Cellink robot di bioprinting per lifting personalizzati

CELLINK FORNIRÀ LIFTING PERSONALIZZATI CON ROBOT DI BIOSTAMPA 3D BREVETTATI
 
3D costruttore bioprinter Cellink ha brevettato con successo un nuovo sistema di robotica che usi bioprinting per fornire procedure mediche estetiche automatizzate. 

Applicabile solo nella nativa Svezia, il brevetto dell’azienda copre il caricamento della scansione 3D di un paziente su un sistema autonomo, che utilizza questi dati per eseguire procedure di riempimento cosmetico tramite robotica armata di bioprinting.

Dato che la sua invenzione fornisce potenzialmente ai pazienti interventi di chirurgia plastica più rapidi e accurati, CELLINK afferma che con ulteriori modifiche, potrebbe trovare applicazioni commerciali in futuro. 

“Questa invenzione mostra le nostre capacità innovative di ricerca e sviluppo e la passione per il miglioramento dei risultati dei pazienti, sia per la chirurgia estetica che ricostruttiva”, ha affermato il dott. Héctor Martínez, CTO di CELLINK. “Questo brevetto concesso può potenzialmente offrire opportunità commerciali per il Gruppo CELLINK.”

“PREVEDIAMO CHE QUESTO SISTEMA ROBOTICO CONSENTA POSSIBILITÀ ALL’AVANGUARDIA PER FORNIRE RISULTATI ESTETICI PERSONALIZZATI E CONTINUEREMO A ESPLORARLO”. Dalla commercializzazione del suo primo bio-inchiostro universale nel 2016, CELLINK è diventata una delle aziende leader nel bioprinting al mondo. L’azienda ora commercializza sei biostampanti 3D tra cui Holograph X basata su SLA e BIO X6 a sei testine di stampa , oltre a un portafoglio di materiali e servizi con multiomica, sviluppo di linee cellulari e applicazioni diagnostiche. 

Con l’obiettivo di continuare su una traiettoria di crescita, CELLINK ha adottato un approccio di “bioconvergenza” negli ultimi anni, attraverso il quale cerca di sfruttare la potenziale sinergia tra prodotti biologici e tecnologie avanzate. In gran parte, l’azienda ha raggiunto questo obiettivo acquisendo quelle metodologie cliniche di sviluppo che potrebbero essere compatibili con le proprie. 

Proprio l’anno scorso, CELLINK ha acquistato Sciention per 80 milioni di euro in un accordo che le ha permesso di sfruttare le sue capacità di erogazione di precisione e di accedere meglio al settore della diagnostica. Questo è stato seguito da vicino dall’acquisizione da parte dell’azienda per 68 milioni di dollari della MatTek Corporation , uno specialista in tecnologia in vitro, in grado di aiutare a sviluppare modelli di test delle malattie privi di crudeltà. 

La società ha anche acquistato la polimerizzazione a due fotoni (2PP) attraverso la sua decisione di acquisire Nanoscribe per 50 milioni di euro . L’accordo ha effettivamente fornito a CELLINK capacità di miniaturizzazione, consentendole potenzialmente di creare strutture vascolarizzate su scala subcellulare, quindi proprio come il suo sistema robotico brevettato, l’acquisizione dell’azienda supporta le sue affermazioni sul “potere della bioconvergenza”. 

Il brevetto ‘SE 543714’ di CELLINK, concesso dall’Ufficio svedese per i brevetti e la registrazione , è il primo nel campo delle procedure mediche estetiche personalizzate o automatizzate. Da quello che sappiamo finora, il sistema dell’azienda è effettivamente il risultato della sua conoscenza combinata di bioprinting 3D, biomateriali, robotica, automazione e intelligenza artificiale e un tentativo di ottimizzare l’iniezione di filler sia cosmetici che chirurgici. 

In particolare, CELLINK vede la sua invenzione come un’opportunità per fornire interventi chirurgici facciali automatizzati, digitalizzati e personalizzati. Utilizzando un algoritmo basato sull’intelligenza artificiale, il sistema è progettato per confrontare la scansione immessa da un paziente con le caratteristiche estetiche desiderate e formulare un piano di erogazione che inietta la quantità ottimale di filler in ciascuna regione del viso.

Secondo CELLINK, la novità del suo sistema risiede nella sua “fase inventiva e applicabilità industriale” rispetto agli interventi chirurgici eseguiti dall’uomo, la sua natura automatizzata potrebbe aiutare a ridurre le possibilità di eventuali complicazioni di erogazione, fornendo al contempo risultati migliori per i pazienti a un più rapido ritmo rispetto a prima. 

Approfondire il documento rivela che l’azienda ha sviluppato la sua soluzione chirurgica da prima del 26 marzo 2018, quando ha iniziato il processo di domanda di brevetto. Il CEO e CTO di CELLINK Erik Gatenholm e Héctor Martínez sono indicati come inventori del sistema, mentre la formulazione del brevetto conferma anche l’applicazione desiderata, facendo riferimento al “riempire una o più rughe” sulla base di scansioni 3D. 

Guardando al futuro, CELLINK afferma che l’approvazione del brevetto “rafforza la sua protezione IP” e “complementa il suo intero portafoglio di soluzioni” e mentre attualmente si applica solo in Svezia, l’azienda intende espandere questa protezione negli Stati Uniti così come “altri importanti mercati”.

Be the first to comment on "Cellink robot di bioprinting per lifting personalizzati"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi