Lo standard di produzione additiva (stampa 3D) di DNV aggiornato con la nuova edizione
Lo standard , che è il risultato di un progetto industriale congiunto, include ora i requisiti di base per le tecnologie di produzione additiva (AM) più consolidate per le parti metalliche e accoglie nuovi concetti per la garanzia della qualità per la prossima era della produzione basata sui dati.  

La produzione additiva (AM) offre non solo un’altra tecnica di produzione, con limiti di progettazione nuovi e unici, ma anche una potenziale soluzione alle sfide della catena di fornitura, riducendo i tempi di consegna e i costi consentendo la produzione locale in un mercato globale. AM è un abilitatore per l’archiviazione digitale dei pezzi di ricambio su un server e la loro spedizione tramite Internet, piuttosto che in grandi magazzini con sistemi logistici impegnativi.

Lucy Craig, Direttore, Crescita, Innovazione e Digitalizzazione, Sistemi Energetici di DNV
“La produzione additiva offre un modo per ridurre lo spreco di materiali dovuto a operazioni di lavorazione eccessive. La natura digitale della produzione additiva consente anche nuovi modi per garantire il controllo della qualità, monitorando tramite sensori e registrando le tendenze di produzione, il che a sua volta può portare a una maggiore fiducia nella qualità di una parte. Uno dei presupposti fondamentali per il raggiungimento di questi obiettivi sono i livelli di qualità standardizzati”. ha spiegato  Lucy Craig, Director, Growth, Innovation & Digitalization, Energy Systems di DNV . 

La nuova edizione di  DNV-ST-B203  include requisiti di qualificazione e produzione per tre nuove tecnologie AM, oltre alle due tecnologie trattate nella prima edizione. La nuova edizione include disposizioni per le tecnologie AM in metallo più affermate: 

Deposizione di energia diretta mediante arco elettrico e raggio laser (DED-arc e DED-LB)
Fusione a letto di polvere mediante raggio laser e raggio di elettroni (PBF-LB e PBF-EB)
Legante a getto (BJT.) 
Inoltre, lo standard ora include: Requisiti per la qualificazione dei metodi di produzione combinati, come le caratteristiche AM sulle forme del substrato
Criteri di accettazione definiti per i test non distruttivi
Linee guida sulla definizione di famiglie di parti, che possono estendere la validità delle qualifiche
Guida alla scelta delle classi di criticità (AMC), che possono aiutare gli utenti finali a scegliere il giusto livello di garanzia della qualità per una determinata applicazione
Linee guida su tecniche di ispezione non convenzionali e monitoraggio in-process, che possono aiutare i produttori a migliorare l’efficienza e la qualità e sbloccare la libertà di progettazione della produzione additiva.
Lo standard è stato il primo framework accettato a livello internazionale per la produzione e l’utilizzo di parti metalliche prodotte in modo additivo di alta qualità per l’industria petrolifera, marittima ed energetica. Ha introdotto approcci per gestire la qualità delle parti metalliche prodotte in modo additivo, con ogni approccio adattato in base alla criticità della funzione di una parte.  

La nuova edizione è stata realizzata nell’ambito di un progetto industriale congiunto (JIP) gestito dal Technology Center Oslo di DNV. Il JIP si chiama ProGRAM JIP fase 2 ed è stato sviluppato eseguendo studi di casi pratici parallelamente allo sviluppo dello standard. La fase 2 di ProGRAM JIP includeva aziende che rappresentavano utenti finali, appaltatori e produttori di apparecchiature, produttori di parti, fornitori di macchine AM e fornitori di materie prime.

Stian Gurrik, Project Manager ProGRAM JIP fase 3, Technology Center Oslo, Energy Systems presso DNV
“Gli insegnamenti tratti dai casi di studio hanno aiutato il progetto a identificare attività importanti nel contesto della qualificazione e della produzione. Oltre ad assistere il lavoro sullo sviluppo dello standard, il progetto è stato in grado di creare parti che possono essere messe in servizio. E confrontando il consumo di risorse derivante dalla riparazione delle parti con quello della sostituzione convenzionale delle parti, il progetto ha dimostrato che potrebbe esserci un vantaggio ambientale significativo consentendo la riparazione delle parti usurate con la produzione additiva. Il lavoro continua anche nella  fase 3 di ProGRAM JIP , iniziata nel giugno 2022 e durerà fino al 2024”. ha affermato  Stian Gurrik, Project Manager ProGRAM JIP fase 3, Technology Center Oslo, Energy Systems presso DNV .

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi