Evonik presenta i nuovi fotopolimeri per la stampa 3D industriale
 
L’azienda chimica Evonik continua la sua offensiva materiale nella stampa 3D. Con INFINAM RG 3101 L e INFINAM FL 6300 L, lo specialista ha sviluppato due nuovi fotopolimeri per la stampa 3D industriale. Stanno espandendo la linea di prodotti di resine sintetiche che è stata introdotta solo quest’anno e che sono adatte per l’uso nei comuni processi di stampa 3D di fotopolimeri come SLA o DLP . Evonik presenterà per la prima volta i nuovi prodotti alla fiera Formnext dal 16 al 19 novembre a Francoforte sul Meno nel padiglione 12.1, stand C69.

“Utilizziamo instancabilmente la nostra forza innovativa globale per sviluppare nuovi fotopolimeri che consentono applicazioni illimitate. Stiamo quindi portando avanti risolutamente la stampa 3D industriale su larga scala. La fiera Formnext è una delle più importanti sedi internazionali del settore per la stampa 3D. Siamo quindi molto lieti di presentare qui per la prima volta i nostri ultimi materiali ad alte prestazioni pronti per l’uso “, afferma il dott. Rainer Hahn, responsabile del segmento di mercato dei fotopolimeri nella produzione additiva, un’area di crescita innovativa di Evonik.

INFINAM RG 3101 L è un’altra resina sintetica speciale per l’uso nelle tecnologie di stampa 3D SLA e DLP dal centro di innovazione di Evonik a Singapore. Il materiale pronto all’uso combina un’eccellente resistenza agli urti con una resistenza alle alte temperature con eccellenti proprietà meccaniche. I componenti 3D stampati da INFINAM RG 3101 L, come droni, fibbie o parti di automobili, possono essere lavorati a macchina e rimangono indistruttibili anche quando vengono applicate forti forze.

 
Con INFINAM FL 6300 L, Evonik e la società di stampa 3D con sede a Vienna Cubicure commercializzano un progetto di innovazione avviato congiuntamente nel 2019. Il processo di stampa litografica a caldo sviluppato da Cubicure consente per la prima volta di lavorare resine poliestere fotopolimerizzabili e altamente viscose. Contrariamente alla stereolitografia convenzionale , gli oggetti nella litografia a caldo vengono creati a una temperatura di lavorazione più elevata con l’aiuto della polimerizzazione indotta dalla luce. Il processo consente una selezione molto più ampia di componenti lavorabili.

Il risultato di questa collaborazione è il primo elastomero utilizzabile industrialmente della classe dei fotopolimeri. INFINAM FL 6300 L consente la produzione additiva di oggetti 3D altamente flessibili che convincono in termini di proprietà dei materiali essenziali per gli elastomeri: oltre all’eccellente elasticità alle basse temperature, i cicli di carico dinamico fino a un milione di variazioni di carico sono tra i suoi punti di forza.

“INFINAM FL 6300 L consente possibilità di produzione completamente nuove nel campo dei componenti elastici. Grazie all’elevata precisione con cui l’elastomero viene lavorato nei nostri sistemi di litografia a caldo, per la prima volta è possibile produrre le strutture più complesse da un materiale simile alla gomma. L’industria sportiva sta mostrando grande interesse nell’utilizzare il materiale per elementi di ammortizzazione in scarpe, manici e zaini “, afferma il dott. Robert Gmeiner, CEO di Cubicure.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi