Che cos’è il “supporto breakaway” o supporto staccabile nella stampa 3d ?

Il materiale di supporto è materiale di supporto. O è?

Chiunque abbia eseguito la stampa 3D molto probabilmente ha avuto a che fare con materiale di supporto. Sono quei bit extra che reggono aree non supportate che altrimenti collasserebbero durante la stampa 3D.

Quasi tutti i processi di stampa 3D richiedono materiale di supporto, a parte i processi a base di polvere in cui il supporto è fornito dalla polvere non polimerizzata circostante.

Per il resto di noi, però, dobbiamo preoccuparci delle strutture di supporto.

Sono un male necessario per una stampa di successo, ma allo stesso tempo causano molteplici problemi:

Usano più materiale
Possono rovinare la qualità della superficie di stampa
Allungano la durata dei lavori di stampa
Causano uno sforzo extra (di solito manuale) per rimuoverli
A volte richiedono l’acquisto di dispositivi speciali per la rimozione


Il problema è che le strutture di supporto sono generalmente realizzate con lo stesso materiale del modello stesso. Poiché l’atto di sostegno richiede che i due si tocchino, si uniscono. Per questo è difficile staccare le strutture di supporto: fanno letteralmente parte del modello.

 
Esistono modi per ridurre lo sforzo di gestione delle strutture di supporto nella stampa 3D polimerica, ovvero aumentando il divario tra la struttura di supporto e il modello. Questo di solito è un parametro profondamente nascosto nelle impostazioni di stampa.

 
Se il divario viene aumentato, la quantità di materiale che unisce i due viene diminuita, rendendo più facile strappare la struttura di supporto. Tuttavia, se è aumentato troppo, il suo lavoro per supportare uno sbalzo potrebbe essere compromesso.

Un altro approccio consiste nel ridurre la densità delle strutture di supporto. Ad esempio, invece di avere 24 punti di appoggio su uno sbalzo, forse 8 andranno bene? Ma se la densità è troppo bassa, inizierai a vedere “avvallamenti” nelle aree non supportate.



Tutti questi problemi sono esasperanti, quindi c’è un modo per superare i problemi della struttura di supporto?

Ci sono due modi. Un modo è utilizzare materiale di supporto solubile. Questo è un materiale depositato da un secondo estrusore e può essere lavato via passivamente dopo la stampa. Il materiale di supporto solubile è un ottimo modo per affrontare stampe 3D altamente complesse in cui l’estrazione manuale delle strutture di supporto sarebbe difficile.


Ma c’è un altro tipo di struttura di supporto che potrebbe essere considerata: i supporti staccabili.



Il supporto staccabile non è solubile e l’idea è che lo si estragga letteralmente dalla stampa con le mani in modo rapido. I normali supporti monomateriali non sempre possono essere strappati perché sono incollati alla stampa.

In che modo i supporti separatisti gestiscono questa impresa? È tutto dovuto alla chimica.

Il supporto staccabile è tipicamente depositato da un secondo estrusore ed è un tipo di polimero diverso dal materiale del modello. E per “diverso”, intendo dire che non si legano insieme.

Ciò significa che la struttura di supporto può toccare il modello il più possibile e non c’è pericolo di incollaggio permanente. Poiché non c’è legame, il supporto staccabile può essere semplicemente sollevato dalla stampa. Di solito questo può essere fatto in pochi secondi, a meno che il supporto staccabile non sia intrappolato in un vuoto.

Un grande vantaggio del supporto staccabile è che non compromette la qualità della superficie della stampa. Puoi effettivamente fare in modo che la struttura di supporto fornisca una superficie perfettamente piana per stampare una sporgenza e la sporgenza sarà liscia.

Dove trovi il materiale di supporto staccabile? In alcuni casi si tratta semplicemente di selezionare una coppia di materiali non leganti. Ho visto tentativi di utilizzare HIPS come materiale di supporto per il PLA, ad esempio. La chiave è usare poco materiale di supporto per evitare che diventi un grande oggetto rigido che non può essere tirato via a causa dei vincoli geometrici.

Un’azienda che fornisce supporto separatista in un modo diverso è RIZE. Il loro materiale di supporto è infatti lo stesso del materiale del modello, ma nei punti in cui i due si toccano, la loro attrezzatura deposita un liquido che inibisce il legame del polimero. Quindi il supporto e il modello sono completamente separati e il supporto diventa “separabile”.

Per la maggior parte degli operatori di stampanti 3D, il supporto solubile è la strada da percorrere, ma in alcuni casi in cui la geometria consente supporti facilmente rotti e i requisiti di produzione sono elevati, i supporti staccabili potrebbero essere l’opzione migliore.

 

Be the first to comment on "Che cos’è il “supporto breakaway” o supporto staccabile nella stampa 3d ?"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi