risolve problemi per i suoi clienti attraverso qualcosa di più della semplice stampa 3D. Uno dei loro progetti più recenti è stato la creazione di modelli di squali per la mostra dell’Australian Museum di Sydney, dove hanno affrontato la sfida di ricreare squali con riferimenti minimi.

Gli oggetti sono ora progettati digitalmente in un programma di modellazione 3D chiamato ZBrush. Più spesso, lo studio lavora con mussen per i quali le parti vengono prodotte in modo additivo uno a uno. Le parti vengono lavorate con tutte le tecniche e i metodi possibili, perché i clienti non acquistano semplicemente articoli prodotti in modo additivo. Non sono prodotti di consumo.
Le difficoltà di progettare gli squali

Tutti gli squali prodotti da CDM: Studio sono originari di alcune parti dell’Australia. Quindi c’erano campioni, denti e foto. Tuttavia, c’è un problema che nessuno fotografa uno squalo dall’angolazione perfetta. È quindi necessaria una buona conoscenza dell’anatomia per derivare le proporzioni corrette. Trovare la forma perfetta non è così facile.

In mostra è presente, tra l’altro, un antenato preistorico degli squali, il cosiddetto Helicoprion. Ad eccezione di una spirale di dente fossile, il team non è riuscito a trovare nulla sull’aspetto esatto. Ma il modello riflette le ultime conoscenze scientifiche su questa creatura. Poi c’è uno squalo che vive nelle profondità dell’oceano e ci sono incredibilmente poche foto al mondo. In alcuni casi non c’erano quasi riferimenti. Secondo Jason Kongchouy, Studio Manager e Senior Fabricator presso CDM: Studio, “È stato comunque emozionante farlo in un modello fisico”.
 
Tutto si riduce alla scelta
Le mostre sono state stampate con BigRep PRO-HT e rinforzate con resina epossidica e fibra di vetro a causa del potenziale contatto umano nella mostra. Ma in futuro i modelli non dovrebbero essere visti solo in Australia. Secondo il team, altre destinazioni potrebbero seguire dopo la fine della mostra a Sydney.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi