Formlabs Russell Bobbitt e Marvel Studio

 

Non è tutto solo computer Graphics . con la stampa 3d l’oggetto fisico torna ad essere protagonista

COMUNICATO STAMPA

Senza oggetti di scena, alcuni dei più grandi successi di Hollywood non esisterebbero. Russell Bobbitt, capo degli oggetti di scena dei Marvel Studios, vanta oltre 30 anni di esperienza nella progettazione cinematografica, prestando le sue abilità a film di successo come Iron Man, Avengers e Guardiani della Galassia. In qualità di esperto, Bobbitt è responsabile di molti elementi chiave che appaiono sullo schermo. “Nel mondo Marvel sono responsabile dello scudo di Capitan America, del martello di Thor, dei reattori ad arco di Iron Man e della luce che indossa sul petto, tra le altre cose”, ha detto Bobbitt. Ma l’esperto Marvel non si limita solo a lavorare sui pezzi straordinari: essenzialmente tutto ciò che un attore tocca, persino le maniglie delle porte, è considerato un oggetto di scena.

La creazione di oggetti di scena richiede un’incredibile creatività, immaginazione e precisione. È qui che entra in gioco la stampa 3D. Durante il Formlabs User Summit, Bobbitt ha spiegato come è stato in grado di sfruttare la stampa 3D nel mondo Marvel.

Dove nasce tutto

Bobbitt è stato introdotto alla stampa 3D da JJ Abrams durante la sua partecipazione a Star Trek del 2009. Abrams voleva che un poliziotto su una motocicletta galleggiante tirasse fuori la sua pistola a raggi. Quando Bobbitt ha chiesto di avere un’indicazione, Abrams ha detto di avere una stampante 3D nel suo ufficio. Quindi Bobbitt si è messo al lavoro, ha collaborato con un esperto CAD per inventare l’oggetto di scena. “Ci siamo seduti e abbiamo estratto la pistola dopo aver premuto il pulsante di stampa”, ha detto Bobbitt. “Questo è stato il mio battesimo alla stampa 3D, con JJ Abrams in Star Trek. Avevamo la pistola il giorno dopo. L’ho fatta dipingere rapidamente dai designer e abbiamo usato il [raygun] direttamente dalla macchina. Niente stampi, niente colate, niente di niente. In 24 ore avevamo realizzato l’idea geniale di J.J. Abrams, abbiamo pensato che ci stesse mettendo alla prova. Il regista sapeva che avrei dovuto ricorrere alla stampante 3D”.

All’epoca, le stampanti 3D non erano così accessibili come lo sono ora. Bobbitt ricorda che la prima stampante 3D che ha usato aveva un prezzo di $150.000. Era così convinto che la stampa 3D avrebbe giocato un ruolo fondamentale nella scenografia che ha detto: “Mi sono subito immerso e ho iniziato a fare ricerche sulla stampa 3D e ho detto a tutti i miei amici illustratori che disegnano con le matite che era meglio prendersi un computer”.

La stampa 3D per la creazione di oggetti di scena

I flussi di lavoro di stampa 3D differiscono per ogni settore e applicazione. Bobbitt ha messo a punto il suo flusso personale che inizia con la lettura dello script. “Nove volte su dieci sono diventato il produttore di riferimento per questo settore. Solitamente mi chiamano quando è richiesta una grande produzione rispetto magari a quanto necessario in una commedia romantica… Come sarà un’arma nello spazio tra 2.200 anni? Quindi devo sognare tutto questo”, spiega Bobbitt. Il produttore fa un elenco degli oggetti di scena importanti e lavora con un team di illustratori per disegnare gli oggetti di scena. Poi, presenta gli schizzi al regista. Da lì, Bobbitt e il regista decideranno gli schizzi da trasformare in oggetti di scena. “E poi, una volta che otteniamo l’approvazione, lo portiamo nel mondo CAD… Abbiamo sicuramente bisogno di un progetto CAD per poter realizzare un bel prototipo e realizzare poi stampi, calchi e oggetti di scena in gomma per scene acrobatiche e così via”.

Questo è seguito dall’incontro con l’attore per discutere eventuali aggiustamenti che devono essere fatti. “Poi parte il processo di produzione e una volta approvato, se l’attore si sente a suo agio, stampiamo. Per esempio, Stormbreaker, il nuovo Thor Hammer, l’abbiamo costruito in 34 pezzi, assemblati come un trofeo”, ha detto Bobbitt. Bobbitt ha lavorato direttamente con Chris Hemsworth per adattare lo Stormbreaker.

La stampa 3D consente di risparmiare notevolmente tempo per la realizzazione di oggetti di scena e alimenta la creatività nel processo di progettazione, permettendo la creazione di dozzine di prototipi interni. Il processo di progettazione diventa più flessibile e fluido e gli oggetti di scena possono essere creati in modo efficiente.

“Realizziamo la stampa finale e poi mettiamo in produzione. Non realizziamo solo un prototipo ma potenzialmente ne potremmo realizzare otto o dieci in modo da sapere esattamente cosa è necessario prima di spendere molti soldi in siliconi costosi per realizzare stampi e colate e poi non essere soddisfatti dell’output”, ha detto Bobbitt. “Ai vecchi tempi, avevo uno scultore che scolpiva gli oggetti di scena e lui ne scolpiva uno più grande e poi uno più piccolo e così via”.

Il futuro della stampa 3D nell’entertainment

Bobbitt vanta oltre 30 anni nel settore dell’entertainment e i cambiamenti nel corso degli anni sono stati monumentali. “Facevamo film in cui non avevamo un telefono cellulare, io avevo un cercapersone mentre ora abbiamo stampanti 3D”, ricorda.

La stampa 3D ha stravolto la produzione di oggetti di scena. Per Bobbitt, la stampa 3D è uno strumento quotidiano. “Quello che stiamo scoprendo è che sempre di più la stampa 3D è diventata un oggetto di uso quotidiano. È così utile che non puoi non realizzare un’idea brillante. Il fatto che abbiano preso un asse X e Y e aggiunto un asse Z è stato un momento che ha cambiato la vita per molti e in diversi settori”.

Bobbitt utilizza la stampa 3D per stampare circa 100 oggetti di scena per film. “Sto lavorando a cinque spettacoli in streaming Marvel in questo momento e a un lungometraggio… Sto stampando 200 oggetti di scena proprio ora, ecco perché è un lavoro costante”, ha detto.

Con così tanti oggetti di scena da stampare, Bobbitt sperimenta materiali diversi. “Stampiamo da due a quattro prototipi in una resina dura. E poi se c’è una scena spettacolare con un’elica, ne stamperò da sei a dieci in gomma, così se un attore deve rotolare o cadere o colpire qualcuno possiamo usare una gomma più morbida”.

Il futuro della stampa 3D nel settore cinematografico è strabiliante. In qualità di veterano del settore, gli viene spesso chiesto come far parte di questo business. Il consiglio che offre Bobbitt è: “se hai passione per questo settore e sei un artista, puoi realizzare un progetto CAD 3D, bussare a tutte le porte e trovare persone come me”. Senza dubbio oggi, la stampa 3D è molto richiesta.

Be the first to comment on "Formlabs Russell Bobbitt e Marvel Studio"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi