Equinor firma un accordo con la start up di stampa 3D da Equinor e Techstars Energy Accelerator
 
Equinor ha firmato una lettera di intenti (LOI) con la start-up di stampa 3D Korall Engineering con sede a Bergen, in Norvegia. Questo è il risultato del programma Equinor & Techstars Energy Accelerator di quest’anno.
Equinor ritiene che la soluzione proposta da Korall Engineering sia necessaria nei cambiamenti che il settore sta affrontando, dove la stampa 3D e gli inventari digitali sono elementi importanti per trasformare la catena di approvvigionamento in rete di approvvigionamento digitale.
La stampa 3D è una tecnica di produzione in cui gli oggetti tridimensionali vengono costruiti strato dopo strato. Un inventario digitale riduce la necessità di inventario fisico, risparmiando tempo e denaro.
“Equinor ha identificato un grande potenziale nell’utilizzo della stampa 3D. Le aree principali sono ridurre i costi di manutenzione e modifica, ridurre i tempi di consegna, ridurre l’inventario fisico, ridurre gli sprechi e migliorare la funzionalità. Equinor trova interessanti la tecnologia e la competenza di Korall Engineering ed è intenzione di Equinor continuare la collaborazione avviata durante il programma Equinor & Techstars Energy Accelerator”, afferma Brede Lærum, responsabile del Centro di eccellenza per la produzione additiva di Equinor.
Equinor Ventures ha anche assegnato due Accelerator Prize alle start-up Sol Clarity dagli USA ea Powertrust dal Canada. Le società riceveranno 50 000 USD ciascuna.
Equinor & Techstars Energy Accelerator è stato ospitato da Equinor negli uffici di Oslo, in Norvegia, con otto start-up da tutto il mondo. Nelle ultime 13 settimane le start-up hanno attinto alla rete globale di Techstars, Capgemini ed Equinor. Hanno partecipato circa 100 mentori, aiutando le start-up a maturare e crescere, e ulteriormente sostenute con il capitale di rischio fornito dal fondo di venture capital Sandwater. Il programma ha rappresentato un’occasione unica per cercare le migliori idee nel settore energetico.
“L’innovazione è stata al centro di Equinor per 50 anni e ora scopriamo che dobbiamo usare lo stesso muscolo per plasmare il futuro dell’energia. Riteniamo che le start-up giocheranno un ruolo importante nello sviluppo di nuove tecnologie e nuove catene del valore per un futuro a basse emissioni di carbonio”, afferma Mary Karunakaran, leader di Equinor & Techstars Energy Accelerator presso Equinor Ventures.
“Sono molto orgoglioso di ciò che le start-up hanno raggiunto e di quanto lontano sono arrivate durante il programma. Abbiamo il privilegio di lavorare così vicino a importanti partner aziendali, Equinor e Capgemini Invent, per capire davvero come coinvolgere un gigante dell’energia, ” afferma Audun Abelsnes, amministratore delegato, Equinor & Techstars Energy Accelerator.
“La classe di quest’anno è una grande coorte di startup con idee brillanti e modelli di business innovativi che guidano la transizione energetica. Durante tutto il programma, abbiamo assistito a enormi progressi. In Capgemini Invent, siamo appassionati di dare vita al futuro e alle startup fare esattamente questo sviluppando il settore attraverso l’innovazione nella pratica”, afferma Elin Skauge, vicepresidente Innovation & Strategy Capgemini Invent Norway.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi