Ford ed ExOne processo per la rilegatura e la sinterizzazione dell’alluminio 6061 parti.

Ford ed ExOne annunciano una “svolta” nella stampa 3D a getto di legante in alluminio per il settore automobilistico
“La stampa 3D in alluminio ad alta velocità apre la strada ad altre opportunità a cui stiamo appena iniziando a dare un’occhiata”.

Continuando la sua missione di rendere il 2021 ” l’anno del binder jet “, Ford Motor Company ed ExOne hanno annunciato una “svolta” nella stampa 3D binder jet per l’industria automobilistica a seguito di una collaborazione di successo per sviluppare un processo per la rilegatura e la sinterizzazione dell’alluminio 6061 parti.

Si dice che il processo in attesa di brevetto fornisca proprietà paragonabili a quelle della pressofusione con densità elevate superiori al 99 percento e si prevede che “aumenti l’efficienza di Ford” sfruttando la velocità del getto del legante insieme alla complessità delle parti, al peso e alle riduzioni del numero di parti. offerto dalla produzione additiva. Entrambe le società sono impostate per depositare brevetti collaborativi e individuali dal progetto.

“Questa è una svolta nella realizzazione di parti stampate e sinterizzate in 3D per l’industria automobilistica”, ha affermato Harold Sears, leader tecnico Ford per la produzione additiva. “Sebbene il processo di stampa 3D sia molto diverso dallo stampaggio dei pannelli della carrozzeria, oggi comprendiamo meglio il comportamento dell’alluminio, così come il suo valore nei veicoli leggeri. La stampa 3D in alluminio ad alta velocità apre la strada ad altre opportunità a cui stiamo appena iniziando a dare un’occhiata a causa della capacità di realizzare parti complesse con alluminio che in precedenza non erano possibili. Sta davvero aprendo le porte ad altre opportunità “.

Il progetto è in lavorazione dal 2019 con Ford che ha assunto la guida del materiale finale e dei test di ripetibilità, mentre un team congiunto Ford-ExOne ha lavorato su progetti specifici per il nuovo processo. Il leader automobilistico ha utilizzato la tecnologia di ExOne per un po ‘di tempo ed è stato uno dei primi ad adottare le stampanti 3D a sabbia di ExOne all’inizio degli anni 2000. Oggi, si dice che Ford ospiterà una serie di sistemi ExOne presso il suo Advanced Manufacturing Center nel Michigan e lo stabilimento con sede nel Regno Unito.

“Lo sviluppo di un modo rapido, conveniente e facile per stampare in 3D l’alluminio con le proprietà dei materiali tradizionali è un passo fondamentale verso la leggerezza di più prodotti e la fornitura di un futuro più sostenibile”, ha affermato John Hartner, CEO di ExOne. “I nostri ingegneri e scienziati di livello mondiale sono concentrati sulla risoluzione dei problemi più difficili con la tecnologia di stampa 3D e questo risultato è una vera vittoria per tutti noi”.

Be the first to comment on "Ford ed ExOne processo per la rilegatura e la sinterizzazione dell’alluminio 6061 parti."

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi