CIM UPC rilascia una nuova stampante 3D DIW ibrida sperimentale: la PowerDIW
Il centro tecnologico CIM UPC presenterà la nuova stampante 3D a Barcellona giovedì prossimo, 29 settembre, con tre casi d’uso di tre gruppi di ricerca che stanno già utilizzando questa tecnologia nei loro progetti.

 CIM UPC , nota per la creazione di nuove tecnologie, come la tecnologia IDEX per stampanti FFF o stampanti 3D concrete, ha annunciato una nuova stampante 3D ibrida chiamata PowerDIW.

PowerDIW è una stampante 3D sperimentale completamente configurabile, incentrata sui ricercatori che necessitano di una stampante 3D DIW (Direct Ink Writing) molto flessibile e capace. DIW è una tecnologia di produzione additiva comunemente utilizzata per la produzione di parti verdi in ceramica o metallo o qualsiasi materiale biostampabile. La stampante 3D PowerDIW è progettata per gruppi di ricerca nei settori della metallurgia, delle celle a combustibile, dei compositi, della ceramica avanzata e dell’ingegneria dei tessuti, nonché per un’ampia gamma di campi di ricerca in cui la produzione additiva è un nuovo attore dirompente, in grado di mettere in gioco enormi forza di estrusione se richiesta.

La nuovissima PowerDIW è dotata di due testine di stampa DIW con un meccanismo di sollevamento originale. Mentre la prima testina di stampa è in funzione, la seconda viene effettivamente sollevata, evitando così di trascinare il materiale sbagliato attraverso la stampa. Entrambe le testine di stampa offrono un’alta pressione che può raggiungere forze fino a 850 N, qualcosa che i tipici sistemi basati su siringhe fatti in casa non sarebbero in grado di fornire. Il materiale viene lavorato in siringhe BD standard – racchiuse in un involucro corazzato – facili da pulire e da impostare grazie ad un sistema di cambio rapido.

 

Il PowerDIW può essere personalizzato aggiungendo diverse funzionalità come luce infrarossa e ultravioletta, o integrare altre tecnologie AM come Fused Filament Fabrication, DLP o Pellet Extrusion. Inoltre, la stampante può essere dotata di un involucro chiuso con controllo della temperatura e dell’umidità. Laura Calvo, Project Director di CIM UPC, afferma: “Le funzionalità di PowerDIW sono il risultato di più di diverse dozzine di stampanti 3D personalizzate sviluppate da CIM UPC negli ultimi 8 anni, ed è possibile aggiungere altre funzionalità alla macchina secondo il nostro esigenze dei clienti”.

 

La nuova macchina sarà presentata giovedì 29 settembre in un evento in cui tre gruppi di ricerca spiegheranno come stanno svolgendo le loro attività di ricerca e sviluppo grazie alla stampante 3D PowerDIW:

BBT – UPC Barcelona Tech (Biomaterials, Biomechanics and Tissue Engineering Research Group): stampa 3D di strutture complesse con inchiostri ceramici, polimerici e metallici per applicazioni biomediche.
AIMPLAS (Plastics Technology Center): produzione additiva ibrida per sensori stampati in 3D nel campo della robotica morbida.
CIEFMA – UPC Barcelona Tech (Centro per l’integrità strutturale, l’affidabilità e la micromeccanica dei materiali): produzione additiva di monoliti utilizzando Direct Ink Writing per applicazioni catalitiche nel settore energetico.
 

Secondo Roger Uceda, Technology Transfer Director di CIM UPC, “Siamo molto entusiasti di presentare il PowerDIW sul mercato. Direct Ink Writing è una tecnologia molto interessante per sviluppare nuovi materiali e applicazioni di stampa 3D perché ha bisogno solo di una piccola quantità di materiale per funzionare, e questo è il motivo per cui così tanti ricercatori richiedono una macchina come PowerDIW come strumento dirompente per il loro flusso di lavoro “.

 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi