CECIMO ha pubblicato il primo ciclo di risultati del suo “European Additive Manufacturing Survey

I PRIMI RISULTATI DEL SONDAGGIO CECIMO IDENTIFICANO IL POTENZIALE DI CRESCITA DELLA STAMPA 3D MEDICA

L’associazione di macchine utensili e tecnologie di produzione, CECIMO , ha pubblicato il primo ciclo di risultati del suo inaugurale “European Additive Manufacturing Survey”.

Lanciato con la partecipazione di cinque nazioni europee, lo studio è progettato per raccogliere feedback dal settore come mezzo per identificare le tendenze più ampie della stampa 3D. Sebbene i risultati iniziali di CECIMO abbiano dimostrato che le esportazioni di produzione additiva sono generalmente in crescita, hanno anche evidenziato il potenziale della tecnologia nel settore sanitario, prevedendo una crescita del mercato fino al 61% nel prossimo futuro.

CECIMO rappresenta gli interessi delle associazioni di macchine utensili dal 1950 e ora afferma di parlare per il 98% di tutti i produttori di utensili europei. Ciò gli ha conferito un’influenza sostanziale nella regolamentazione della produzione dell’UE e negli ultimi sei anni l’organizzazione ha scelto di esercitare questa autorità come mezzo per promuovere l’adozione della stampa 3D.

Per raggiungere questo obiettivo, CECIMO ha collaborato con l’EPMA per sviluppare metodi di produzione più scalabili e ha istituito un comitato dell’UE , che gli consente di parlare direttamente con i responsabili politici. Sfruttando questi canali, il gruppo ha spesso condotto una campagna per conto delle aziende di stampa 3D, per una regolamentazione che non limiti la loro crescita.

Durante i negoziati UE-USA nel 2019, ad esempio, CECIMO ha spinto per il commercio senza dazi tra i blocchi e ha esortato entrambi a non “appesantire il settore con una regolamentazione non necessaria”. Da allora, l’organizzazione ha presieduto un forum alla Conferenza europea AM (AMEC), in cui ha sostenuto la necessità di standard industriali uniformi .

Avendo costantemente sostenuto gli interessi di stampa 3D dei suoi membri negli ultimi anni, CECIMO sta ora cercando di ottenere una migliore comprensione di come questo possa essere ottenuto al meglio. Il gruppo ha quindi avviato la sua indagine per delineare i principali trend del settore, con l’obiettivo ultimo di creare un nuovo punto di riferimento per imprese, analisti di mercato e policymaker.

CECIMO ha condotto il primo round della sua indagine nel corso di sei mesi nel 2020, insieme alle associazioni nazionali di Italia, Svizzera, Austria, Spagna e Regno Unito. Durante lo studio, l’organizzazione ha ricevuto 86 risposte da aziende di stampa 3D, inclusi dati sulle esportazioni totali di attività, ordini per materiale, domanda dei clienti e tendenze di investimento.

I risultati iniziali indicano che, nonostante l’impatto di COVID-19, il settore è generalmente in cattive condizioni di salute, con vendite di prodotti, parti, macchine, materiali e servizi in aumento. CECIMO ha anche scoperto che il mercato della stampa 3D continua a crescere sia in Europa che oltre, ma alcuni materiali e settori si stanno espandendo più velocemente di altri.

Mentre il feedback del sondaggio suggerisce che in futuro la vendita di metalli aumenterà generalmente del 44,3% in tutto il continente, si prevede che i ricavi ottenuti dalla plastica aumenteranno del 55,6%. È un caso simile quando si tratta della domanda dei clienti e, in seguito al contributo della stampa 3D alla lotta contro COVID-19, il sondaggio di CECIMO ha rilevato che gli ordini di parti mediche potrebbero crescere fino al 61% nel prossimo futuro.

Al contrario, il rapporto identifica un grave calo della domanda di componenti aerospaziali e automobilistici stampati in 3D, una tendenza che potrebbe continuare a breve termine. Avendo ora condiviso i risultati con tutti i partecipanti, CECIMO si prepara a lanciare il secondo round del suo sondaggio, con l’obiettivo di mappare meglio la traiettoria del settore in futuro.

Iniziative di stampa 3D sostenute dall’UE

CECIMO a parte, l’UE spesso fornisce il proprio sostegno a progetti di stampa sperimentali, in particolare a quelli che utilizzano la tecnologia in modi inventivi.

Il “progetto NESSIE”, sostenuto dall’UE, ad esempio, ha visto la tecnologia dello specialista in ceramica Lithoz utilizzata per sviluppare una nuova tecnica per purificare i vaccini . Utilizzando i sistemi dell’azienda austriaca, i ricercatori sono stati in grado di fabbricare colonne, il che potrebbe portare a una distribuzione più rapida ed economica dei vaccini in tutto il mondo.

In applicazioni più combattive, l’ Agenzia europea per la difesa (EDA) ha anche gestito un laboratorio di stampa 3D presso il suo European Tactical Airlift Center (ETAC). La filiale dell’UE ha valutato se la produzione additiva potesse essere impiegata in applicazioni militari per uso finale tramite una serie di corsi di formazione tattica.

Altrove, l’UE ha assegnato notevoli finanziamenti agli innovatori della stampa 3D e l’organizzazione ha pubblicato un bando di progetto da € 300.000 nell’aprile 2019. Realizzato come parte del programma AMable EU Horizon 2020 , il bando aperto è stato progettato per incoraggiare le PMI a sviluppare la stampa 3D funzionale prodotti che hanno guidato la competitività europea.

Be the first to comment on "CECIMO ha pubblicato il primo ciclo di risultati del suo “European Additive Manufacturing Survey"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi