FlashForge Creator Max recensione prova su Strada Test Drive


La FlashForge Creator Max è una stampante 3D di estrusione del desktop dual fatta dal produttore cinese FlashForge.

Un’evoluzione di Flashforge Creator Pro, derivato dal MakerBot Replicator open source , Creator Max offre una struttura robusta, una piastra di costruzione riscaldata e una camera di costruzione completamente chiusa per stampe multi-materiale con una gamma di materiali.


Con un prezzo (un po ‘) accessibile a poco meno di $ 900, possiamo vedere Creator Max accattivante per gli appassionati, i consumatori e le piccole e medie imprese che cercano una stampante 3D per la prototipazione rapida con capacità di stampa multi-colore o multi-materiale. Ma, dopo aver trascorso un po ‘di tempo con la stampante, possiamo dire che ci sono degli avvertimenti.

RECENSIONE MAX CREATOR DI FLASHFORGE
Con le radici che derivano dal replicatore open source MakerBot , Creator Max è il follow-up diretto della stampante 3D a doppia estrusione Creator Pro , rilasciata circa mezzo decennio fa.

Senza dissezionare troppo il suo lignaggio, ma quando si confronta la prima con la seconda, non si può aggirare il fatto che sembrano molto simili. Se non fosse per il nuovo touchscreen colorato, potresti aver pensato che fosse la stessa macchina.

Come con la Creator Pro, l’attrazione principale di Flashforge Creator Max è la sua capacità di stampare a doppio colore e doppio materiale. E come per l’aspetto, sembrerebbe che le prestazioni di stampa siano più o meno quelle trovate con la Pro. Un aggiornamento di progettazione marginale, con un notevole vantaggio per l’utente e un aumento del prezzo, toglie un po ‘a quella che dovrebbe essere una stampante piuttosto eccitante.

Analizziamo le cose.

DESIGN E CARATTERISTICHE

La camera di stampa chiusa della Creator Max.
Come nel passato delle macchine in stile Replicator, il Flashforge Creator Max ha un robusto scheletro metallico avvolto da pannelli di plastica. Ci piace la comodità data dalle maniglie di trasporto su entrambi i lati della stampante.


La parte frontale presenta una grande porta in acrilico trasparente. È possibile scegliere di chiudere completamente la stampante con il coperchio acrilico separato (in dotazione) o migliorare la ventilazione stampando senza.

Inoltre, troverai il touchscreen a colori da 3,5 pollici nella parte anteriore, lo slot per schede SD sul lato destro e i porta-spola del filamento sul retro.

La conservazione del filamento fuori dalla vista sul retro della stampante conferisce un aspetto più elegante da davanti, ma rende il cambio del filamento irritante. L’unico modo utile per posizionare la macchina sarebbe appoggiata nel mezzo della stanza come se facesse parte di una sorta di mostra. Assicurati di lasciare abbastanza spazio sul tuo spazio di lavoro per ruotare la Creator Max in posizione.

Il lato chiaro e scuro del portarocchetto.
Mentre siamo in tema di portarocchetti, la stampa di uno dei portarocchetti universali per Creator Max su Thingiverse dovrebbe essere considerata una delle tue prime attività all’avvio della stampante. I portarocchetti forniti con la stampante stock possono contenere solo bobine di filamenti Flashforge. Dover stampare portarocchetti più grandi non è un problema, ma tieni presente che Flashforge esegue questa stessa configurazione di stampante dal 2015 – non è irragionevole aspettarsi un qualche miglioramento qui.

A proposito di miglioramenti, il Creator Max è carente in una sola area: il raffreddamento della stampa. Per motivi a noi sconosciuti, i due estrusori sul Creator Max hanno solo un condotto unidirezionale del ventilatore, che soffia aria dal lato sinistro. Ciò significa che un aggiornamento essenziale per il Creator Max subito dopo il pipe è un doppio condotto del ventilatore che si raffredda direttamente sotto ciascun ugello.

A sinistra, a sinistra: tutto ciò che stampi nell’estrusore a sinistra.
La configurazione a doppia estrusione di Creator Max consiste in una singola testina di stampa con due estrusori a trasmissione diretta in tandem. A differenza dei sistemi indipendenti di doppia estrusione (IDEX), in cui due testine di stampa si muovono indipendentemente l’una dall’altra o che ritraggono meccanicamente gli ugelli (come si trovano sulle macchine Ultimaker e Raise3D), gli hotend in tandem del Creator Max consentono stampe a doppia estrusione relativamente rapide a spese della trasudazione dalla testina di stampa inattiva, soprattutto perché entrambi gli ugelli vengono mantenuti costantemente a temperatura.

Conoscere le difficoltà che possono sorgere con una doppia testina di stampa hotend rende ancora più incomprensibile la mancanza di un solido raffreddamento della parte. Ancora una volta, stampare un’alternativa è banale e migliora notevolmente le prestazioni di stampa. Senza tale modifica, tuttavia, anche le semplici stampe multicolori che utilizzano PLA sono invariabilmente disordinate con un ponte scadente (almeno le parti stampate senza raffreddamento diretto), per non parlare delle stampe multi-materiale con combinazioni di materiali sensibili alla temperatura.

Due è meglio di uno: la configurazione a doppia estrusione.
Il livellamento del letto del Creatore Max è, purtroppo, un esercizio frustrante, poiché livellare perfettamente entrambi gli hotend sul piatto potrebbe richiedere alcune prove. Lo stesso piano di stampa sulla Creator Max misura 227 x 148 mm, è livellato da un sistema a tre punti e si muove su e giù per una vite a piombo affiancata da due binari di guida da 10 mm.

Nessuna flessione qui: la piastra di costruzione in alluminio.
Sfortunatamente, il piano di stampa non è rimovibile, il che a volte rende difficile la rimozione della stampa, richiedendo molta forza bruta con la spatola. Mentre la piastra di alluminio aerospaziale da 6,3 mm sotto l’adesivo di adesione della stampa è abbastanza robusta, la sospensione del letto emana un’atmosfera piuttosto fragile, resa ancora più evidente quando si rimuovono con forza le stampe. Mentre la superficie del letto di stampa fornisce un’adesione adeguata, non rilascia stampe quando è fredda come il vetro rivestito in genere.

Da un punto di vista tecnico, Creator Max, nonostante il raffreddamento, offre tutti i prerequisiti necessari per la doppia stampa. Ma anche Creator Pro lo ha fatto nel 2015 – e quella macchina può essere trovata fortemente scontata in questi giorni.

INSTALLAZIONE E STAMPA
L’impostazione di Creator Max per la stampa è semplice e intuitiva. Confezionato in modo accurato e quasi pronto per l’uso, è sufficiente collegare la testina di stampa.

Creatore Max Assembla!
Nella nostra esperienza, la stampa a due colori, per non parlare di doppio materiale, è sconsigliata. Questa è la differenza che ha un migliore condotto della ventola di raffreddamento. Non che tu sia in grado di farlo, comunque, visto che l’unità è stata spedita con un solo rocchetto di filamento campione.

Saltando le stampe di esempio fornite perché non siamo riusciti a far funzionare lo slot per schede SD incluso (una correzione che ci ha richiesto di togliere il pannello laterale e regolare il lettore nel suo slot), abbiamo invece attivato la connettività WiFi. Utilizzando lo slicing Flashprint fornito, è possibile preparare e inviare direttamente i lavori di stampa dal computer per l’archiviazione locale sul disco rigido interno della stampante.

L’accessibilità WiFi è il secondo differenziale rispetto a Creator Pro. Tuttavia, non è possibile visualizzare in remoto le stampe in corso: una funzione disponibile nei modelli Flashforge più economici . Inoltre, tieni presente che non puoi eseguire una stampa dalla scheda SD mentre utilizzi il WiFi – di nuovo, qualcosa trovato sul più economico Adventurer 3

Abbiamo scoperto che il software di slicing Flashprint di Flashforge ha i suoi alti e bassi. Elementi visivi datati a parte, la maggior parte delle funzioni necessarie sono facilmente reperibili, mentre il resto è sepolto in oscuri menu delle impostazioni.

Ad esempio, la stampa con materiale di supporto solubile è un po ‘confusa in Flashprint. Anche se tecnicamente si stampa con due materiali, è necessario impostare la stampa su un singolo lavoro con ugello e quindi nel menu di suddivisione (solo dopo aver abilitato la modalità esperto, ovvero) abilitare la funzione di supporto solubile.

Il mondo su un piatto: il software Flashprint Slicer.
Come con qualsiasi software di sezionamento, Flashprint richiede un po ‘di tempo per abituarsi. Una volta familiarizzato con il programma, però, l’abbiamo trovato all’altezza del compito. Tuttavia, una stranezza del software e dell’hardware è l’uso predefinito delle impostazioni di stampa predefinite dell’estrusore destro, quello più lontano dal condotto della ventola di raffreddamento della stampa. È necessario cambiarlo nell’estrusore sinistro nella preparazione della stampa per un efficace raffreddamento della stampa.

Ci sono soluzioni alternative per usare artisti del calibro di Cura e Simplyfy3D, se lo desideri.

L’utilizzo dell’estrusore destro – in questo caso sinistro – da solo produce piacevoli stampe ad estrusione singola. Sia il porta-spola del filamento (PLA) sia in particolare il doppio condotto del ventilatore (usando Fusion ABS) sono stampe esteticamente fini senza problemi apparenti o incoerenze.

Finitura suprema: il doppio condotto del ventilatore stampato con ABS.
La stampa con doppia estrusione è un’altra storia. Le stampe decenti arrivano con il tempo e il ritocco delle impostazioni, ma difficilmente si spara e si dimentica.

È necessario apportare modifiche alla stampa per cercare di evitare che l’ugello inattivo contamini la stampa. Abbiamo riscontrato un certo successo utilizzando una parete di spurgo attorno alle stampe a due colori, contribuendo a mantenere gli ugelli adeguatamente innescati e a ridurre al minimo le perdite. Sfortunatamente, non è prevenibile al 100%, il che si traduce in macchie indesiderate sulla superficie delle stampe.

L’ultima volta che abbiamo controllato, l’Oceano Atlantico aveva meno isole.
La regolazione delle velocità e delle impostazioni di retrazione ha dato risultati notevolmente migliori.

Esperienze simili si sono verificate durante la prova di materiale di supporto solubile. Una volta che hai familiarità con le ingombranti impostazioni dell’affettatrice, la stampa – specialmente il supporto solubile dissolvibile – è un’avventura da sola, ma i risultati sono mediocri.

Rispetto: una parte meccanica stampata con supporto solubile (a sinistra) e supporto standard (a destra).
Dall’immagine sopra è chiaro che la finitura superficiale subisce un colpo quando si usano supporti solubili. Sembrerebbe che si debba fare un compromesso tra complessità della stampa e qualità della superficie. Tuttavia, le stampe a doppio materiale e bicolore sono innegabilmente divertenti e aprono un mondo di possibilità – qualcosa che poche stampanti di stock offrono.


Verdetto

Una raccolta di stampe a più colori abbiamo esaminato la nostra recensione di una settimana.
La valutazione di Flashforge Creator Max non è stata facile. Da un lato, offre le possibilità offerte dalla doppia estrusione. E anche se le stampe lasciano margini di miglioramento, ma non stampa con successo a più colori, gli oggetti multi-materiale. Dall’altro, il prezzo richiesto di quasi $ 900 per quella che è essenzialmente una stampante 3D del 2015 con punti di miglioramento minimi.

Mancano anche funzionalità comuni tra le macchine economiche, come una funzione di ripresa della stampa e sensori di esaurimento del filamento.

La qualità di stampa a doppia estrusione su Creator Max può essere impressionante dopo alcune modifiche, ma sospettiamo che alcuni dei problemi della stampante siano inestricabili dagli hotend in tandem e dal livellamento di base del letto. (E questo senza menzionare l’handicap del condotto della ventola di raffreddamento a stampa singola.)

Coloro che hanno il tempo di armeggiare possono trovare valore nel Creator Max, anche se probabilmente non perderesti molto trovando un Creator Pro scontato e risparmiando denaro.


Caratteristiche
Doppio estrusore

FlashForge Creator Max è dotato di un doppio estrusore. Ciò significa che è possibile raddoppiare la produttività della stampante stampando due oggetti contemporaneamente e utilizzare due materiali diversi per la stessa stampa.

Dalla stampa di geometrie complesse con materiale di supporto PVA solubile in acqua a stampe bicolore o multi-materiale, il sistema a doppia estrusione e la camera chiusa consentono a Creator Max di elaborare un’ampia gamma di materiali tra cui PLA, ABS, HIPS, flessibili e compositi come legno-riempimento, rame-riempimento e altro ancora.

Camera di costruzione chiusa

Creator Max viene fornito con una porta sigillabile e una copertina rimovibile, consentendo un equilibrio termico e condizioni di stampa stabili. Questa è la chiave per stampare materiali più difficili come l’ABS.

Contiene inoltre alcuni dei fumi del processo di stampa, trattiene polvere e particelle estranee da parti complesse, aggiunge un’ulteriore precauzione di sicurezza e aiuta a smorzare il rumore di funzionamento.

Quando si stampa con PLA, è possibile aprire lo sportello e rimuovere il coperchio superiore, per consentire all’aria di fluire poiché i risultati del PLA tendono ad essere migliori quando la camera di stampa è ben ventilata.

Macchina robusta

Creator Max presenta uno chassis robusto in un mantello ben progettato e intuitivo.

Il robusto telaio in metallo stampato ad iniezione dovrebbe mantenere tutto stabile durante il funzionamento. Dovrebbe anche evitare che le stampe risultino traballanti e mantenere la precisione avendo meno vibrazioni. Inoltre, la sua piastra di costruzione è realizzata in alluminio aerospaziale da 6,3 mm per distribuire uniformemente il calore.

In combinazione con la camera di stampa completamente chiusa, Creator Max sembra ben attrezzato per stampe affidabili e di alta qualità.

Ulteriori caratteristiche
Le funzionalità aggiuntive includono:

Livellamento manuale a tre punti con grandi manopole di livellamento
Il sistema open-source offre una gamma di software di slicing da utilizzare
Maniglie di forma ergonomica per spostamenti comodi e sicuri
Connettività WiFi


Specifiche tecniche

SPECIFICHE GENERALI
Tecnologia : modellazione a deposizione fusa (FDM)
Anno : 2019
Assemblaggio : assemblato
Disposizione meccanica : testa XY cartesiana
Produttore : Flashforge
PROPRIETÀ DELLA STAMPANTE 3D
Volume di costruzione : 227 x 148 x 150 mm
Sistema di alimentazione : Direct drive
Testina di stampa : ugello singolo
Dimensione ugello : 0,4 mm
Max. temperatura dell’estremità calda : 240 ℃
Max. temperatura del letto riscaldata : 120 ℃
Telaio : alluminio
Livellamento del letto : manuale
Connettività : scheda SD, WiFi, cavo USB
Ripristino stampa : No
Sensore di filamento : No
Fotocamera: No
MATERIALE
Diametro del filamento : 1,75 mm
Filamento di terze parti : Sì
Materiali del filamento : materiali di consumo (PLA, ABS, PETG, flessibili)
SOFTWARE
Affettatrice consigliata: Flashprint , Cura, Simplify3D
Sistema operativo : Windows, Mac OSX
Tipi di file : STL, OBJ, AMF
DIMENSIONI E PESO
Dimensioni del telaio : 320 x 467 x 381 mm
Peso : 14,8 kg

Be the first to comment on "FlashForge Creator Max recensione prova su Strada Test Drive"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi