3DPrinterOS sta portando il “supporto completo per il cloud” alle stampanti 3D di Formlabs
Le aziende affermano che la partnership automatizzerà, integrerà e standardizzerà le fattorie di stampa 3D. 

Formlabs  e  3DPrinterOS  hanno annunciato una partnership che porterà il “supporto completo del cloud” alla prima gamma di sistemi di stampa 3D. 

3DPrinterOS ritiene che il cloud sia spesso un termine improprio quando si tratta di produzione additiva (AM). La società afferma che “troppi” giocatori nel software di posizione spaziale AM ​​come soluzione basata su cloud, quando il processo prevede il download di file dal sito Web, a volte con un’opzione per la rete locale e la condivisione di file. Di conseguenza, ha collaborato con Formlabs per offrire funzionalità come lo slicing in-cloud per i propri clienti. 

Secondo Formlabs e 3DPrinterOS, una funzionalità di slicing completamente supportata dal cloud rimuove i colli di bottiglia del flusso di lavoro e le potenziali falle di sicurezza per gli utenti che desiderano introdurre nuove funzionalità hardware e materiali nelle loro operazioni di stampa 3D. Le aziende spiegano anche che un supporto cloud realizzabile può supportare le aziende di stampa. 

“Per oltre cinque anni, lo slicing in-cloud di Formlabs è stata la richiesta numero uno da parte degli utenti di 3DPrinterOS. Siamo estremamente entusiasti e orgogliosi di offrire finalmente alla community la stampa con un clic ora disponibile per le stampanti 3D Formlabs, direttamente dal browser Web, senza download”, ha affermato John Dogru, fondatore di 3DPrinterOS. “Carica semplicemente la tua parte ed è immediatamente affettata nel cloud o nei server privati, pronta per la stampa e la scalabilità su un numero infinito di utenti, stampanti e posizioni”.


3DPrinterOS afferma che la sua piattaforma decentralizzata è stata utilizzata per costruire oltre 2 milioni di parti in oltre 130 paesi, con quasi un millennio di tempo di stampa 3D totale. Secondo l’azienda, parte dell’offerta del software prevede il non dover lasciare la piattaforma per rimbalzare tra le suite software.

I creatori affermano che 3DPrinterOS porta “unità” nel settore, offrendo una piattaforma che consente di eseguire lo slicing in modo nativo nel software dell’OEM, contribuendo a scalare le soluzioni di produzione additiva.

 
Collegamento delle stampanti 3D Formlabs a 3DPrinterOS
“I nostri clienti e il settore stavano aspettando il cloud slicing per le stampanti Formlabs. Molto simile al resto del settore, fino ad ora hai dovuto utilizzare un software desktop per preparare tutto. Non è facile, non puoi, con un clic, dare la possibilità a migliaia di utenti in un’università o in un’azienda di inviare lavori in modo semplice e sicuro alle stampanti 3D. Ecco perché esiste 3DPrinterOS e perché siamo la scelta n. 1 nelle prime 100 università del mondo come MIT , Harvard , Yale , ecc. e aziende come Bosch , Google , John Deere , Eaton ecc.”, ha affermato Dogru, parlando di integrazione.

Dogru ha aggiunto: “La nostra potente tecnologia cloud proprietaria ci consente di ospitare tutti gli slicer, su un server, e di fornire istantaneamente ai tuoi utenti l’accesso per inviare lavori di stampa senza dover scaricare tutti i software dei produttori sul desktop e passare attraverso una complessa curva di apprendimento. “

I sistemi supportati includeranno Formlabs Form 2 , Form 3+ , Form 3L , Form 3B , Form 3BL e Fuse 1 . Entrambe le società ritengono che l’affettatrice Formlabs rappresenti un significativo passo avanti sia per l’OEM hardware che per 3DPrinterOS. Formlabs afferma che offrendo “un’operatività potente e neutra”, può spingere i confini di ciò che i suoi operatori vogliono ottenere.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi