I problemi di Bioprinting in Paradise: BICO affronta problemi di gestione dopo che il co-fondatore si è dimesso da CFO
 
Il 25 aprile 2022, il co-fondatore di BICO (STO: BICO) Gusten Danielsson ha lasciato il suo incarico di Chief Financial Officer (CFO) presso la società biotecnologica. Poche ore dopo, ha rilasciato un’intervista esplosiva al quotidiano finanziario svedese Dagens Industri . Danielsson, responsabile della strategia della direzione economica di BICO, ha affermato che il CEO Erik Gatenholm “non era più il leader giusto per l’azienda, anche se rimane un azionista di controllo”.

“Credo che BICO con la giusta leadership abbia un futuro luminoso. Possiedo ancora tutte le mie azioni della società”, ha detto a Dagens Industri Danielsson, che ha anche co-fondato altre imprese nell’area di Göteborg, in Svezia, come la startup di giochi Escape House . “Nel frattempo, mi aspetto che il consiglio mantenga una buona corporate governance volta a tutelare tutti gli azionisti di Bico. I miei voti all’AGM di ieri [Assemblea generale annuale] riflettono ciò che ci si aspettava”.
Gusten Danielsson, CFO e co-fondatore di BICO, si dimette. Immagine per gentile concessione di BICO.
Negli ultimi giorni, le turbolenze in BICO sono aumentate. Dopo la notizia delle dimissioni di Danielsson e della successiva intervista, il Consiglio di amministrazione di BICO ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava di avere “piena fiducia nel CEO, nella gestione e nell’attuale direzione strategica”, evitando i commenti di Danielsson come un semplice incidente pubblico. Hanno anche stabilito che Danielsson aveva scelto di esprimere la sua opinione sull’amministratore delegato e sulla leadership dell’azienda piuttosto rapidamente e hanno sottolineato che sono stati attenti a seguire sia le regole di borsa che le leggi sul lavoro poiché l’ex CFO ha ancora obblighi di lavoro fino al periodo di preavviso di sei mesi finisce.

“È ovvio che negli ultimi tempi ci sono state opinioni divergenti sulla direzione strategica. Il nostro obiettivo è ora la redditività e la costruzione di un business finanziariamente sostenibile supportato da un dipartimento finanziario esperto e forte. Ora siamo concentrati sul reclutamento di un CFO esperto e solido che possa assistere l’azienda nel raggiungimento degli obiettivi che il mercato e gli azionisti si aspettano e che l’azienda ha precedentemente comunicato”, ha indicato Carsten Browall, Presidente del Consiglio di amministrazione di BICO.
Eppure, non importa come il Consiglio di amministrazione di BICO voglia girare la situazione, la notizia di una spaccatura interna ha messo sotto pressione le azioni della società, attualmente quotate al Nasdaq di Stoccolma . La notizia dell’abbandono della società da parte di Danielsson ha immediatamente fatto precipitare il prezzo delle azioni di BICO ancor più della sua costante tendenza al ribasso, iniziata lo scorso anno. La sola partenza di Danielsson ha abbassato le azioni BICO del 35% martedì, ma da settembre 2021 il prezzo delle azioni della società è crollato di oltre l’80%, passando da SEK 602,50 ($ 61) a SEK 106,60 ($ 11).

Anche altri problemi interni in una delle filiali dell’azienda, Cellink, sono stati rivelati attraverso le recensioni dei dipendenti di Glassdoor . Ad esempio, una recensione anonima (e non verificata) del dicembre 2021 ha affermato che la leadership manageriale e l’innovazione si sono “fermate”. Mentre un’altra dozzina di recensioni risalenti al 2017 suggeriscono che l’azienda è eccellente, ma indica la “gestione terribile” come uno dei colli di bottiglia dell’intera azienda.

Tuttavia, il fatto che nessun nome sia associato a nessuna di queste recensioni, o Cellink o BICO, potrebbe anche essere interpretato come un tentativo di manipolare il prezzo delle azioni o la reputazione dell’azienda. Pertanto, incoraggiamo i dipendenti ad affrontare pubblicamente il problema contattandoci al seguente indirizzo e-mail: vanesa@3dprint.com .

Mentre BICO tenta di risolvere la questione e inizia il processo di reclutamento per un nuovo CFO, il vicepresidente delle finanze, Tommy Niklasson, ha assunto la responsabilità del dipartimento finanziario dell’azienda, ha riferito Gatenholm.

Finora, il CEO ha affrontato la questione direttamente in un comunicato stampa, affermando: “Vorrei ringraziare Gusten Danielsson per il suo grande contributo e impegno dall’inizio di BICO nel 2016 fino ad oggi. Il processo di assunzione che è stato avviato mira a trovare un nuovo CFO con una solida esperienza nella guida e nell’organizzazione di un dipartimento finanziario in gruppi quotati e internazionali con un focus simultaneo e una spinta a una crescita redditizia”.
Il CEO dei co-fondatori di BICO Erik Gatenholm (a sinistra) e il CTO Hector Martinez (a destra). Immagine per gentile concessione di BICO/Nasdaq.
Quanto a Danielsson, possiede ancora il 2% delle rivendicazioni della società e il 2,63% dei voti. Sono meno di 1,3 milioni di azioni, di cui circa il 6,5% corrisponde ad azioni di Classe A. L’ex dirigente BICO ha dichiarato che non avrebbe venduto nessuna delle sue azioni, ma non ci sono stati commenti sui suoi piani. Sebbene. questo probabilmente non è l’ultimo che sentiremo da lui.

BICO è una delle più grandi aziende nel campo del bioprinting . Dalla sua fondazione nel 2016, l’azienda è cresciuta a velocità senza precedenti, collocando i suoi prodotti in oltre 65 paesi in oltre 2.000 laboratori. Negli ultimi anni, si è immersa in un’intensa strategia di espansione che ha comportato l’acquisizione in serie di attività strategiche con opportunità in tre filiali principali : bioprinting, bioscienze e bioautomazione, che potrebbero contribuire a stimolare la domanda incrementale. Con BICO come società madre che supervisiona 11 filiali , tra cui Cellink, ci sono più di 1.000 dipendenti nelle sue molteplici sedi.

Ora che uno dei tre co-fondatori di BICO ha lasciato l’azienda, dovremo aspettare e vedere cosa succede dopo. In primo luogo dopo la decisione di Danielsson di lasciare l’azienda, il primo comunicato stampa uscito da BICO si riferisce a Gatenholm come al “Fondatore”, lasciandoci a riflettere se i suoi colleghi co-fondatori debbano ancora essere considerati tali. Forse per Danielsson è un punto controverso ora che se ne è andato, ma che dire del co-fondatore Héctor Martinez, che attualmente è CTO? Diverse questioni sono ancora incerte con BICO. Scopriremo presto se la situazione continuerà a degenerare e le azioni dell’azienda crolleranno ulteriormente, o se BICO potrà contenerla e continuare a far crescere il suo portafoglio di prodotti.

Vanesa Listek di 3dprint.com

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi