Introduzione: Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, a più di 2 milioni di donne in tutto il mondo viene diagnosticato un cancro al seno ogni anno. È il cancro più diffuso nelle donne nel mondo, uccidendo quasi 700.000 persone ogni anno.

Circa il 40% delle persone a cui è stata diagnosticata la condizione finisce per dover sottoporsi a mastectomia , che comporta la rimozione parziale o completa del tessuto mammario interessato. Tuttavia, con i trattamenti moderni, il tasso di sopravvivenza è superiore al 90%, il che significa che sempre più donne cercano trattamenti di ricostruzione del seno per sostituire il tessuto perso.

Il 20 gennaio 2022, Antarctic Bear ha appreso che Healshape, una startup di medicina rigenerativa con sede a Lione, in Francia , ha raccolto 6,8 milioni di dollari in un round di finanziamento di serie A per sviluppare protesi mammarie biostampate in 3D utilizzando cellule di pazienti viventi .

La società, sostenuta dall’acceleratore di trasferimento tecnologico Pulsalys SAS, ha ricevuto più di 1 milione di dollari in fondi pro bono e sussidi dalla Francia dal suo lancio nel gennaio 2020.

La missione di Healshape è fornire protesi mammarie biostampate in 3D specifiche per il paziente per le donne sottoposte a mastectomia dopo il cancro al seno. Questi impianti possono essere stampati praticamente in qualsiasi forma e dimensione e aiutano a ricostruire il volume del seno e il complesso areola-capezzolo senza il rischio di rigetto dell’impianto.

Sophie Brac de la Perrière, CEO di Healshape, ha dichiarato: “Le pazienti avranno il seno restaurato entro 6-9 mesi, senza alcuna traccia di bioprotesi. Questo aiuterà le pazienti ad accettare la propria immagine e ricreare il proprio corpo. Soddisfatte”.

Molte di queste procedure di ricostruzione del seno comportano l’uso di protesi artificiali o matrici di tessuti molli di altri esseri umani e animali. Sfortunatamente, gli impianti provenienti da queste fonti possono causare troppe variazioni perché il trattamento possa essere considerato affidabile e c’è sempre il rischio di una risposta immunitaria che potrebbe rallentare il processo di guarigione.

L’approccio di Healshape all’ingegneria dei tessuti mira ad affrontare questi problemi combinando la biostampa 3D con colture cellulari viventi prelevate dal corpo del paziente.

Protesi mammarie riassorbibili biostampate

La tecnologia di bioprotesi di Healshape si basa su un idrogel assorbibile che può essere biostampato in 3D in qualsiasi forma libera. Una volta impiantato in un paziente, il trasferimento di grasso dalle cellule del corpo del paziente aiuta nella colonizzazione della protesi mammaria e gli consente di svilupparsi nel tessuto mammario nativo, mentre tutto questo idrogel viene gradualmente assorbito e sostituito.

La tecnologia di Healshape è il risultato di un’ampia ricerca sul bioprinting condotta in collaborazione con un gruppo di ricerca guidato da Christophe Marquette, ricercatore senior presso l’Istituto di studi molecolari e supramolecolari presso il Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (ICBMS). Marquette guida anche la piattaforma 3d.FAB e ha fondato la società di ingegneria dei tessuti LabSkin Creations. La tecnologia bioink di Healshape è attualmente protetta da brevetto.

Marquette ha aggiunto: “In origine, la tecnologia era stata sviluppata per la stampa di sostituti della pelle. Per il progetto Healshape era necessario adattare il processo ai volumi di stampa e garantire il successivo consolidamento del bioink per renderlo compatibile per l’impianto in vivo”.

La tecnologia di bioprinting 3D di Healshape è attualmente nella fase preclinica , con l’inizio degli studi clinici entro i prossimi due anni.

Proprio di recente, la startup biotecnologica con sede in Corea del Sud Plcoskin ha annunciato che avrebbe guidato un progetto di ricerca congiunto internazionale incentrato sullo sviluppo di un nuovo tipo di protesi mammarie stampate in 3D. Insieme alla Yonsei University e alla LipoCoat, una società di rivestimento di dispositivi medici con sede nei Paesi Bassi , Plcoskin riceverà circa 2 miliardi di won (1,7 milioni di dollari) nei prossimi tre anni.

Altrove, il produttore di stampanti 3D 3D Systems ha recentemente annunciato un accordo di co-sviluppo con la società di medicina rigenerativa CollPlant per sviluppare strutture di tessuti molli biostampate in 3D per trattamenti di ricostruzione del seno. Implementate insieme alle protesi mammarie, le strutture dei tessuti molli verranno utilizzate per fornire supporto alla parte inferiore del seno e per espandere la tasca implantare, aumentando la copertura complessiva della protesi. Come Healshape, il suo obiettivo finale è migliorare il successo della chirurgia di ricostruzione del seno per i sopravvissuti al cancro.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi