ESALQ-USP un inchiostro da manioca e amido di frumento per la stampa 3D di alimenti e medicinali

I ricercatori producono inchiostro da manioca e amido di frumento per la stampa 3D di alimenti e medicinali

Un team di ricerca internazionale ha sviluppato un inchiostro per la stampa 3D che si dice sia adatto per la produzione di alimenti stampati in 3D. Gli inchiostri sono fatti di manioca o amido di frumento. Oltre al cibo, i prodotti finali stampati in 3D possono essere utilizzati anche per capsule di farmaci o nutraceutici.
La produzione di cibo con una stampante 3D è stata un problema per molto tempo. Ad esempio, c’è carne stampata in 3D da Redefine Meat . La start-up olandese “Upprinting Food” produce snack alla moda dagli scarti alimentari e con una stampante 3D . Un gruppo di ricerca presso il Luiz de Queiroz College of Agriculture, University of São Paulo (ESALQ-USP) in Brasile ha lavorato con i colleghi francesi del Nantes Atlantic College of Veterinary Medicine, Food Science and Engineering (Oniris) e dell’Istituto nazionale di ricerca sull’agricoltura, l’alimentazione e Ambiente (INRAE)lavorato insieme. Hanno sviluppato idrogel a base di amido modificato per realizzare inchiostri per la stampa 3D per la stampa 3D di alimenti. Hanno presentato i risultati del loro lavoro sulla rivista Food – Research International con il titolo ” Trattamento di riscaldamento a secco: un potenziale strumento per migliorare le proprietà dell’amido di frumento per l’applicazione di stampa alimentare 3D “.

Gel per stampa 3D per alimenti
I gel sono a base di amido di manioca. Hanno modificato la struttura e le proprietà dell’amido con l’ozono in un progetto precedente. L’ozono è stato creato applicando una scarica elettrica all’ossigeno. Il gas ribolliva in un contenitore con una miscela di acqua e amido di manioca. Hanno quindi asciugato la miscela rimuovendo l’acqua. Il risultato è stato l’amido modificato.

Con diverse concentrazioni di ozono, temperature e tempi, potrebbero cambiare le proprietà per la consistenza desiderata. Oltre ai gel più deboli per altri usi, hanno ricevuto gel più forti per la stampa 3D . Hanno ottenuto un altro metodo di modifica dell’amido riscaldando la manioca e l’amido di frumento in un forno. Hanno controllato la temperatura e l’ora.

Ottenere i gel a base di amido modificato è ottimale per la stampa 3D. Il trattamento termico a secco amplia le possibilità strutturali dei campioni stampati a base di idrogel di amido di frumento. In vari progetti, hanno stampato i campioni di gel a base di manioca e amido di frumento per sviluppare gel funzionali a base di amido per la stampa 3D. L’agenzia per l’innovazione Pays de la Loire sostiene finanziariamente il progetto.

“L’esperienza combinata di tutti i ricercatori coinvolti nel progetto ci ha permesso di ottenere gel con una migliore stampabilità, che ha portato a cibi con una migliore forma, definizione e consistenza, che sono parametri essenziali per l’accettazione del prodotto”, hanno spiegato i ricercatori.

Il gruppo ESALQ-USP ora vuole studiare ulteriori metodi e fonti di modifica 3D per la produzione di gel per la stampa alimentare 3D.

Una stampante 3D di recente acquisizione sta aiutando ESALQ-USP a produrre strutture da questi gel. I gel, a base di manioca modificata e amido di frumento, possono essere utilizzati per la stampa 3D di qualsiasi cosa diversa dal cibo. Sarebbero possibili prodotti biomedici come capsule di farmaci e nutraceutici. I nutraceutici sono alimenti che nutrono e forniscono benefici per la salute.

Be the first to comment on "ESALQ-USP un inchiostro da manioca e amido di frumento per la stampa 3D di alimenti e medicinali"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi