CLECELL : il modello di epitelio respiratorio creato con la tecnologia di bioprinting usato nella lotta al coronavirus

CLECELL: un nuovo modello biostampato potrebbe aiutare i test sui vaccini COVID-19

Le crisi globali possono accelerare la tecnologia. L’interruzione delle risposte tradizionali con l’innovazione può comportare opportunità non sfruttate che diventano strumenti cruciali per l’umanità. Quest’anno, la pandemia di Coronavirus potrebbe accelerare l’evoluzione dei test sui farmaci e sui vaccini , poiché i ricercatori stanno sfruttando le nuove tecnologie per facilitare i test di sicurezza nelle persone subito dopo il completamento del lavoro preclinico su oltre 60 candidati vaccinali emergenti. Nel frattempo, una startup di bioingegneria dalla Corea del Sud potrebbe cambiare il quadro alla base dei test sui vaccini così come la conosciamo.

Fondata nel 2017, CLECELL si è concentrata sulla ricerca e lo sviluppo del tessuto artificiale e ha iniziato a creare un modello di epitelio respiratorio all’inizio di quest’anno utilizzando la sua bioprinter 3D proprietaria, la U-FAB, e altre tecnologie di bioprinting . Ciò che è così interessante di questo modello è che dovrebbe diventare un banco di prova per la grave sindrome respiratoria acuta coronavirus (SARS-Cov-2), nonché per la ricerca sui meccanismi di vari altri virus.

Secondo una dichiarazione dell’azienda, ciò è particolarmente importante poiché SARS-Cov-2 è notevolmente meno infettivo nei confronti degli animali, quindi questo nuovo metodo è considerato una potenziale alternativa a quelli più tradizionali che richiedono l’uso di uova fecondate per creare vaccini. Per più di 70 anni, e la produzione di vaccini gg-based è stato utilizzato per fare sia il vaccino inattivato (ucciso) (di solito chiamato il vaccino antinfluenzale) e vivo attenuato vaccino (indebolito) . Gli scienziati inietterebbero un uovo fecondato con il virus, incubandolo, quindi estraendolo, diluendolo e perfezionandolo in un antigene. Invece, l’innovativa tecnica di bioprinting di CLECELL ha il potenziale per diventare un banco di prova per vari virus.

L’epitelio respiratorio è un tipo di tessuto trovato che riveste la maggior parte del tratto respiratorio, il ruolo di questo tipo unico di epitelio è quello di fungere da barriera per agenti patogeni e particelle estranee; tuttavia, funziona anche prevenendo l’infezione e le lesioni dei tessuti attraverso l’uso dell’elevatore mucociliare.

In effetti, il modello di epitelio respiratorio della società per i test in vitro è stato analizzato da un team di ricercatori della Harvard University Medical School . CLECELL afferma che il 10 aprile hanno ricevuto una lettera formale di corrispondenza da Choi-Fong Cho, assistente professore di neurochirurgia presso la Harvard Medical School e istruttore presso il Brigham and Women’s Hospital . Il messaggio era incentrato su una richiesta urgente di informazioni sul modello di epitelio respiratorio creato con la tecnologia di bioprinting.

Secondo la società, Cho, esperta nella ricerca neurovascolare, nello sviluppo di nuovi farmaci e organoidi neurovascolari, insieme al suo team di ricerca sono interessati ai metodi per creare un modello di epitelio respiratorio attraverso la bioprinting 3D e ha presumibilmente espresso che la soluzione di CLECELL sarà essere di grande aiuto nella conquista di SARS-Cov-2.

CLECELL suggerisce inoltre che Cho ha espresso il desiderio di ricercare l’effetto di SARS-Cov-2 sulla struttura vascolare, le vie di infezione del virus e di creare una piattaforma di test in vitro che imita il tessuto polmonare umano attraverso la soluzione di bioprinting di CLECELL.

Fino ad ora, l’elevato numero di vittime della pandemia di COVID-19 ha suscitato un interesse frenetico in una cura , facendo salire alle stelle un profondo interesse di governi, istituti di ricerca, società e società nello sviluppo di farmaci e vaccini, nel controllo delle malattie e in tutti i settori di assistenza sanitaria. Di conseguenza, gli esperti sono alla ricerca di metodi alternativi di ricerca che potrebbero aggirare i limiti dei metodi contemporanei e tradizionali per la creazione di vaccini, che potrebbero richiedere mesi.

CLECELL ha in programma di collaborare con ricercatori di tutto il mondo per offrire un banco di prova per la ricerca di virus e lo sviluppo di cure, con piani per condurre ricerche non solo sull’infezione da virus, ma anche sulla consegna dei farmaci, sulla tossicità e sull’infiammazione.

Inoltre, CLECELL afferma che la sua bioprinter 3D proprietaria, la U-FAB, è prevista per la ricerca di ingegneria tissutale presso il Boston Bioprinting Consortium, che è composto da studiosi di livello mondiale delle università e degli ospedali di Boston ed è composto da otto team di ricerca congiunti.

“Nonostante i vari metodi esistenti per testare i virus respiratori in vitro, abbiamo bisogno di una piattaforma più efficace per i test”, ha indicato Young-Jae Cho, professore presso il Dipartimento di Pneumologia presso l’Università nazionale di Seoul, Bundang Hospital . “La creazione di modelli respiratori artificiali precisi attraverso la tecnologia di bioprinting 3D offre una potenziale alternativa.”

La tecnologia di bioprinting della startup potrebbe fornire soluzioni agli ingegneri dei tessuti e agli scienziati della vita per la ricerca e lo sviluppo di tessuti e organi biomimetici umani. Fin dalla sua origine, l’azienda ha ricercato e sviluppato vari modelli di pelle umana ricostruiti utilizzando la tecnologia di bioprinting 3D scalabile, concentrandosi sulla costruzione e l’implementazione della pelle umana biomimetica trapiantabile in futuro.

Insieme a U-FAB, l’azienda ha altre due piattaforme di stampa: U-Printer per lo sviluppo di tessuti e organi artificiali e U-Skin per la ricostruzione di modelli di pelle umana artificiale. Attraverso il loro prototipo di U-Printer, hanno creato modelli di pelle artificiale, che considerano superiori a quelli commerciali esistenti in quanto sono in grado di mantenere la forma e le dimensioni senza ridursi durante il periodo di coltura e la pigmentazione, e questo è stato realizzato da melanociti 3D bioprinting senza stimolazione UV o chimica.

La necessità di accelerare il cambiamento è stata al centro di molte rivoluzioni tecnologiche e, in questi tempi incerti, sembra indispensabile fare affidamento sulla tecnologia di bioprinting che può accelerare i risultati. Il rivoluzionario modello di epitelio respiratorio di CLECELL potrebbe diventare una risorsa fondamentale per i test sui vaccini. Mai prima d’ ora così tanti ricercatori del mondo si sono concentrati così urgentemente su un singolo argomento . Con così tante menti che si mobilitano per comprendere la malattia, questa potente tecnologia emergente sviluppata dalla startup sudcoreana potrebbe ridurre il tempo necessario per trovare una cura per COVID-19

Be the first to comment on "CLECELL : il modello di epitelio respiratorio creato con la tecnologia di bioprinting usato nella lotta al coronavirus"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi