DIGITAL METAL LANCIA UNA NUOVA STAZIONE DI DEPOLVERIZZAZIONE PER AUTOMATIZZARE IL GETTO DEL RACCOGLITORE
 
Il produttore svedese di stampanti 3D in metallo Digital Metal ha lanciato quella che descrive come la “prima” stazione di depolverazione automatizzata per sistemi a getto di legante. 

Conosciuta come DPS 1000, l’ultima macchina di Digital Metal è progettata per meccanizzare il riciclaggio della polvere post-stampa, consentendo agli utenti di produrre più facilmente in serie parti a getto di legante. Essendo uno dei primi a installare il nuovo sistema, Fraunhofer IAPT intende ora implementarlo come mezzo per aiutare la sua più ampia ricerca sull’industrializzazione efficiente dei materiali della stampa 3D. 

Secondo Alexander Sakratidis, Sales and Marketing Manager di Digital Metal, l’installazione dell’unità di depotenziamento automatizzato dovrebbe consentire agli ingegneri dell’istituto di dedicare più tempo alle attività che generano valore in futuro. “Un vantaggio chiave del DPS 1000 per i clienti Digital Metal è che farà risparmiare tempo”, ha affermato Sakratidis, “porta anche coerenza rimuovendo il fattore umano dall’equazione”. 

Il nuovo sistema di depolverizzazione DPS 1000 di Digital Metal. Immagine tramite Digital Metal.
L’approccio jetting di Digital Metal

Operando come sussidiaria del produttore di polveri di lega Höganäs AB , negli ultimi quattro anni Digital Metal ha costruito un ampio ecosistema di prodotti attorno alla sua esclusiva tecnologia di getto di legante e ora commercializza la sua stampante 3D DM P2500 , i materiali correlati e, naturalmente, il nuova stazione di depolverazione DPS 1000. 

Basato sulla sua tecnologia proprietaria, DM P2500 di Digital Metal è costruito per consentire una produzione precisa su larga scala e presenta parti mobili calibrate automaticamente in grado di stampare con una precisione di appena 1 µm. Dal suo lancio nel 2017, il sistema ha trovato applicazioni sia in ambito automobilistico che aerospaziale ed è stato installato anche presso il Manufacturing Technology Center , per scopi di ricerca. 

In passato, Digital Metal ha anche cercato di espandere le capacità della sua macchina fornendo ai suoi utenti una polvere di rame pura per la stampa 3D e rilasciando un aggiornamento software che ne triplicava la velocità. Allo stesso modo, l’azienda ha sperimentato il caricamento robotico del DM P2500 e il DPS 1000 sembra essere il prossimo passo logico nella sua missione di automatizzare il sistema e sbloccare il suo potenziale di

Il nuovo sistema di Digital Metal è effettivamente una stazione di depolverazione semiautomatica che consente agli adottanti di raccogliere e riutilizzare in sicurezza la polvere sfusa per lavori futuri. In pratica, la macchina è in grado di farlo grazie ai suoi ugelli di pulizia automatizzati, che rimuovono ogni residuo di materiale dalle parti stampate utilizzando aria compressa, mentre se necessario, anche componenti complessi possono essere rimessi in opera per la lavorazione manuale.

Eseguendo questa fase iniziale di post-elaborazione per conto dei suoi utenti, Digital Metal afferma che il DPS 1000 sblocca la “produzione ad alto volume” e che potrebbe aiutare ad aumentare la produttività che i suoi clienti di raccoglitore a getto sono in grado di raggiungere, senza sacrificare la precisione o affidabilità dei componenti risultanti. 

“Il getto di legante metallico migliorerà la produttività e la precisione, riducendo allo stesso tempo i costi dell’AM di metallo, aprendo le porte alla produzione in serie”, spiega il Dr. Philipp Imgrund, capo del dipartimento processi AM presso Fraunhofer IAPT. “Tuttavia, una delle principali sfide tecniche è la depolverazione delle parti verdi e vediamo un enorme potenziale nel lavorare su soluzioni di automazione in questo contesto”.

Da parte sua, Fraunhofer IAPT è diventato uno dei primi ad adottare la nuova unità di Digital Metal, installandola insieme a una delle stampanti 3D DM P2500 dell’azienda. Durante l’utilizzo del DPS 1000, si dice che gli ingegneri di Fraunhofer siano già soddisfatti della sua capacità di depolverizzare parti sofisticate e, lavorando con Digital Metal, l’istituto ritiene di poter scoprire interessanti opportunità di ricerca in futuro.  

“Con questo sistema, possiamo facilmente testare più polveri diverse per migliorare la qualità di stampa e fare previsioni più precise sul restringimento del processo di sinterizzazione”, ha aggiunto Imgrund. “Apprezziamo anche l’atmosfera collegiale e professionale quando si lavora con Digital Metal. Rende facile trovare un terreno comune per progetti innovativi”.

“CONVINCE PER LA SUA PRECISIONE E CONSENTE DI STAMPARE ANCHE STRUTTURE MOLTO DELICATE.”

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi