Continuous Composites selezionata dalla NASA per la struttura composita a isogriglia aperta a basso CTE
 
Questo premio della NASA dimostrerà la guida robotica di CF3D di singoli rimorchi in fibra di carbonio continui per stampare e testare una struttura a nervature isogridi aperte piatte da 1,6 x 3,3 piedi, che avrà un CTE basso.  

 
Continuous Composites  (Coeur d’Alene, Idaho, USA), una società di tecnologia di stampa 3D composita avanzata, è stata scelta dal programma Small Business Innovation Research (SBIR) della NASA (Washington, DC, USA) per produrre in modo additivo un basso coefficiente di espansione termica ( CTE) strutture composite isogriglie aperte per applicazioni spaziali, utilizzando la sua tecnologia brevettata Continuous Fiber 3D Printing ( CF3D ).

Nello spazio, gli oggetti in orbita attorno alla Terra subiscono drastici cambiamenti di temperatura quando si trovano sul lato oscuro della terra rispetto al lato chiaro. Pertanto, oggetti di precisione come satelliti e banchi ottici richiedono un CTE da basso a zero per evitare deformazioni o distorsioni dovute all’espansione e alla contrazione dovute alle significative oscillazioni di temperatura.

Continuous Composites afferma che questo  premio della NASA dimostrerà l’avanzato sterzo robotico di CF3D di singoli rimorchi in fibra di carbonio continui per stampare e testare una struttura a nervature isoggriglia aperta piatta da 1,6 x 3,3 piedi, che avrà un CTE basso. Secondo quanto riferito, le strutture isogriglie stampate con CF3D possono essere depositate su una superficie di supporto di molte forme diverse, comprese piatte, cilindriche, sferiche, coniche, ecc. La parte risultante può essere ottimizzata per la forza e la rigidità desiderate a seconda del lancio e dei carichi spaziali.

 L’uso di CF3D di rinforzo in fibra continua, fotopolimeri a polimerizzazione rapida e robotica avanzata consente anche la produzione di strutture composite che non sono pratiche da produrre con i metodi di fabbricazione tradizionali in modo più efficiente ea costi ridotti. Una di queste strutture è questa struttura a nervature isogriglia aperta, osserva la società, che trova applicazioni in molti settori, tra cui quello spaziale e aerospaziale. 

“Dato il mio background nella progettazione di compositi per applicazioni spaziali, sono entusiasta di dimostrare le nostre capacità uniche di guida in fibra per questo progetto della NASA. Questa isogriglia stampata avrà un CTE da poco a zero, che è l’obiettivo per questi tipi di strutture spaziali”, afferma John Brendel, ingegnere applicativo e POC tecnico su questo SBIR della NASA. “Questo contratto si basa sul lavoro che abbiamo svolto nel DOD [Dipartimento della Difesa] e nel settore aerospaziale commerciale e siamo entusiasti di presentare le nostre capacità all’industria spaziale”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi