La tecnologia di produzione additiva sta giocando un ruolo enorme nel settore aerospaziale , ma sapevi che ha applicazioni anche sott’acqua? Il produttore di veicoli subacquei ecoSUB Robotics si è rivolto alla stampa 3D per produrre componenti chiave. L’azienda sta utilizzando la tecnologia di deposizione per fusione di polvere polimerica, in particolare attraverso le prove 3DPRINTUK SLS e Multi-Jet Fusion (MJF), per creare parti robuste e uniche in grado di soddisfare i requisiti delle acque profonde. Questo progetto dimostra che la tecnologia di produzione additiva può continuare a funzionare anche negli ambienti più esigenti.

ecoSUB Robotics è uno spin-off di Planet Ocean, essa stessa “specialista in strumenti di scienze marine di alta qualità per la ricerca, il rilievo, il supporto navale e operativo”. Planet Ocean è in particolare leader nelle apparecchiature oceanografiche e meteorologiche marine, inclusi veicoli subacquei e di superficie autonomi, mentre ecoSUB si concentra sulla realizzazione di veicoli subacquei simili a sottomarini. L’azienda sta cercando un modo per realizzare componenti stampati in 3D che possano funzionare in una varietà di condizioni difficili, vale a dire acqua salata, temperature estremamente basse e pressioni estreme fino a 2.500 metri sotto il livello del mare. Inoltre, questi componenti ovviamente devono essere impermeabili e non danneggiati per proteggere la preziosa elettronica all’interno dell’imbarcazione.

Jeremy Sitbon, ingegnere robotico capo per i sistemi robotici marini presso ecoSUB Robotics, ha ampliato le opzioni dell’azienda per AM, commentando: “Ovviamente, le parti che utilizziamo nei veicoli subacquei devono essere robuste e adattarsi perfettamente all’intento progettuale. La stampa 3D è più efficiente dello stampaggio a iniezione. Più popolare perché riteniamo che la tecnologia sia più versatile e la libertà di progettazione ci consente di innovare grandi parti. Inoltre, i nostri volumi di produzione sono bassi (forse 10 parti al mese), quindi lo stampaggio a iniezione non è economico. Inoltre Con la stampa 3D possiamo personalizzare i progetti per i singoli clienti e la scelta è chiara”.

Per raggiungere i propri obiettivi, ecoSUB Robotics si è inizialmente rivolta alla stampa SLS. Hanno scelto questa tecnologia perché hanno scoperto che produceva parti di alta qualità, in particolare le parti finali erano più bianche di quelle realizzate con MJF. Questo era importante per l’azienda, poiché le parti esterne dovevano essere gialle per essere viste e hanno scoperto che dipingere le parti bianche faceva risaltare maggiormente il colore. Al contrario, la parte MJF è più grigia. Tuttavia, per la protezione delle parti interne, MJF funziona meglio. I risultati sono così promettenti che ecoSUB sta valutando la possibilità di migrare su MJF o addirittura su parti esterne.

Anche l’economicità è un problema, soprattutto perché è richiesto solo un numero ridotto di parti. Sitbon ha inoltre sottolineato che, poiché l’azienda vede un grande potenziale nei veicoli subacquei, che possono essere utilizzati da professionisti nei giacimenti militari, petroliferi e di gas e scienziati della ricerca sul clima. La raccolta di dati nell’oceano può essere difficile perché le parti non possono resistere alle suddette pressioni e condizioni difficili e, in effetti, gli scienziati non possono nemmeno mappare l’intero fondale oceanico per questi motivi. Tuttavia, se la stampa 3D aiuta a svolgere un ruolo nella produzione di questi veicoli, potrebbe essere un punto di svolta per le persone in vari settori marittimi.

Nel complesso, tuttavia, ecoSUB ha riscontrato che entrambe le tecnologie soddisfacevano efficacemente le loro esigenze. Sitbon ha concluso: “La valutazione di SLS e MJF continuerà e siamo lieti di avere la guida del team 3DPRINTUK su applicazioni sia interne che esterne. Siamo rimasti sorpresi da entrambi i processi poiché le nostre imbarcazioni sono utilizzate in ambienti difficili, possono resistere a forti temperature fredde , alta pressione e la corrosività dell’acqua salata, e superare il duro test di tenuta all’acqua.”

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi